Davide Amaduzzi prende contatto con le gomme Hoosier in vista della gara di stanotte

Davide Amaduzzi è in procinto di dare inizio alla sua stagione 2013 con il ritorno in gara nella NASCAR, categoria Late Models, per la Golden King 100, prova valida per la Whelen All American Series che si disputerà nella notte italiana all’Hickory Motor Speedway.

«Finalmente si ricomincia» ha detto un Amaduzzi particolarmente carico. «Quest’anno la pausa invernale, durata da fine ottobre a marzo anche a causa dell’annullamento per pioggia dei test di febbraio, è stata particolarmente lunga e fastidiosa.»

Il pilota italiano, che gareggerà al volante della Chevrolet Impala O.P.M/Blancko/Siri/Roven #11 del Lee Faulk Racing – vestita per l’occasione con una nuovissima livrea ispirata alla bandiera italiana – ha svolto ieri una giornata di test, sempre all’Hickory Motor Speedway, per prendere confidenza con la principale novità di quest’anno, rappresentata dalle gomme Hoosier, che vanno a sostituire le Goodyear utilizzate fino al 2012.

«Avevo qualche preoccupazione in merito alle nuove gomme, ma sono sparite dopo poche tornate» ha spiegato Davide. «Un piccolo aggiustamento alla posizione del piantone dello sterzo per migliorare la posizione di guida e in qualche tornata ho preso confidenza con gli pneumatici. Sembrano persino più facili da utilizzare e sono riuscito a entrare in curva in modo più aggressivo e redditizio, mantenendo fin da subito un passo discreto.»

Nel corso degli oltre 120 giri percorsi sull’ovale da 0,363 miglia della Carolina del Nord, team e pilota hanno provato diverse soluzioni di setup e il miglior tempo è arrivato alla fine della sessione, con gomme usurate.

«La Chevy del Lee Faulk Racing era perfetta. Nelle varie soste abbiamo sistemato piccoli particolari e provato diversi chip della centralina perché spesso in rettilineo entrava il limitatore di giri. Alla fine, con la vettura che iniziava a “muoversi” parecchio, ho centrato il mio miglior tempo, a 2 centesimi dal record fatto segnare la scorsa settimana»

Pur consapevole del valore tutto sommato relativo dei tempi realizzati durante i test, Amaduzzi è decisamente fiducioso in vista della gara di stanotte.

«Sono davvero soddisfatto, soprattutto perché sto entrando in questo universo con il passo giusto. Il 2013 parte alla grande e sono carichissimo, la macchina è stupenda con la nuova livrea e non vedo l’ora di cominciare a fare sul serio» 

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]