Sprint Cup – Kurt Busch domina la Toyota Owners 400

CDi51mJXIAEwQ6x

Dopo essere stata posticipata dal sabato sera alla domenica pomeriggio a causa del maltempo, la Toyota Owners 400 al Richmond International Raceway ha visto Kurt Busch vincere e dominare portando a casa così la qualificazioni alla Chase for The Cup 2015. Il pilota dello SHR è rimasto praticamente in testa per 3/4 della gara prendendo la leadership della corsa al giro 95 dei 400 previsti ai danni di Joey Logano dominatore fino a quel punto della corsa.

Al traguardo, Busch ha sopravanzato il solito Kevin Harvick, arrembante nelle fasi finali della gara, arrivando anche ad impensierire il compagno di squadra nelle tornate finali. Alle spalle del duo dello SHR, è arrivato un solido Jimmie Johnson, partito dalle retrovie e con pazienza arrivato nelle posizioni di vertice nella seconda metà di gara. Chiudono la top-5, un buon Jamie McMurray e il poleman di giornata Joey Logano.

Kasey Kahne, Matt Kenseth, Jeff Gordon, Clint Bowyer e Martin Truex Jr. completano la top-10.

Kurt ha condotto in testa ben 291 tornate su 400 lasciando le briciole agli avversari. Il pilota di Las Vegas, Nevada, ha finalmente trovato la via della Victory Lane che mancava dalla gara di Martinsville del marzo 2014. Per Busch si tratta della sua 26esima vittoria in carriera in 513 partenze in Sprint Cup.

E’ tutto merito del team,” ha dichiarato Kurt Busch. “Abbiamo fatto una gara incredibile e devo ringraziare tutto lo SHR per avermi dato questa macchina oggi… sono contentissimo di essere tornato in Victory Lane dopo aver avuto tanti problemi nella mia vita privata che ora mi sono lasciato alle spalle.”

Ottima gara anche per il rookie Chase Elliott, autore di una gara solida conclusa in 16esima piazza al traguardo. Il pilota di Dawsonville, Georgia, ha dimostrato piena fiducia nei suoi mezzi arrivando anche ad impensierire anche il compagno di squadra Jeff Gordon.

Non una giornata da ricordare per il Joe Gibbs Racing

Il JGR ha dovuto affrontare una giornata molto difficile a Richmond. Il migliore del team è stato Matt Kenseth, settimo alla bandiera a scacchi vincitore a Bristol scorsa settimana, e a tratti dando anche l’impressione di potere concludere la gara molto più in alto. Giornata da dimenticare invece per Carl Edwards, 19esimo e doppiato, Denny Hamlin, scivolato rapidamente nel mezzo del gruppo dopo essere partito dalla seconda posizione, e David Ragan 23esimo al traguardo e mai con una vettura competitiva in gara.

Disastro per il Roush Fenway Racing

Ormai non è più una novità. Il Roush Fenway Racing è in preda ad una crisi incontrollabile e senza precedenti. I due piloti, Biffle e Stenhouse, hanno finito la gara entrambi doppiati e fuori dai primi venti. Per Jack Roush si prospettano tempi difficili, almeno in Sprint Cup.

Prossimo appuntamento

La Sprint Cup Series tornerà in pista domenica prossima al Talladega Superspeedway per l’Aarons 499 in un appuntamento che si preannuncia scoppiettante. Don’t miss it!

Federico Floccari

La corsa alla Chase dopo Richmond

1) #4-Kevin Harvick [2 wins], 357
2) #48-Jimmie Johnson [2 wins], 299, -58
3) #22-Joey Logano [1 win], 324, -33
4) #2-Brad Keselowski [1 win], 283, -74
5) #20-Matt Kenseth [1 win], 273, -84
6) #11-Denny Hamlin [1 win], 245, -112
7) #41-Kurt Busch [1 win], 222, -135
8) #78-Truex Jr., 315, -42
9) #5-Kasey Kahne, 275, -82
10) #88-Dale Earnhardt Jr., 271, -86
11) #1-Jamie McMurray, 264, -93
12) #24-Jeff Gordon, 263, -94
13) #43-Aric Almirola, 250, -107
14) #27-Paul Menard, 239, -118
15) #15-Clint Bowyer, 234, -122
16) #31-Ryan Newman, 234, -123

Ordine d’arrivo della Toyota Owners 400

Immagine