Sprint Cup – Gordon emerge nel finale, Biffle e Busch prime vittime eccellenti nella Chase

AAA 400

Il successo perentorio di Jeff Gordon al Dover International Speedway –il primo sul circuito del Delaware dal 2001 a questa parte e il numero 92 in carriera – segna la conclusione della prima fase dei nuovi playoffs della NASCAR Sprint Cup Series e l’ennesima conferma che un quinto titolo del pilota di Vallejo potrebbe essere una delle poche alternative al dominio Penske che abbiamo intravisto fino ad ora. La AAA 400 ci ha mostrato però anche un Kevin Harvick ancora una volta velocissimo ma sfortunato, un team Stewart-Haas Racing in difficoltà con le altre tre vetture, due eliminazioni preventivate ma non scontate per Allmendinger e Almirola e un’altra delusione per Greg Biffle e il Roush Fenway Racing.

AAA 400

Gordon l’alternativa a al duo Penske?

Diciamocelo: la AAA 400 doveva finire nelle mani di Kevin Harvick, ma queste sono le corse. Non basta dominare per 300 miglia, bisogna arrivare per primi sotto la bandiera a scacchi e a furia di regalare vittorie agli avversari si rischia di pentirsene amaramente. Questa volta a mettere i bastoni tra le ruote del pilota della Chevy SS #4 ci ha pensato un dado ruota, finito tra il cerchio e il disco freno dopo una sosta, che ha finito con il forare la gomma anteriore sinistra di Harvick, che fino a quel momento aveva condotto qualcosa come 223 giri in testa nei primi 248. A salire in cattedra è stato brevemente Brad Keselowski, che si è però dovuto arrendere alla forza di Jeff Gordon nei long run.

Non appena la gara si è protratta per almeno 50 giri in bandiera verde, la Chevy #24 è emersa al galoppo e Gordon è passato in testa con un bel sorpasso all’esterno a meno di 100 tornate dal termine. Da quel momento Keselowski ha provato a impensierirlo, ma senza mai realmente metterne in pericolo la leadership. Ed eccoci allora a festeggiare il quarto successo stagionale di quel campionissimo che risponde al nome di Jeff Gordon, sempre più calato nel ruolo di unica consistente alternativa al duo Penske nella lotta al titolo – probabilmente insieme ad Harvick, se riuscirà a mettere insieme una sequenza di gare scevre da problemi di sorta – più ancora del compagno di squadra e sei volte campione della categoria Jimmie Johnson.

AAA 400

La gara degli altri: hai voglia a parlare di pathos dei playoff

Nonostante Dover sia da diversi anni il giardino di casa Johnson, il campione in carica della Sprint Cup Series sulla sua pista preferita – ci ha vinto qualcosa come nove volte – non è riuscito a far meglio del terzo posto, senza oggettivamente mai apparire in grado di mettere il muso della sua Chevy davanti al gruppo. Stesso discorso per tutti gli altri contendenti della Chase, a riprova del fatto che una corsa in macchina non è una partita di football o di basket: non c’è lo stesso livello di strategia, semplicemente si attacca a tutta e a volte il mix pilota/vettura non è forte a sufficienza, che cambi due o quattro gomme, che si fermi ai box o meno. E allora l’ordine d’arrivo vede nei primi dieci anche Logano, già qualificato al round successivo dalla vittoria di settimana scorsa, Kenseth, Newman, Bowyer e Kyle Busch, ma soprattutto un Kyle Larson ancora una volta sorprendente e sesto al traguardo –  – seguito da un Martin Truex Jr. davvero solido, che non vedeva la top-10 dalla gara di Pocono dell’8 giugno.

Nonostante l’incredibile colpo di sfortuna, Kevin Harvick è riuscito comunque a chiudere tredicesimo, davanti al suo “capo” Tony Stewart.

Gli eliminati: Greg Biffle e Kurt Busch le prime vittime eccellenti della Chase

I nomi di AJ Allmendinger ed Eric Almirola erano oggettivamente i più facili da mettere tra gli eliminati al termine del Challenger Round, ma in realtà i due esponenti di team “minori” entrati quest’anno nella Chase si sono difesi con le unghie e con i denti, tanto che Allmendinger per lunghi tratti della AAA 400 è stato anche un paio di punti al di sopra del “taglio”. Purtroppo però la sua vettura pareva un cavallo imbizzarrito e lo ha obbligato a fare gli straordinari per portare a casa un 23esimo posto che non è stato comunque abbastanza e lo ha lasciato primo degli eliminati, a 2 miseri punticini da Kasey Kahne.

Proprio Kasey Kahne è stato l’eroe di giornata nella parte bassa della Chase, perché ha saputo recuperare la bellezza di due giri dopo una sosta in verde non prevista, causata da una ruota mal fissata. “Ero sicuro che avevamo una macchina in grado di farcela e siamo stati bravi e fortunati a rientrare nel novero di quelli che sono passati,” ha detto il pilota di Enumclaw, che ha mantenuto tutte e quattro le vetture dell’Hendrick Motorsports in corsa per il titolo.

Deluso anche Kurt Busch, che però è ben conscio che il suo programma allo Stewart-Haas Racing è appena all’inizio. “Abbiamo avuto sottosterzo nelle ultime 100 miglia, ma non ci si può aspettare di andare avanti nei playoff con un quindicesimo posto. Bisogna fare meglio e continueremo a lavorare per far meglio,” ha dichiarato.

In casa Roush Fenway Racing per un momento hanno sudato freddo, quando nei primi 100 giri sia Carl Edwards che Greg Biffle erano a rischio eliminazione. Poi Cousin Carl  si è ripreso e ha passato il turno, mentre a Biffle è toccata l’onta dell’uscita di scena dai playoff. Il lato peggiore è che l’unico pilota rimasto a giocarsi il titolo, per di più con speranze molto ridotte a meno di miracoli, è quello in partenza per il Joe Gibbs Racing.

Verso la roulette di Talladega

E ora si ricomincia daccapo, con 12 piloti con lo stesso punteggio e tre gare per eliminarne quattro: Kansas, Charlotte e Talladega. Sotto a chi tocca e attenzione alle prime due gare del trio, perché saranno in parecchi a voler vincere per levarsi il pensiero di Talladega. I favoriti sono piuttosto scontati, soprattutto in virtù della conformazione delle piste in arrivo: Keselowski, Logano, Gordon, Harvick su tutti.

I 12 qualificati al Contender Round

(1) B. Keselowski
(2) J. Logano
(3) K. Harvick
(4) J. Johnson
(5) J. Gordon
(6) Kyle Busch
(7) D. Earnhardt Jr.
(8) M. Kenseth
(9) R. Newman
(10) C. Edwards
(11) D. Hamlin
(12) K. Kahne

Ordine d’arrivo della AAA 400

NASCAR Sprint Cup Series Race Number 29
Unofficial Race Results for the 45Th Annual Aaa 400 – Sunday, September 28, 2014
Dover International Speedway – Dover, DE – 1 Mile Concrete
Total Race Length – 400 Laps – 400 Miles – Purse: $5,261,466

Leader
Fin Str Car Driver Team Laps Pts Bns Driver Rating Winnings Status Tms Laps
1 6 24 Jeff Gordon Drive To End Hunger Chevrolet 400 47 4 134.5 $240,901 Running 2 94
2 4 2 Brad Keselowski Wurth Ford 400 43 1 130.0 $208,008 Running 2 78
3 8 48 Jimmie Johnson Lowe’s/Kobalt Tools Chevrolet 400 41 118.5 $188,861 Running
4 16 22 Joey Logano Shell Pennzoil Ford 400 40 97.5 $156,191 Running
5 14 20 Matt Kenseth Home Depot Husky Toyota 400 40 1 107.8 $167,836 Running 2 2
6 7 42 Kyle Larson # Target Chevrolet 400 38 100.5 $134,135 Running
7 26 78 Martin Truex Jr. Furniture Row Chevrolet 400 37 85.7 $125,573 Running
8 20 31 Ryan Newman Quicken Loans Design A Scheme Chevrolet 400 36 90.5 $108,515 Running
9 9 15 Clint Bowyer 5-hour Energy Toyota 400 36 1 99.1 $126,756 Running 1 1
10 2 18 Kyle Busch Interstate Batteries Toyota 400 34 108.4 $141,606 Running
11 18 99 Carl Edwards Fastenal Ford 400 34 1 85.0 $105,240 Running 1 1
12 3 11 Denny Hamlin FedEx Freight Toyota 400 32 99.4 $96,540 Running
13 1 4 Kevin Harvick Budweiser Chevrolet 399 33 2 118.6 $135,623 Running 2 223
14 15 14 Tony Stewart Mobil1/Bass Pro Shops Chevrolet 399 30 87.2 $119,798 Running
15 11 55 Brian Vickers Aaron’s Dream Machine Toyota 399 29 81.7 $117,815 Running
16 19 27 Paul Menard CertainTeed/Menards Chevrolet 399 28 66.7 $111,229 Running
17 25 88 Dale Earnhardt Jr. National Guard Chevrolet 399 27 70.2 $91,615 Running
18 22 41 Kurt Busch Haas Automation Chevrolet 399 26 80.0 $83,790 Running
19 24 17 Ricky Stenhouse Jr. Zest Ford 399 25 72.9 $118,840 Running
20 12 5 Kasey Kahne Farmers Insurance Chevrolet 399 24 90.9 $99,865 Running
21 27 16 Greg Biffle Post-it Ford 399 23 67.7 $123,665 Running
22 5 1 Jamie McMurray McDonald’s Chevrolet 398 23 1 71.0 $116,104 Running 1 1
23 28 47 AJ Allmendinger Hungry Jack/ACME Chevrolet 398 21 60.6 $100,398 Running
24 10 3 Austin Dillon # Dow Chevrolet 398 20 66.4 $127,326 Running
25 13 10 Danica Patrick GoDaddy Chevrolet 398 19 59.6 $90,415 Running
26 17 9 Marcos Ambrose Twisted Tea Ford 398 18 66.4 $107,910 Running
27 30 13 Casey Mears GEICO Chevrolet 397 17 53.4 $105,473 Running
28 21 43 Aric Almirola Nathan’s Famous Ford 397 16 56.3 $118,001 Running
29 23 51 Justin Allgaier # Brandt Professional Agriculture Chevrolet 395 15 52.8 $102,973 Running
30 29 26 Cole Whitt # Uponor Toyota 395 14 50.5 $82,165 Running
31 37 34 David Ragan Plimpton & Hills Ford 395 13 43.4 $99,648 Running
32 33 36 Reed Sorenson American Muscle Driving Experience Chevrolet 394 12 44.7 $86,837 Running
33 31 38 David Gilliland Long John Silver’s Ford 393 11 46.0 $85,140 Running
34 34 23 Alex Bowman # Dr Pepper Toyota 391 10 36.3 $76,965 Running
35 36 40 Landon Cassill(i) Newtown Building Supplies Chevrolet 391 0 38.1 $76,740 Running
36 40 37 Mike Bliss(i) Accell Construction Inc. Chevrolet 391 0 35.3 $76,570 Running
37 38 33 David Stremme Little Joe’s Autos Chevrolet 389 7 31.0 $76,426 Running
38 42 83 Travis Kvapil Burger King Toyota 389 6 31.5 $71,330 Running
39 39 32 JJ Yeley(i) CorvetteParts.net Ford 387 0 27.9 $67,330 Running
40 41 66 Mike Wallace(i) Toyota 384 0 25.9 $71,330 Running
41 35 7 Michael Annett # Cypress HQ Chevrolet 361 3 42.8 $59,330 Axle
42 32 98 Josh Wise Phil Parsons Racing Chevrolet 197 2 37.1 $55,330 Suspension
43 43 44 Timmy Hill Phoenix Warehouse Chevrolet 11 1 25.8 $51,830 Vibration

Race Comments: Jeff Gordon won the AAA 400 at Dover International Speedway, his 92nd NASCAR Sprint Cup Series victory.

Time of Race: 3 Hrs, 03 Mins, 51 Secs. Average Speed: 130.541 MPH Margin of Victory: 4.352 Seconds

Caution Flags: 5 for 23 laps: Laps: 63-67 (Debris on frontstretch [27]); 76-79 (#17 accident turn 2 [47]); 126-129 (Debris on backstretch [10]); 172-175 (#32 accident turn 2 [13]); 255-260 (Debris turn 2 [3]).

Lead Changes: 10 among 7 drivers: K. Harvick 1-147; B. Keselowski 148-172; K. Harvick 173-248; M. Kenseth 249; C. Bowyer 250; J. McMurray 251; B. Keselowski 252-304; J. Gordon 305-327; M. Kenseth 328; C. Edwards 329; J. Gordon 330-400.

Top 16 Driver Points: (1) B. Keselowski 2,140;(2) J. Logano 2,136;(3) K. Harvick 2,123;(4) J. Johnson 2,121;(5) J. Gordon 2,117;(6) Kyle Busch 2,111;(7) D. Earnhardt Jr. 2,104;(8) M. Kenseth 2,097;(9) R. Newman 2,091;(10) C. Edwards 2,091;(11) D. Hamlin 2,081;(12) K. Kahne 2,079;(13) A. Allmendinger 2,077;(14) Kurt Busch 2,073;(15) G. Biffle 2,072;(16) A. Almirola 2,061.

3M Lap Leader : Kevin Harvick, #4 223 Laps American Ethanol Green Flag Restart Award : Brad Keselowski, #2
Duralast Brakes “Brake in the Race” : Kevin Harvick, #4 Mahle Clevite Engine Builder of the Race : Hendrick Engines, #24
Mobil 1 Driver of the Race : Matt Kenseth, #20 Moog Chassis Parts Problem Solver of the Race : Ryan Newman, #31 L. Lambert, -.101 sec
Sherwin-Williams Fastest Lap : Kyle Busch, #18 Sunoco Rookie of the Race : Kyle Larson, #42