Sprint Cup – Matt Kenseth perde l’appello e rimane sospeso per due gare

kenseth-matt110515-getty-ftrjpg_11dslh8x5y33e1uk6ggd077are

E’ ufficiale! Matt Kenseth non prenderà parte alle prossime due gare della NASCAR Sprint Cup Series, al Texas Motor Speedway e al Phoenix International Raceway.

Nella giornata di giovedì, al NASCAR R&D Center a Concord, North Carolina, il consiglio del National Motorsports Appeals Panel – formato da tre persone – ha confermato le due gare di sospensione a Kenseth per aver deliberatamente toccato e mandato a muro Joey Logano in occasione della gara di domenica scorsa al Martinsville Speedway.

Dopo aver perso il primo appello, Kenseth si è poi rivolo al National Motorsports Final Appeals . presieduto da Bryan Moss – che ha rigettato anche lui l’istanza del pilota del JGR, sebbene abbia ridotto la probation di Kenseth da sei mesi fino alla fine del 2015.

Dopo aver perso nei due ricorsi, Kenseth ha mostrato le sue parole di disappunto, dichiarando: “Sono più che deluso dopo questa decisione… sono il primo pilota in 65 anni di storia della NASCAR ad essere sospeso per un incidente occorso in una gara della Sprint Cup Series race. Sono estremamente deluso, ma ora devo affrontare questa penalità, e non vedo l’ora di tornare a correre a Homestead.”

“Non cambierà il mio modo di correre,” ha poi continuato Kenseth. “Sono in questo giro da tanto tempo, e credo che mi sia sempre comportato sempre correttamente fino a questo punto e credo di meritare il rispetto che mi sono fin qui guadagnato in pista come io ho sempre fatto verso gli altri d’altronde.”

Dopo le sentenze dei due appelli, la NASCAR ha preferito non commentare la vicenda. E’ la prima volta dal 2011, che l’associazione di Daytona Beach sospende uno dei suoi piloti. L’ultimo caso fu quello di Kyle Busch – che deliberatamente mando a muro sotto caution Ron Hornaday Jr. al Texas Motor Speedway durante la gara della Camping World Truck Series. “Rowdy” fu sospeso dalla NASCAR per l’intero weekend non potendo così partecipare alle gare della XFINITY e della Sprint Cup Series.

Federico Floccari