Sprint Cup – Martin Truex Jr. trionfa a Darlington

14233099_1243372842394311_3436681082394747969_n

Anche la 67esima edizione della Southern 500 al Darlington Raceway, in puro stile throwback, ci ha regalato tante emozioni degne dell’ovale da 1,366 miglia nota col nickname “Lady In Black”. Per tutte le 367 tornate, nonché 500 miglia, della gara si è corso in maniera serrata e al termine della lunghissima serata sull’ovale del South Carolina è stato Martin Truex Jr ha portare a casa la bandiera a scacchi.

Il pilota del FRR ha centrato il suo secondo successo stagionale dopo quello ottenuto a maggio nella Coca-Cola 600. Truex inoltre era andato anche vicinissimo ad andare a vincere la gara più prestigiosa dell’anno, la Daytona 500, vinta però da Denny Hamlin per davvero un niente, negando a Truex di centrare il grande slam se avesse vinto tutte e tre le gare nella stessa annata.

Per il pilota del New Jersey si tratta del primo successo in carriera al Darlington Raceway e del quinto successo in Sprint Cup Series. Truex ha preceduto al traguardo il dominatore assoluto della corsa, Kevin Harvick, relegato in seconda piazza a causa dei tantissimi errori del suo team nei tanti pit stop della serata che sono costati a “The Closer” la vittoria avendo dovuto ripartire più volte nelle file di rincalzo nei restart finali della gara. Truex ha condotto in testa “solo” 28 giri su 367 mentre Harvick ben 214.

Alle spalle di Harvick, è giunto un solido Kyle Larson, seguito da Denny Hamlin, Joey Logano, Matt Kenseth, Kasey Kahne, Ryan Newman, Brad Keselowski e un ottimo Chase Elliott, a lungo nella top-5 della corsa.

Chris Buescher rimane sempre in 30esima posizione in classifica generale mantenendo un vantaggio di 11 lunghezze sul 31esimo. Buescher deve rimanere nella top-30 dopo l’appuntamento di settimana prossima a Richmond per garantirsi un posto nella Chase 2016.

La 500 miglia ha visto degli stint sotto bandiera verde molto lunghi, soprattutto nella prima parte, che ha visto i piloti alle prese con il degrado gomme, molto accentuato a Darlington, e vetture che, grazie al basso carico aerodinamico, scivolavano molto lungo le curve dello storico ovale a forma di uovo del South Carolina. La seconda metà della corsa invece ha visto numerosi incidenti che ha visto coinvolti tra gli altri: Jimmie Johnson, Tony Stewart, Brian Scott, Greg Biffle e Aric Almirola.

La Chase dopo Darlington (25/36)

Immagine1

Prossimo appuntamento con la Sprint Cup Series il 10 settembre al Richmond International Raceway dove andrà in scena l’ultima gara della regular season prima dell’inizio della Chase for The Sprint Cup 2016.

Federico Floccari