Renzo Calcinati sale sul podio e suggella un week-end più che positivo per il team T-Engineering

Il week-end di Tours del team T-Engineering nella NASCAR Whelen Euro Series si è concluso con un ottimo terzo posto di Renzo Calcinati nella Divisione Open, dopo che la rottura del radiatore dell’olio del cambio in seguito a un contatto aveva fermato un Davide Amaduzzi in grande spolvero nella gara Elite al volante della Camaro #68 Dogcooker/Biancko, quando l’italiano occupava la sesta posizione.

Piloti e team lasciano l’ovale di Tours con la certezza di poter puntare in alto nelle prossime tappe della serie NASCAR europea, a partire dell’appuntamento di Monza del 28/29 settembre, che segnerà anche l’inizio dei Playoffs del campionato.

Amaduzzi si è qualificato in decima piazza per la Tours Evenements 100, con un distacco dai vertici della categoria ridotto a pochi centesimi e molto soddisfatto della vettura, tanto che fin dalla bandiera verde ha recuperato posizioni rapidamente ed è arrivato alle porte della top-5. Un contatto subito da un avversario nelle fasi concitate tipiche dei restart sugli ovali corti ha però danneggiato il radiatore dell’olio del cambio sulla Camaro #68 Dogcooker/Biancko e costretto Davide a fermarsi.

“Le premesse per un bel risultato c’erano tutte, anche se su ovale può succedere di tutto, per cui un po’ di delusione c’è,” ha detto Amaduzzi. “Anche questi incidenti però fanno parte delle corse e mi sono già messo questa gara alle spalle, conservando l’aspetto estremamente positivo di una vettura in grado di lottare al vertice. Non vedo l’ora di essere in griglia a Monza per la prima gara in assoluto della  NASCAR in Italia!”

La LAKAL 100 ha visto invece un Renzo Calcinati in forma smagliante, in grado di restare costantemente tra i primissimi della Divisione Open con una vettura decisamente a posto. Il milanese, molto a suo agio nonostante le gomme ormai usurate, ha saputo infilarsi in tutti i varchi fino a salire sul terzo gradino del podio e a vincere la classifica del Trofeo Gentleman.

“E’ stata una giornata veramente meravigliosa e la vettura è stata perfetta” ha detto un raggiante Calcinati. “Ho dovuto cedere qualche posizione solo quando mi sono trovato sulla fila esterna in restart, ma sono riuscito a rimontare molto velocemente. Abbiamo dimostrato che siamo un gruppo in grado di puntare in alto.”

Massimo Di Lonardo però non si accontenta e, entusiasmato dalle prestazioni del team sui 600 metri dell’ovale di Tours, da quest’anno dotato anche di due curve con un banking di 9 gradi, pensa già alla gara di Monza con l’obiettivo di fare ancora meglio.

“E’ stato un fine settimana davvero positivo soprattutto perché abbiamo saputo estrarre il 100% dalla vettura e siamo stati costantemente tra i migliori,” ha detto Di Lonardo. “Il rammarico per il risultato che avremmo potuto ottenere con Davide nella seconda gara Elite servirà da stimolo per presentarci a Monza competitivi come non mai”.

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]