Categorie
Monster Energy Cup Series

Sprint Cup – Keselowski spadroneggia, Biffle e Newman nella Chase

Federated Auto Parts 400

2 ore, 51 minuti e 55 secondi di un monologo targato Brad Keselowski e Team Penske. A questo hanno assistito gli spettatori di Richmond nel corso dell’ultimo fine settimana della Regular Season della NASCAR Sprint Cup Series, alla faccia della tanto ricercata “suspense” in vista della Chase e a ennesima conferma che non c’è bisogno di ricercare alchimie regolamentari per invogliare i piloti a rischiare: lo fanno già, soltanto che a volte qualcuno è nettamente più in forma degli altri. Punto, finito, stop. Togliersi il cappello e battere le mani.

E’ stato questo il caso della Federated Auto Parts 400, che negli anni scorsi ha regalato emozioni – e polemiche, e squalifiche – ma questa volta ha avuto un solo protagonista in Brad Keselowsi, che percorrendo in testa 383 dei 400 giri disputati ha conquistato la sua quarta vittoria stagionale, la testa di serie numero 1 della Chase e si è preso con la forza il ruolo di principale favorito nella corsa al titolo. Agli altri correre ai ripari.

“Che serata! Quando sono arrivato in Victory Lane mi sono dato un pizzicotto per essere sicuro di non sognare. Sono serate che non dimentichi, nella tua carriera,” ha detto Keselowski. “Siamo pronti. Vogliamo lottare per un altro titolo. Sentiamo di potercela fare. Il Team Penske sta davvero andando come un orologio”.

Gordon, Harvick, Bowyer… la spartizione delle briciole

Keselowski è partito dalla pole position e ha lasciato il comando delle operazioni soltanto due volte – entrambe a Kevin Harvick – per poi riprenderselo, prima in restart e poi ai box. L’ultima occasione gli inseguitori l’hanno avuta in ripartenza al giro 336, ma il campione 2012 della Sprint Cup non ha avuto esitazioni ed è andato a prendersi la bandiera a scacchi sulla linea del traguardo. A rendergli la vita difficile ci hanno provato sia Kevin Harvick – un po’ calato nel finale e quinto alla fine – che Jeff Gordon, arrivato a otto decimi dal vincitore e ancora una volta il più consistente dei piloti Hendrick.

“Non avevamo la macchina per competere con Brad in alcuni frangenti, ma non ci siamo mai dati per vinti e con ottimi pit stop e aggiustamenti al setup azzeccati, alla fine stavamo recuperando,” ha detto il campione di Vallejo. “Non sarà stata una vittoria, ma in ogni caso entriamo con un’inerzia positiva nella Chase”.

Tra i piloti che dovevano tentare il tutto per tutto per conquistarsi un posto nella Chase, ci si aspettava qualcosa di buono soprattutto da Clint Bowyer, vincitore della gara dello scorso anno. Il pilota del Michael Waltrip Racin però non si è potuto spingere oltre il terzo posto finale, sancendo l’esclusione del team dai playoffs dopo le polemiche del 2013.

Entrano invece nella Chase Greg Biffle e Ryan Newman, rispettivamente diciannovesimo e nono, che insieme a Matt Kenseth saranno gli unici a rincorrere il titolo senza aver vinto una gara. Il Roush Fenway Racing piazza così un’altra vettura ai playoff oltre a quella di Carl Edwards, sebbene per Biffle non ci siano grandissime speranze di arrivare fino alla finale di Homestead, mentre Newman sarà l’unico rappresentante del Richard Childress Racing.

E poi dicono che non sono atleti…

I piloti non sono atleti, dicono in troppi. Forse è il caso di ripensarci, dopo aver visto Jimmie Johnson, triatleta di livello e tra i piloti più in forma della NASCAR, uscire barcollante dalla sua vettura dopo la Federated Auto Parts 400. Il 6 volte campione della Sprint Cup ha portato la Chevy #48 all’ottava piazza ed è collassato non appena posato piede a terra.

“Ho iniziato ad avere i crampi quando sono sceso,” ha detto. “Avevo caldissimo in macchina, per cui dovrò assicurarmi che tutte le ventole funzionassero a dovere e cose simili. E’ stato un brutto momento, ma devo trarne insegnamento e accertarmi che non accada di nuovo.”

Trasportato al Medical Center, Johnson è stato poi dimesso dopo aver assunto tramite flebo 5 litri di liquidi.

Il matto sulle reti

Altro che contatti e scintille in pista… appena 4 gialle hanno punteggiato la gara di sabato notte della Sprint Cup Series, di cui una preannunciata dalla NASCAR, due per detriti e una scattata a causa di un tifoso arrampicato sulle reti. Il fenomeno ha ben pensato di sfruttare un momento di distrazione dei Marshal per arrampicarsi sulle reti di curva 4 e godersi la gara da una posizione “privilegiata” e pericolosissima. Convinto a scendere, è stato immediatamente ammanettato e portato via.

Rookie Watch

Niente da fare per Kyle Larson, che ha cullato sino all’ultimo il sogno di entrare nella Chase da rookie. Il californiano avrebbe dovuto vincere a Richmond per riuscirci, ma non è andato oltre l’undicesimo posto, pur mostrando ancora una volta buone prestazioni e allungando a 39 punti il suo vantaggio su Austin Dillon – ventesimo al traguardo – nella classifica riservata ai rookie.

“Eravamo davvero forti in restart, ma perdevamo terreno nei long run,” ha detto. “Le vittorie sono importanti per entrare nella Chase. Dovremo lavorarci su per l’anno prossimo. Non avevamo una vettura in gradi di vincere, per cui speravo che ci riuscisse Jamie”.

A proposito di McMurray, il pilota della Chevy #1 è stato costantemente nella top-5 per la seconda settimana consecutiva, ma si è dovuto accontentare del quarto posto, per cui niente Chase per lui.

Chase Watch

Ecco la classifica riordinata con cui i 16 partecipanti si presenteranno al via della Chase settimana prossima al Chicagoland Speedway. Chi sono i vostri candidati all’eliminazione dopo le prime tre gare?

1. Brad Keselowski (4) 2012
2.  Jeff Gordon (3) 2009
3.  Dale Earnhardt Jr. (3) 2009
4. Jimmie Johnson (3) 2009
5.  Joey Logano (3) 2009
6. Kevin Harvick (2) 2006
7. Carl Edwards (2) 2006
8. Kyle Busch (1) 2003
9. Denny Hamlin (1) 2003
10. Kurt Busch (1) 2003
11. Kasey Kahne (1) 2003
12. Aric Almirola (1) 2003
13. AJ Allmendinger (1) 2003
14. Matt Kenseth (0) 2000
15. Greg Biffle (0) 2000
16. Ryan Newman (0) 2000

Ordine d’arrivo della Federated Auto Parts 400

Richmond International Raceway
Richmond, Virginia
Saturday, September 06, 2014

1. (1) Brad Keselowski, Ford, 400, $290223.
2. (2) Jeff Gordon, Chevrolet, 400, $209561.
3. (6) Clint Bowyer, Toyota, 400, $171666.
4. (15) Jamie McMurray, Chevrolet, 400, $161214.
5. (4) Kevin Harvick, Chevrolet, 400, $155233.
6. (5) Joey Logano, Ford, 400, $137456.
7. (9) Kurt Busch, Chevrolet, 400, $96915.
8. (3) Jimmie Johnson, Chevrolet, 400, $140476.
9. (12) Ryan Newman, Chevrolet, 400, $97815.
10. (26) Aric Almirola, Ford, 400, $132451.
11. (8) Kyle Larson #, Chevrolet, 400, $115635.
12. (24) Dale Earnhardt Jr., Chevrolet, 400, $94540.
13. (18) Brian Vickers, Toyota, 400, $117440.
14. (20) Kyle Busch, Toyota, 400, $128581.
15. (19) Tony Stewart, Chevrolet, 400, $119073.
16. (13) Danica Patrick, Chevrolet, 400, $90565.
17. (21) Kasey Kahne, Chevrolet, 399, $97965.
18. (14) Paul Menard, Chevrolet, 399, $109329.
19. (17) Greg Biffle, Ford, 398, $122865.
20. (28) Austin Dillon #, Chevrolet, 398, $128101.
21. (11) Denny Hamlin, Toyota, 398, $89615.
22. (10) Carl Edwards, Ford, 396, $96815.
23. (23) AJ Allmendinger, Chevrolet, 396, $99298.
24. (32) Reed Sorenson, Chevrolet, 396, $97048.
25. (29) Martin Truex Jr., Chevrolet, 396, $108548.
26. (7) Ricky Stenhouse Jr., Ford, 396, $122215.
27. (33) Marcos Ambrose, Ford, 395, $106510.
28. (27) Justin Allgaier, Chevrolet, 395, $102098.
29. (30) David Gilliland, Ford, 395, $99473.
30. (35) Cole Whitt #, Toyota, 394, $80690.
31. (22) Casey Mears, Chevrolet, 394, $94112.
32. (36) Josh Wise, Chevrolet, 394, $76415.
33. (42) David Ragan, Ford, 394, $84290.
34. (34) Landon Cassill(i), Chevrolet, 394, $76165.
35. (39) Mike Bliss(i), Chevrolet, 394, $76015.
36. (31) David Stremme, Chevrolet, 392, $75860.
37. (40) Michael Annett #, Chevrolet, 392, $75713.
38. (25) Alex Bowman #, Toyota, 391, $70705.
39. (37) Travis Kvapil, Ford, 391, $66705.
40. (41) Joe Nemechek(i), Toyota, 388, $70705.
41. (16) Matt Kenseth, Toyota, 330, $107841.
42. (43) Ryan Truex #, Toyota, 313, $54705.
43. (38) JJ Yeley(i), Toyota, Brakes, 31, $51205.

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.