Sprint Cup – Dopo l’addio di Biffle, anche lo sponsor Zest lascia Roush

nascar-stenhouse-vadapt-980-high-11

Dopo l’addio di Greg Biffle, che è stato pilota per ben 19 anni del Roush Fenway Racing, si sta innescando un effetto domino nel team di Jack Roush, perché oltre al pilota hanno lasciato il team sia il general manager e sporadico crew chief Robbie Reiser, nel team dal 2001 e Zest, sponsor primario i Ricky Stenhouse Jr. e nel team dal 2012.

Probabilmente, proprio come Greg Biffle, saranno stai infastiditi dagli scarsi risultati ottenuti dal team, che è stato sino a pochi anni fa, un team di importante rilievo, che ha vinto due NASCAR Sprint Cup Series, nel 2003 e nel 2004, rispettivamente con Matt Kenseth e Kurt Busch. Da quel momento, le vittorie ci sono state, ma da Sonoma 2014, ultima vittoria conquistata con Carl Edwards, Jack Roush non ha mai più visto una sua Ford Fusion in Victory Lane. Tra quella gara e il 2016, i secondi posti sono stati soltanto due, uno conquistato da Biffle nel 2015 e l’altro da Stenhouse a Bristol nel 2016. Inoltre, nessun pilota del team ha concluso nella top-20 di campionato nel 2016, venendo superati anche dal piccolo team satellite Front Row Motorsports, che ha concluso 16esimo con Chris Buescher, vincitore anche di una gara.

Nella NASCAR Xfinity Series, le cose sono andate bene fino allo scorso anno, quando Chris Buescher ha portato il quinto titolo al team. Quest’anno invece, nessun titolo e un sesto posto in campionato conquistato con Ryan Reed.

Tornando a parlare di Robbie Reiser, lui non ha comunicato nulla ai giornalisti in merito a questa decisione, ma potrebbe anche tornare al team con un ruolo “minore” ovvero come responsabile della produzione delle auto, secondo Motorsport.com.

Zest, invece, ha annunciato il suo addio tramite un comunicato:

“Dal 2012 il nostro marchio ha goduto di una bellissima relazione con il Roush Fenway Racing e la comunità della NASCAR. Noi siamo grati nell’essere rappresentati da campioni del calibro di Matt Kenseth, Ricky Stenhouse Jr. e Chris Buescher durante il nostro programma di sponsorizzazioni”.

“Noi apprezziamo il supporto dai fans della NASCAR che hanno provato e abbracciato i nostri prodotti in questi 5 anni. La loro lealtà è stata la chiave per l’attivazione delle nostre iniziative nelle corse”.

“Finché non riavremo una macchina da sponsorizzare, noi continueremo a tifare per il Roush Fenway Racing e per la #17”.

La compagnia produttrice di saponi, difficilmente metterà in bilico Ricky Stenhouse Jr. per la prossima stagione dato che ha un appoggio molto importante con Ford.

Staremo a vedere come la situazione evolverà in casa Roush nelle settimane a venire.

Kevin Salerno