Sprint Cup – La zampata di Harvick

LOUDON, NH - SEPTEMBER 25: Kevin Harvick, driver of the #4 ditech Chevrolet, celebrates with a burn out after winning the NASCAR Sprint Cup Series Bad Boy Off Road 300 at New Hampshire Motor Speedway on September 25, 2016 in Loudon, New Hampshire. (Photo by Rainier Ehrhardt/NASCAR via Getty Images)
Getty Images for NASCAR

In una gara, quella di domenica al New Hampshire Motor Speedway, dominata in lungo e in largo dalle Toyota di Martin Truex Jr. e Matt Kenseth, è stato Kevin Harvick a imporsi, tenendo fede al suo soprannome di The Closer grazie a una zampata micidiale in restart che gli ha garantito il successo nella Bad Boy Off Road 300 e un posto nel Round Of 12 della Chase.

Al campione di Bakersfield, che era partito 19esimo su una pista dove i sorpassi sono piuttosto ostici e la gara è più breve del solito, è bastata una sola opportunità, a sei giri dalla fine, di mettere la Chevrolet SS #4 dello Stewart-Haas Racing a metà fiancata della Toyota #20 di Matt Kenseth per completare il sorpasso e vincere con un margine inferiore al mezzo secondo, cancellando in un colpo solo il thriller vissuto nel 2015, quando si era presentato a Dover obbligato a vincere per passare il turno.

“Uno dei nostri obiettivi per quest’anno era di non arrivare a livelli troppo alti di stress,” ha detto Harvick, che è salito a quota tre successi nel 2016 e a 34 in carriera. “Credo che le performance della vettura e il lavoro che stiamo facendo siano sufficienti ad essere competitivi e dobbiamo solo evitare di fare errori. La nostra Chevy era ottima in restart e non appena abbiamo avuto aria pulita in testa al gruppo siamo riusciti ad allungare.”

Un dominio Toyota (anche stavolta)

Bisogna dire che il colpo di Harvick non ha cambiato di una virgola la sensazione di dominio fornita dalle Toyota del Joe Gibbs Racing (e associati, nel caso del Furniture Row Racing), a lungo in quattro nelle prime quattro posizioni del running order. Il poleman Carl Edwards ha condotto le danze in avvio e ha navigato stabilmente in top-5 per poi chiudere sesto, Kyle Busch ha montato gomme nuove a 35 tornate dal termine e si è fatto largo, apparendo anche il favorito ad un certo punto, fino alla terza piazza, mentre Truex e Kenseth hanno dato vita a un lungo e affascinante duello in cui i due si sono equivalsi e hanno probabilmente logorato le rispettive gomme, precludendosi la possibilità di contenere Harvick nel finale.

Truex, in particolare, ha percorso parecchie tornate incollato al paraurti posteriore di Kenseth, senza però riuscire a trovare un vantaggio in accelerazione sufficiente a completare il sorpasso.

“Probabilmente avrei potuto essere un po’ più aggressivo, ma non ho voluto rischiare il contatto e rovinargli la gara. Abbiamo avuto la nostra vittoria la scorsa settimana e questo ha sicuramente influito sulle mie scelte. E’ un compagno di squadra, in fondo, e sarebbe stata una riunione parecchio strana, quella di martedì, se lo avessi buttato fuori e avessi vinto la seconda gara consecutiva,” ha detto il pilota di Mayetta.

Hendrick ancora in crescita, Penske si salva in corner, inesistenti (a parte il solito Blaney) le altre Ford

Jimmie Johnson, Chase Elliott e Kasey Kahne hanno confermato a New Hampshire il momento di crescita del team Hendrick, che ha reagito bene agli aggiustamenti regolamentari imposti dalla NASCAR in settimana, pur senza mai apparire in grado di puntare alla vittoria. Si è ben comportato anche Larson, mentre sul versante Penske, sia Keselowski che Logano non sono apparsi al massimo della forma, tanto che l’undicesima piazza di quest’ultimo è frutto di un mezzo miracolo e di un’ottima strategia. E’ stata invece l’ennesima gara incolore per il gruppo Roush Fenway Racing, che ha raccolto il miglior risultato con il 24esimo posto di Ricky Stenhouse Jr..

A una gara, quella di Dover, dal termine del Round Of 16, Chris Buescher, Tony Stewart e Austin Dillon appaiono più o meno spacciati, mentre la lotta per la qualificazione rischia di essere fratricida tra Kyle Larson e Jamie McMurray.

Chase 2016 – Round of 16

M.Truex Jr – W
K.Harvick – W
B. Keselowski 2,087
Kyle Busch 2,085
M. Kenseth 2,078
J. Logano 2,073
D. Hamlin 2,071
J. Johnson 2,070
C. Elliott # 2,068
C. Edwards 2,068
Kurt Busch 2,067
K. Larson 2,057
—————————-
J. Mcmurray 2,052
A. Dillon 2,052
T. Stewart 2,046
C. Buescher # 2,027

 

Ordine d’arrivo

NASCAR Sprint Cup Series Race – Bad Boy Off Road 300
New Hampshire Motor Speedway
Loudon, New Hampshire
Sunday, September 25, 2016

1. (19) Kevin Harvick, Chevrolet, 300.
2. (8) Matt Kenseth, Toyota, 300.
3. (12) Kyle Busch, Toyota, 300.
4. (11) Brad Keselowski, Ford, 300.
5. (13) Kurt Busch, Chevrolet, 300.
6. (1) Carl Edwards, Toyota, 300.
7. (2) Martin Truex Jr, Toyota, 300.
8. (4) Jimmie Johnson, Chevrolet, 300.
9. (9) Kasey Kahne, Chevrolet, 300.
10. (6) Kyle Larson, Chevrolet, 300.
11. (15) Joey Logano, Ford, 300.
12. (16) * Ryan Blaney #, Ford, 300.
13. (10) Chase Elliott #, Chevrolet, 300.
14. (18) Alex Bowman(i), Chevrolet, 300.
15. (5) Denny Hamlin, Toyota, 300.
16. (29) Austin Dillon, Chevrolet, 300.
17. (26) Aric Almirola, Ford, 300.
18. (24) Danica Patrick, Chevrolet, 300.
19. (7) Jamie McMurray, Chevrolet, 300.
20. (3) Ryan Newman, Chevrolet, 300.
21. (17) AJ Allmendinger, Chevrolet, 300.
22. (37) Clint Bowyer, Chevrolet, 300.
23. (22) Tony Stewart, Chevrolet, 299.
24. (21) Ricky Stenhouse Jr, Ford, 299.
25. (14) Paul Menard, Chevrolet, 299.
26. (20) Michael McDowell, Chevrolet, 298.
27. (31) Casey Mears, Chevrolet, 298.
28. (33) Matt DiBenedetto, Toyota, 298.
29. (34) Landon Cassill, Ford, 298.
30. (28) Chris Buescher #, Ford, 298.
31. (25) Brian Scott #, Ford, 298.
32. (23) David Ragan, Toyota, 297.
33. (32) Greg Biffle, Ford, 297.
34. (30) Regan Smith, Chevrolet, 297.
35. (36) * Cole Whitt, Chevrolet, 294.
36. (38) * Reed Sorenson, Toyota, 293.
37. (40) Jeffrey Earnhardt #, Ford, 290.
38. (27) Trevor Bayne, Ford, Accident, 282.
39. (39) * Josh Wise, Chevrolet, 268.
40. (35) Michael Annett, Chevrolet, Steering, 236.