Sprint Cup – penalità pesantissime per Ryan Newman e il RCR

Ryan+Newman+Auto+Club+400+XdA0Gr9n9lml

La NASCAR ha imposto penalità severe contro il team di Ryan Newman dopo aver accertato che il Richard Childress Racing ha manipolato le gomme che Newman ha usato due settimane fa all’Auto Club Speedway in California.

Ci sono state tante speculazioni nel garage della Sprint Cup circa i team che provocavano piccoli fori nelle loro gomme per permettere all’aria di evadere durante la gara. Il processo è conosciuto come “bleeding tires” (gomme sanguinanti) e la NASCAR al Martinsville Speedway lo scorso weekend ha avvisato i crew chief sulle penalità in cui potevano incorrere se fossero stati beccati.

Newman è stato uno dei quattro piloti le cui gomme sono state prese dalla NASCAR dopo la gara dello scorso 22 marzo a Fontana. Le gomme sono state mandate per un’ispezione indipendente e la NASCAR nella giornata di ieri ha constatato che gli pneumatici di Newman avevano violato la seguente regola: “la modifica alla valvola delle pressione delle gomme”.

Come risultato della violazione, il crew chief Luke Lambert è stato multato di ben 125,000 dollari e sospeso per le prossime sei gare. La sospensione include anche la All-Star race in May. Lambert è stato anche messo in probation fino alla fine dell’anno. Anche Newman e il car owner Richard Childress sono stati penalizzati entrambi di ben 75 punti nelle rispettive classifiche. Nessuna clemenza anche per l’addetto alle gomme, James Bender e l’ingegnere Philip Surgen. Entrambi sono stati sospesi per sei gare e messi in probation fino al 31 dicembre.

“La NASCAR prende molto sul serio la sue responsabilità nel far rispettare le regole dello sport per assicurare che tutti corrano ad armi pari,” ha dichiarato Steve O’Donnell, NASCAR executive vice president. “Siamo stati molto chiari nel dire che ogni modifica alle gomme delle vetture è inaccettabile e non sarà tollerata.”

Torrey Galida, Presidente del Richard Childress Racing, ha detto che il team stava aspettando più informazioni dalla NASCAR prima di decidere come procedere.

“Capiamo la gravità delle penalità. Il RCR, infatti, è stato uno degli oppositori più determinati contro il ‘tire bleeding'”, ha dichirato Galida in una nota stampa. “Una volta che la NASCAR ci darà i dettagli specifici dell’infrazione, avvieremo un’inchiesta interna e valuteremo le nostre opzioni per un possibile appello.”