Trovato l’accordo per la vettura numero 47: AJ Allmendinger e il team JTG Daugherty insieme nel 2014

Le voci giravano già da tempo, la notizia era nell’aria da giorni, ma solo nella giornata di oggi, Sabato 31 Agosto è giunta l’ufficialità dell’accordo tra AJ Allmendinger ed il team JTG Daugherty relativo alla stagione 2014. Il suddetto team, che gestisce la vettura numero #47 nella NASCAR Sprint Cup Series ha individuato nel trentunenne pilota americano originario di Los Gatos il punto di partenza di un nuovo capitolo della storia della squadra, nel segno di nuovi obiettivi e risultati all’altezza delle aspettative.

[column col=”1/3″][mc4wp-form][/column]

Il palmarès di Anthony James Allmendinger, soprannominato AJ, è di tutto rispetto: all’esordio tra le categorie a ruote scoperte, con relative vittorie tra le Champ Cars e pregevoli piazzamenti in IndyCar, è seguita una meno brillante ma tuttavia degna di menzione carriera nel mondo NASCAR a ruote coperte. Il tutto, però, macchiato irreparabilmente dallo scandalo che ha visto protagonista il pilota americano durante la scorsa stagione a seguito della positività riscontrata in un test contro le sostanze dopanti effettuato al termine della Coke Zero 400. L’immediata sospensione da parte dei vertici della NASCAR ed i lenti periodi di reintegramento seguiti dal pilota lo hanno estromesso dalla lotta per le posizioni importanti di classifica alle quali ambiva da anni.

In un 2013 piuttosto travagliato, trascorso saltando dalle monoposto IndyCar alle vetture NASCAR, senza dimenticare la Indianapolis 500, AJ è riuscito a togliersi comunque qualche sassolino dalle scarpe, conquistando due pregevoli vittorie nella Nationwide Series, serie cadetta del campionato NASCAR, sui due tracciati stradali di Road America e Mid-Ohio, alle quali si aggiunge una preziosa top ten guadagnata a Watkins Glen in Sprint Cup Series al volante della vettura del team che ha deciso di dargli fiducia per una intera stagione.

“Per me è una opportunità fantastica, – ha affermato AJ Allmendinger ad Atlanta, durante la conferenza stampa di fronte ai media – guardo a tutto ciò come ad un punto di partenza, l’inizio di un nuovo capitolo per me e per il team di questa storia. Ho lavorato duro per tornare e sono grato e al tempo stesso felice di poter dire di aver raggiunto il mio obiettivo. Non posso che ringraziare il team, nelle persone di Brad Daugherty, Jodi e Tad Geschickter (i proprietari del team) per la fiducia accordatami.”

La risposta di Brad Daugherty al proprio nuovo pilota è altrettanto positiva: “Un grazie speciale va a Bobby Labonte per tutto quello che ha fatto con e per noi al volante della #47, ma ora comincia qualcosa di nuovo per la squadra. Sono davvero felice di poter lavorare con un pilota come AJ: ha voglia di vincere ed ha il potenziale per farlo, sono certo che abbiamo ottime occasioni.”

Dopo le fugaci apparizioni dietro il volante della #47 nell’annata in corso, si prospetta dunque un ritorno competitivo per lo sfortunato pilota californiano. Che sia il momento della rivincita per AJ?

Fabio Valente