Sprint Cup – Ryan Reed farà il suo esordio a Talladega con la #99

ryan-reed-vresize-1200-675-high-92

Ebbene sì, non state leggendo male. Il Roush Fenway Racing ha deciso di promuovere Ryan Reed alla guida della quarta macchina del medesimo team, prima volta che sarà schierata in questa stagione. Reed salirà sulla #99, che sarà sponsorizzata dal suo sponsor, Lilly Diabetes. per l’appuntamento dell’Alabama 500 che si terrà al Talladega Superspeedway il 23 ottobre. La Ford Fusion #99, che storicamente è stata la più competitiva del Roush Fenway Racing a partire dall’era Edwards, era guidata da lui stesso sino al 2015, anno in cui ha cambiato casacca, vestendo colori e livree del Joe Gibbs Racing. Nel 2015 la medesima macchina non è andata in pista.

Quest’anno il Roush Fenway Racing ha disputato una delle sue peggiori annate, infatti nessuna macchina, su tre è presente nella chase, come l’anno scorso. Attualmente, la macchina classificata meglio, al momento è quella di Ricky Stenhouse Jr., soltanto 21°.

Ecco le parole di Reed:

“Non vedo l’ora di scendere in pista a Talladega con una vettura della NASCAR Sprint Cup Series, e disputarci anche la gara. Per chiunque che non ha mai avuto la chance di andare mai a guidare una vettura da corsa, posso assicurarvi, la NASCAR Sprint Cup Series, è il tassello finale. Per realizzare questo sogno, dovevo gestire bene il mio diabete, che significava tanto, e le persone che hanno resistito accanto a me, lo sanno bene. Io spero di qualificarmi per la gara, ma devi compiere una prestazione eccellente e continuare a mostrare alle persone che con una corretta gestione, e grazie al supporto del team, tu puoi superare tutti gli ostacoli, anche il diabete che può spezzarti tutti i tuoi sogni”.

Ryan Reed, dal 2011 soffre di diabete di tipo 1, ma tutto ciò fortunatamente non gli ha spezzato i suoi sogni di gloria, anzi, l’esatto contrario.

Quest’anno Ryan Reed è impegnato nella NASCAR Xfinity Series, partecipando inoltre alla Chase, e ha anche una gran probabilità di passare il taglio dei 12. Quest’anno Reed è molto migliorato sulla costanza, suo punto debole dell’anno scorso, ritirandosi solo due volte, collezionando anche una top-5, ottenuta a Road America, oltre che ad altre tre top-10, l’ultima proprio a Kentucky, primo round della Chase, concludendo 7°. Reed ha già festeggiato la sua prima vittoria in carriera, e l’ha fatto alla prima gara della stagione 2015 a Daytona.

Ci sono tutti i presupposti per una grande gara da parte di Reed, al suo esordio con una vettura della classe regina. Reed è un pilota velocissimo sui superspeedway, ed ecco perchè Jack Roush l’ha chiamato proprio a Talladega, per sfruttare anche la pausa della NASCAR Xfinity Series, che da Charlotte, si fermerà per due settimane, ritornando giusto per le ultime tre gare della stagione.

Kevin Salerno