Perché nonostante il declino negli ascolti la NASCAR rimane vitale per i network USA?

Immagine

Lo sappiamo ormai tutti. La NASCAR è in declino negli ascolti TV ma nonostante questo rimane vitale per il business delle rete via cavo USA, in particolare Fox Sports 1 e NBC Sports Network. Perché?

Negli ultimi anni il  costo di mandare in onda eventi sportivi in diretta è letteralmente esploso.

Per far fronte ai costi di produzione, i network televisivi hanno deciso di cominciare a spostare gli eventi live, come può essere una gara NASCAR, dalle reti tradizionali come FOX o NBC a quelle via cavo come Fox Sports 1 o NBC Sports Network. La motivazione sta nel fatto che attraverso gli abbonamenti per vedere canali come FS1 o NBCSN (altrimenti non visibili in maniera free), i network puntano a guadagnare il più possibile dalle sottoscrizioni e dalle pubblicità.

Un esempio lampante di tutto ciò è il nuovo contratto della NASCAR con FOX ed NBC valido fino al 2024. Nonostante la NASCAR abbia perso quasi un terzo della sua fan base a livello di ascolti nell’ultimo decennio, il guadagno è stato del 46% rispetto al precedente contratto televisivo, secondo Alexia Quadrani di JP Morgan, siglato con Fox, TNT ed ESPN (in vigore dal 2007 al 2014, periodo molto più fortunato per gli ascolti per l’associazione di Daytona Beach).

La motivazione di questo “inspiegabile” guadagno può essere trovata nel vitale bisogno dei network televisivi di trasmettere eventi in diretta cosicché chi guarda non può mandare avanti con il telecomando le pause pubblicitarie come ormai succede di norma quando si guarda un evento on demand.

NASCAR_BTS.vadapt.664.high.68

Tutto ruota infatti intorno alla volontà degli investitori pubblicitari, “advertisers”, che vogliono che chi guarda un programma deve anche vedere i cosiddetti commercial break, molto costosi infatti per gli advertisers che hanno piazzato milioni di dollari nelle tre-quattro ore di programmazione di un evento della massima serie NASCAR.

Come parte di una strategia di marketing molto coraggiosa, Fox ed NBC hanno usato e usano la NASCAR come un modo per far crescere i loro canali sportivi via cavo, sempre secondo JP Morgan.

Secondo la nostra opinione, il motivo primario per cui la NASCAR riesce sempre a guadagnare dai contratti TV è perché è considerato il gioiellino e gioca un ruolo cruciale nella programmazione di canali come Fox Sports 1 ed NBC Sports Network” ha dichiarato sempre la Quadrani. Infatti nel 2015 la NASCAR ha regalato a questi ultimi due canali ascolti record senza precedenti che, tradotto in linguaggio economico, significa più dollari dalla pubblicità e più competizione con gli altri canali come ESPN.

 

Immagine

La tabella qui sopra, ottenuta gentilmente da Sports Business Daily, stima come Fox nel solo 2015 abbia guadagnato ben 397.6 milioni di dollari mentre NBC 297.4 solamente dalla raccolta pubblicitaria durante le gare della Sprint Cup. Basandoci sugli accordi del contratto TV, Fox sborsa 380 milioni di dollari all’anno alla NASCAR mentre NBC una media di 440 milioni.

Questo significa che Fox è appena al di sopra della cifra spesa grazie alla pubblicità, mentre NBC ha perso circa 240 milioni di dollari. Comunque, questi numeri non includono i promo side by side e tutte le pubblicità pre e post gara e ovviamente tutti i ricavi dagli abbonamenti.

La morale della favola è che ormai gli eventi sportivi in diretta sono diventati vitali per i network televisivi che sono e saranno disposti a sborsare cifre sempre più considerevoli in futuro per l’acquisizione dei diritti di una serie come la NASCAR che, seppur in declino, rimane sempre il secondo sport in USA dopo il football NFL.

Federico Floccari