NASCAR – Stewart è intenzionato a vincere nuovamente il campionato

La stagione del campione in carica della NASCAR Sprint Cup Series, Tony Stewart, sta andando piuttosto bene. Tony ha all’attivo tre vittorie con otto top-5 e nove top-10. In classifica, Stewart è attualmente settimo dopo 19 gare, staccato di 89 punti da Kenseth. Parlando con i media durante la settimana, Tony ha raccontato il suo rapporto professionale con Steve Addington e come affronterà la seconda parte di stagione. Inoltre ha espresso la sua opinione su debutto della Nationwide a Indianapolis e ha spiegato il suo rapporto con il circuito dell’Indiana.

“Sono molto contento del lavoro che Io e Steve stiamo svolgendo insieme. Essere a metà stagione ed avere già tre vittorie in tasca è qualcosa di cui essere veramente orgogliosi. Regna una bella atmosfera nel team e ciò aiuta tutti noi a caricarci sempre di più”.

Tony parteciperà quasi sicuramente alla Chase 2012. Il suo obbiettivo è di bissare il successo dell’anno passato. Vediamo quale sarà il suo comportamento per la prossima gara a Indianapolis (dove Stewart gioca in casa) che,a detta di tutti,è la seconda gara più importante dell’anno dopo la Daytona 500.

“Il nostro obbiettivo è vincere il campionato. Indy è solamente una battaglia di una guerra e noi vogliamo vincere la guerra. Il campionato è la cosa più importante per noi ed è su quello che ci dobbiamo concentrare. Sicuramente, avere già tre vittorie in tasca ci aiuta ad essere più sereni in chiave Chase ma,guardando al futuro, dobbiamo cercare di essere più consistenti possibile e cercare di dare il meglio di noi stessi. Mi fido molto di Steve. Quando sono in macchina, non decido io cosa fare ma è compito di Steve assicurarsi il meglio per noi. Ha notevoli capacità e lo ammiro molto”.

L’Indianapolis Motor Speedway rappresenta qualcosa di speciale per il pilota di Columbus,Indiana. Tony è nato a poche miglia dal Brickyard che,di conseguenza,può essere considerato il circuito di casa per il pilota della Chevy #14.

“Penso che ci siano delle cose che mi aiutino a Indy ma preferisco non dirle. Ci sono molte variabili,cose che facciamo che in un modo o nell’altro ci aiutano durante le gare. Sono dei segreti che devi cercare di tenerti dentro di te il più a lungo possibile”.

Per la prima volta nella sua storia,la Nationwide Series correrà all’Indianapolis Motor Speedway. Vediamo cosa ne pensa Stewart,già vincitore due volte al Brickyard.

“La prima volta che ho corso a Indianapolis è stato nel 1996 quando gareggiavo nella IRL. Correvamo a circa 230 miglia all’ora e andare a muro era molto facile. Ci sono stati anni dove incidentavo più a Indy che su ogni altro circuito. I ragazzi della Nationwide avranno più sessioni di libere per prendere la mano con il circuito, quindi penso che se la caveranno benissimo. Sono dei ragazzi molto intelligenti”.

Stewart sarà sicuramente uno dei protagonisti domenica. La sua voglia di vincere non è certo svanita e ci tiene a fare bella figura sulla pista di casa, dove del resto ha già vinto due volte.

Appuntamento con la Brickyard 400 domenica 29 luglio alle 19 ora italiana.