Categorie
Monster Energy Cup Series

Sprint Cup – Kurt Busch non sarà processato per il caso contro la sua ex-fidanzata

030515-NO-CHARGES-PI-CH.vadapt.620.high.0

Il Dipartimento di giustizia dello stato del Delaware ha annunciato che non ci sarà nessun processo contro Kurt Busch per il caso di violenza domestica nei confronti della sua ex-fidanzata, Patricia Driscoll.

Dopo un’attenta valutazione di tutte le informazioni sul caso, è stato deciso che non ci sono prove sufficienti a dimostrare che Kurt Busch abbia realmente commesso una violenza nei confronti della sua ex-fidanzata.

Il caso è scoppiato in seguito ad una denuncia della Driscoll lo scorso 26 settembre 2014, quando a detta della stessa Driscoll, Kurt Busch avrebbe fatto urtare la sua faccia per ben tre volte contro il muro della stanza da letto del motorhome di Busch durante il weekend della Sprint Cup Series al Dover International Speedway. In seguito, la Driscoll ha ottenuto un’ordinanza restrittiva che impediva a Busch di avvicinarsi a lei ad un raggio inferiore di 100 metri.

In seguito, lo scorso 21 febbraio, un giorno prima della Daytona 500, la NASCAR ha sospeso Kurt Busch a tempo indeterminato e David Higdon, NASCAR’s vice president, ha dichiarato che il pilota di Las Vegas, Nevada, ha accettato di prendere parte al programma di reinserimento della NASCAR.

Higdon, alla domanda  se ci fosse stata una tempistica al possibile rientro di Busch nel mondo delle corse, ha espressamente risposto negativamente.

Federico Floccari

 

Di Federico Floccari

Dal mio nickname si possono capire già moltissime cose. Per me la NASCAR è uno stile di vita, non solo un semplice sport. Seguitemi su Twitter (@NASCARCountryUS) se volete veramente saperne di più sul mondo delle stock-cars americane e non solo. Qui, su Motorsportrants, scrivo solo ed esclusivamente sulla NASCAR e non me ne pento. Anzi.