Sprint Cup- Il Tommy Baldwin Racing cessa le operazioni e vende

2015 NASCAR Sprint Cup  Series Kobalt Tools 400 © Phil Cavali

Il Tommy Baldwin Racing cesserà le sue operazioni full time in Sprint Cup Series a seguito del season finale all’Homestead-Miami Speedway di questa domenica, secondo quanto annunciato in un post su Facebook dallo stesso Tommy Baldwin.

Baldwin ha venduto il suo team charter al Leavine Family Racing.

“Abbiamo sentito l’esigenza che era ora di aprire un nuovo capitolo nelle nostre vite e abbiamo deciso di vendere il nostro team a un gruppo di persone che continueranno il cammino della nostra visione,” ha scritto Baldwin.

“Negli ultmi otto anni abbiamo partecipato ad ogni gara, abbiamo lavorato sodo per competere ai massimi livelli e dare soddisfazioni ai nostri fan e ai nostri sponsor. Sono confidente che abbiamo fatto un buon percorso e che ci sono stati molti team come il nostro che sono andati e venuti nel corso degli anni. Sono orgoglioso che siamo stati capaci di auto-sostenerci sin dall’inizio di questa lunga avventura.”

Regan Smith si era unito al team poco prima l’inizio di questa stagione, era stato ingaggiato dopo che il team aveva lasciato andare Alex Bowman.

Smith ha all’attivo due top-10 in questa stagione, tra cui un terzo posto nella gara funestata dalla pioggia a Pocono e un ottavo nella prestigiosa Daytona 500.

Il Leavine Family Racing non ha dichiarato quanto ha pagato per acquisire il team.

Il Leavine Family Racing era alla ricerca di un team charter da rilevare perché la loro partnership con il Circle Sport Racing e il Joe Falk stava terminando alla conclusione della stagione in corso. I proprietari dei team charter possono “affittare” le loro squadre solo una volta ogni cinque anni.

Federico Floccari