Texas Report: Logano non si batte. Sua la Duck Commander 500

BkpUHZsCIAAoJCp

Non è servito nemmeno un finale in Green-White-Checkered a privare Joey Logano di un meritatissimo successo nella Duck Commander 500, settima prova della NASCAR Sprint Cup Series disputatasi questa sera al Texas Motor Speedway dopo che il maltempo aveva costretto gli organizzatori a rinviarla domenica.

Il ragazzino del Connecticut – perché nonostante le 190 presenze in Sprint Cup, Logano compierà 24 anni solo a maggio – e il Penske Racing sono emersi alla distanza nella prima gara sulla distanza delle 500 miglia senza restrictor plates, grazie a un ottimo lavoro sul setup delle Ford Fusion #2 e #22, che si sono adattate alla perfezione a un tracciato tutto da gommare dopo le piogge di ieri e progressivamente scaldato dal sole di Fort Worth.

A due giri dalla bandiera a scacchi, proprio quando si profilava una doppietta per il team di Roger Penske e Darrell Waltrip si interrogava sul fatto che a Brad Keselowski, e soprattutto al team, potesse andare più che bene una vittoria di Logano, la posteriore sinistra di Kurt Busch ha ceduto per l’ennesima volta nella giornata, sparando brandelli di carrozzeria e isolante in giro per la pista e spedendo la Duck Commander 500 ai supplementari.

Solo due coraggiosi – Jeff Gordon e Brian Vickers – hanno tentato l’azzardo e hanno cambiato solo le due gomme esterne in gialla e nel momento stesso in cui si sono presentati sul traguardo per il restart è stato chiaro che per vincere avrebbero dovuto sperare nell’errore altrui. Logano però è stato freddissimo: ha studiato Gordon per un buon mezzo giro e poi lo ha infilato senza pietà, trovando anche qualche decimo di vantaggio prima di tagliare il traguardo sulla Chevy #24 e festeggiare un successo che lo rende il settimo vincitore diverso in queste prime sette gare, nonché il più giovane di sempre a imporsi al Texas Motor Speedway.

La doppietta Penske è sfumata anche per un errore durante l’ultimo passaggio in pit road da parte di Brad Keselowski. Il campione 2012 della Sprint Cup, che ha già una vittoria al suo attivo, ha provato il tutto per tutto per uscire per primo dalla tornata di soste, ma è stato pizzicato per eccesso di velocità e ha chiuso la sua prova al quindicesimo posto.

Dalla bagarre del restart finale è emerso in terza posizione Kyle Busch, autore di una “manovrona” da urlo all’ultimo giro ai danni di Vickers e Greg Biffle, che ha aperto la porta anche a un Kyle Larson ancora una volta spettacolare. Il rookie californiano ha messo la sua Chevy #42 all’interno della Toyota #55 in curva 4, ma Vickers ha retto all’assalto all’esterno e i due hanno tagliato il traguardo nell’ordine.

Il poleman Tony Stewart aveva condotto le danze nelle fasi iniziali di gara, ma la Chevrolet SS #14 è lentamente scivolata indietro, lontana dalla lotta per la vittoria, fino a concludere in decima posizione. In testa si sono affacciati anche Jeff Gordon, Denny Hamlin e Kyle Busch, ma a dominare la seconda metà della corsa, dopo che Hamlin ha subito una penalizzazione per eccesso di velocità in pit road durante una sosta in verde mentre era al comando, sono stati i due alfieri del Penske Racing, rimasti davanti a tutti per un totale di 193 giri sui 340 percorsi.

Earnhardt, Johnson e Harvick finiscono subito KO

Pessima giornata per Dale Earnhardt Jr., che dopo i giri iniziali dietro la pace-car – alcune vetture, tra cui quella di Keselowski, si erano avvicinate ai Jet dryers e l’aria ad alta velocità aveva sollevato i flap anti-decollo sul cofano anteriore – ha pensato bene di mettere due ruote sull’erba dell’infield poco dopo la ripartenza.

La Chevy #88 è immediatamente sprofondata e lo splitter ha impattato contro il terreno, distruggendo la porzione anteriore sinistra della vettura e spedendo Dale Jr. dritto a muro. Fine della corsa per il pilota di Kannapolis, che ha anche regalato un bel po’ di danni al compagno di team Jimme Johnson. Il sei volte campione della specialità seguiva Earnhardt da vicino e ha subito danni al frontale a al parabrezza. Tre giri persi e 25esima posizione finale per lui.

Non è andata meglio a Kevin Harvick, che aveva dato del filo da torcere al suo “capo” Tony Stewart nelle prime tornate, ma è stato lasciato a piedi dal motore della Chevrolet #4 e ora si ritrova pericolosamente in 26esima posizione nella generale, appena dietro a Kurt Busch, vincitore a Martinsville e qui letteralmente tormentato dai problemi con la posteriore sinistra della sua vettura.

Rookie Watch

Con la pista in condizioni mutevoli, Kyle Larson ha offerto ancora una volta una prestazione talmente convincente da far pensare che la vittoria in Sprint Cup sia solo una questione di tempo. Come già nelle scorse settimane, anche a Fort Worth il ragazzo californiano ha dato il meglio sulla lunga distanza, percorrendo una traiettoria tutta all’esterno sulle sconnessioni della pista texana, degna degli ovali sterrati che tanto ama. Poteva fare persino meglio, ma che gli volete dire? Se Austin Dillon è stato nettamente più regolare nelle prime sette gare del campionato, Larson è stato l’unico rookie a sembrare davvero in grado di lottare per la vittoria.

La classifica vede Dillon avanti di 15 punti. Molto staccato invece Justin Allgaier.

Stay Tuned!

Gian Luca Guiglia – @gian_138

Chase Watch

Dale Earnhardt Jr. 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Kevin Harvick 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Brad Keselowski 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]
Carl Edwards 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”] 
Kyle Busch 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”] 
Kurt Busch 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”] 
Joey Logano 1[gdl_icon type=”icon-flag” color=”#FF0000″ size=”20px”]

Classifica

(1) J. Gordon 259;(2) M. Kenseth 255;(3) C. Edwards 247;(4) J. Logano 235;(5) Kyle Busch 231;(6) D. Earnhardt Jr. 228;(7) J. Johnson 228;(8) B. Keselowski 218;(9) B. Vickers 205;(10) P. Menard 203;(11) R. Newman 202;(12) A. Dillon # 202;(13) D. Hamlin 197;(14) T. Stewart 189;(15) K. Larson # 187;(16) G. Biffle 187.

Ordine d’arrivo della Duck Commander 500

1 10 22 Joey Logano Shell Pennzoil/Hertz Ford 340 48 5 Running 3 108
2 12 24 Jeff Gordon Axalta/Texas A&M School of Engineering Chevrolet 340 43 1 Running 4 40
3 29 18 Kyle Busch Interstate Batteries Toyota 340 42 1 Running 1 10
4 23 55 Brian Vickers Aaron’s Dream Machine Toyota 340 40 Running
5 14 42 Kyle Larson # Target Chevrolet 340 39 Running
6 4 16 Greg Biffle 3M/Give Kids A Smile Ford 340 38 Running
7 26 20 Matt Kenseth Dollar General Toyota 340 37 Running
8 25 15 Clint Bowyer Willie’s Duck Diner Toyota 340 37 1 Running 1 1
9 13 27 Paul Menard Quaker State/Menards Chevrolet 340 35 Running
10 1 14 Tony Stewart Mobil 1/Bass Pro Shops Chevrolet 340 35 1 Running 3 74
11 32 5 Kasey Kahne Time Warner Cable Chevrolet 340 33 Running
12 17 43 Aric Almirola Eckrich Ford 340 32 Running
13 6 11 Denny Hamlin FedEx Office/March of Dimes Toyota 340 32 1 Running 2 20
14 5 99 Carl Edwards Fastenal Ford 340 30 Running
15 2 2 Brad Keselowski Miller Lite Ford 340 30 1 Running 3 85
16 8 31 Ryan Newman Caterpillar Chevrolet 340 28 Running
17 15 1 Jamie McMurray Bell Helicopter Chevrolet 340 27 Running
18 18 78 Martin Truex Jr Furniture Row Chevrolet 340 26 Running
19 7 21 Trevor Bayne(i) Motorcraft/Quick Lane Tire & Auto Center Ford 339 0 Running
20 9 9 Marcos Ambrose Stanley Ford 339 24 Running
21 20 3 Austin Dillon # Dow Chevrolet 339 23 Running
22 39 38 David Gilliland Love’s Travel Stops Ford 339 22 Running
23 33 47 AJ Allmendinger Bush’s Beans Chevrolet 339 21 Running
24 22 51 Justin Allgaier # Brandt Professional Agriculture Chevrolet 339 20 Running
25 16 48 Jimmie Johnson Lowe’s Spring is Calling Chevrolet 338 19 Running
26 31 17 Ricky Stenhouse Jr. Ford EcoBoost Ford 338 18 Running
27 24 10 Danica Patrick GoDaddy/Get Found Chevrolet 338 17 Running
28 21 13 Casey Mears GEICO Chevrolet 338 16 Running
29 27 7 Michael Annett # Accell Construction Chevrolet 337 15 Running
30 28 95 Michael McDowell TWD Ford 335 14 Running
31 42 26 Cole Whitt # Swan Energy Toyota 335 13 Running
32 30 23 Alex Bowman # Dr.Pepper Toyota 335 12 Running
33 38 36 Reed Sorenson Chevrolet 334 12 1 Running 1 1
34 40 40 Landon Cassill(i) Gallery Furniture Chevrolet 334 0 Running
35 43 34 David Ragan Taco Bell Ford 334 9 Running
36 41 98 Josh Wise Phil Parsons Racing Chevrolet 333 8 Running
37 37 32 Travis Kvapil Ford 332 7 Running
38 34 35 David Reutimann MDS Transport Ford 332 6 Running
39 11 41 Kurt Busch Haas Automation Chevrolet 327 5 Accident
40 36 30 Parker Kligerman # SMS Audio Toyota 313 4 Overheating
41 35 77 Dave Blaney Ford 272 3 Steering
42 3 4 Kevin Harvick Jimmy John’s Chevrolet 28 3 1 Engine 1 1
43 19 88 Dale Earnhardt Jr. National Guard Chevrolet 12 1 Accident