Tony Stewart citato in giudizio dalla famiglia di Kevin Ward Jr. per omicidio colposo

d22d53a3681c201478bcbb9aee194f2a_crop_north

La famiglia di Kevin Ward Jr. ha citato in giudizio Tony Stewart per omicidio colposo.

Jeff Gluck di USA Today – su Twitter – ha postato un comunicato stampa della famiglia di Ward:

 

Ward è morto circa un anno fa – il 9 agosto 2014 – mentre correva in una gara dirt della Empire Super Sprints series al Canandaigua Motorsports Park in New York.

Durante la gara, Ward e Stewart erano side by side in una curva, e Ward di conseguenza è andato in testacoda. Mentre la gara era ancora in corso di svolgimento, Ward è uscito dalla sua vettura per confrontarsi con Stewart mentre proprio la #14 di “Smoke” stava uscendo dalla curva dove la vettura di Ward era ferma.

Stewart ha colpito Ward uccidendolo praticamente sul colpo. Lo sceriffo della contea – Phil Povero – ha confermato che la causa della morte è stato un trauma da impatto.

Stewart ha rilasciato una dichiarazione subito dopo l’incidente:

Un grand jury aveva determinato i reati di stewart in omicidio con l’aggravante di negligenza e in omicidio colposo di secondo grado ma il verdetto finale è stato che non c’erano abbastanza prove per incriminare “Smoke”. Il procuratore distrettuale della contea di Ontario – Michael Tantillo – ha dichiarato che al grand jury erano stati presentati due video diversi dell’incidente mostrati, appunto, per dare più dettagli possibile sull’accaduto.

“I video non hanno mostrato alcuna guida aberrante da parte di Tony Stewart fino al momento dell’impatto con Kevin Ward Jr. dove si è visto che il veicolo ha virato sulla parte alta del tracciato e ha colliso con il corpo di Kevin,” ha dichiarato Tantillo. “Prima dell’impatto, la traiettoria del veicolo era normale.”

Nella loro citazione in giudizio, la famiglia di Ward conta sul fatto che Stewart avrebbe potuto evitare l’incidente.

“Stewart avrebbe potuto facilmente comportarsi con prudenza ed evitare di colpire Ward, come del resto hanno fatto gli altri piloti mentre passavano accanto a Ward durante la caution,” hanno contestato [a Stewart] i familiari. “Stewart si è comportato senza rispett nei confronti di Ward e della sua sicurezza guidando il suon veicolo in un modo che avrebbe spaventato Ward e che alla fine lo ha ucciso.”

Federico Floccari