Sprint Cup 2014 preview – L’Hendrick Motorsports punta a dominare un’altra stagione

La preview 2014 dei team della Sprint Cup Series non poteva non cominciare con l’Hendrick Motorsports che ha vinto il titolo piloti l’anno scorso grazie a Jimmie Johnson, punta di diamante del team e sei volte campione della NASCAR Sprint Cup Series. La squadra di proprietà di Rick Hendrick punterà di nuovo a stare davanti a tutti. Il team schiererà sempre quattro vetture, rispettivamente guidate da: Jimmie Johnson, Jeff Gordon, Kasey Kahne e Dale Earnhardt Jr. Tutti e quattro correranno per vincere il campionato, ma dovranno risolvere prima una battaglia interna al team con Jimmie Johnson, determinato determinato a vincere il suo settimo titolo in carriera. Senz’altro l’HMS sarà il team da battere quest’anno.

[divider]

Team

Il 2013 è stato un’anno di alti e bassi per il team diretto da Rick Hendrick. Se gli alti possono avere un nome in Jimmie Johnson, non si può dire certamente la stessa cosa per Jeff Gordon, Kasey Kahne e Dale Jr. Il campionato era partito nel migliore dei modi con la vittoria di Johnson nella prestigiosissima Daytona 500 mentre la prima parte di stagione non è stata facile ne per Jeff Gordon ne per Kasey Kahne che hanno arrancato non poco per trovare il ritmo. Una sorpresa è arrivata, invece, da Dale Jr. che ha condotto un campionato quasi da titoloma che si è perso per strada varie volte, perdendo punti preziosi. Il 2014 si preannuncia un anno di grande competitività all’interno dell’Hendrick Motorsports.

[divider]

Piloti

[column col=”1/3″]

48lowes-white-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#48 Jimmie Johnson: Il 2013 è stato l’anno del sesto titolo in carriera per il pilota di El Cajon, California, che ha sbaragliato la concorrenza con l’eccezione di uno straordinario Matt Kenseth, il quale ha saputo tenergli testa per tutto il corso del campionato. Tra gli addetti ai lavori si ha la sensazione che il 2014 sarà l’anno del settimo titolo per Johnson, che così raggiungerà due colossi del mondo delle stock cars americane ossia Dale Earnhardt e Richard Petty. Ciò che veramente sorprende del pilota alla guida della Chevy #48, è la costanza e la passione con cui ancora guida nonostante abbia già vinto ben 6 titoli. Se vi aspettate un Johnson sulla difensiva, allora vi sbagliate di grosso.

[/column]

[column col=”1/3″]

24drivetoendhunger-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#24 Jeff Gordon: Un altro anno è passato, ma la grinta in Jeff Gordon rimane. Il pilota californiano farà di tutto per rimanere al top anche in questa stagione, che rappresenterà la sua 21esima annata in Sprint Cup Series. La competitività non mancherà di certo a Gordon, ma allo stesso tempo dovrà essere bravo a capitalizzare situazioni a lui favorevoli. Nella passata stagione è arrivata solamente una vittoria per il 42enne pilota di Vallejo, California, troppo poco per ambire ad un titolo Sprint Cup. Una cosa è certa però: aspettiamocelo come sempre nelle parti nobili della classifica. Jeff non molla mai.

[/column]

[column col=”1/3″]

5farmers-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#5 Kasey Kahne: La seconda stagione di Kasey Kahne all’Hendrick Motorsports ha visto il pilota di Enumclaw vincere altre due gare in Sprint Cup Series. Kahne si è qualificato alla Chase, ma non ha saputo esprimere lo stesso potenziale che aveva mostrato durante la regular season. Il 2014 si preannuncia una stagione in cui lotterà certamente per il titolo e, questa volta, si spera sia più costante rispetto all’annata passata, in cui ha acciuffato la qualificazione alla Chase grazie ad una della due wild-card disponibili. Kahne è ancora giovane e ha un futuro con un gran potenziale davanti a sé.

[/column]

[column col=”1/3″]

88nationalguard-diecast

[/column]

[column col=”2/3″ last=”true”]

#88 Dale Earnhardt Jr. : Il 2013 è stato una delle migliori stagioni di sempre in Sprint Cup Series per Dale Earnhardt Jr. Il pilota di Kannapolis, North Carolina, ha concluso in quinta posizione assoluta lo scorso campionato senza vincere nemmeno una gara. Il segreto del parziale successo di Dale è stato senza dubbio la costanza dei piazzamenti, insieme ai pochissimi ritiri. L’impatto con la nuova vettura, la Gen-6, è stato molto positivo per Dale e non è da escludere un ulteriore miglioramento nel 2014. Alla NASCAR, un ritorno al successo del figlio del leggendario Dale Earnhardt non farebbe certo male, anzi. La JR Nation è lì pronta per festeggiare.

[/column]

Le immagini dei modellini sono tratte da Jayski.com

Federico Floccari