Due italiani nel fine settimana NASCAR sugli stradali

Fine settimana “atipico” per la NASCAR, i cui piloti gireranno anche a destra per una serie di gare su circuiti stradali a cavallo tra la California e , sui circuiti di Sonoma e Road America. Per l’occasione, potremo tifare anche per due italiani: Max Papis, impegnato nella Nationwide Series, e Davide Amaduzzi, al debutto in K&N Pro Series West.

[divider]

K&N Pro Series West

Il week-end sugli stradali della NASCAR comincia a Sonoma, nel bel mezzo della Wine Country californiana, con la Carneros 200, sesta prova della K&N Pro Series West. Sono ben 35 le vetture iscritte per la gara che farà da contorno alla Sprint Cup e si disputerà sulla distanza di 64 giri del sinuoso tracciato da 1.99 miglia nei pressi di San Francisco.

I favoriti per la Carneros 200, che scatterà alle 22 italiane di sabato 22 giugno ma verrà trasmessa integralmente da Speed il 18 luglio (e prontamente postata su MSR), sono i soliti noti. Su tutti svetta il capoclassifica Michael Self, vincitore delle ultime tre gare consecutive, inclusa quella sullo stradale di Brainerd, seguito da Greg Pursley, Derek Thorn, Cameron Hayley ed Eric Holmes.

Oltre ai protagonisti abituali della serie, al via ci sarà anche l’italiano Davide Amaduzzi, che si presenta al volante della Ford Fusion #56 del Bogart Motorsports. Davide non ha nascosto le sue ambizioni e spera, dopo diverse gare di apprendistato sulle stock-cars e sugli ovali, di sfruttare la sua esperienza sui circuiti stradali per mettersi in luce in vista del prosieguo della stagione.

[divider]

Nationwide Series

Appena un’ora dopo la gara della K&N Pro Series West (quindi alle 23 italiane di sabato 22 giugno), a Road America calerà la bandiera verde della 14esima prova della Nationwide Series. La Johnsonville Sausage 200 Presented by Menards è ormai diventata un classico del calendario della serie cadetta e propone una lotta incessante sulla distanza di 200.4 miglia, pari a 50 giri del tecnico circuito di Elkhart Lake, Wisconsin.

Come di consueto, il pronostico sarà apertissimo e conteso tra i gli habitué del campionato ed eccellenti specialisti in arrivo da altre serie, tra cui spicca il nostro Max Papis, al volante della Chevrolet Camaro #33 del Richard Childress Racing. Sono ormai diversi anni che Max va molto vicino al successo sugli stradali della Nationwide Series e anche questa volta punterà dritto al successo, cercando di spremere al massimo la vettura al momento giusto.

Regan Smith si presenta a Road America con qualcosa come 58 punti di vantaggio su Sam Hornish Jr. e una striscia di 11 top-10 consecutive. I suo risultati, quando si gira anche a destra, non sono esattamente fenomenali, ma il vantaggio è rassicurante. Hornish, quinto in Wisconsin lo scorso anno, proverà a recuperare, ma sarà interessante vedere all’opera il vincitore del 2012 Nelson Piquet Jr, Michael McDowell, Austin Dillon, Aj Allmendinger, nonché Kyle Larson, alla sua prima esperienza su un “road course”.

[divider]

Sprint Cup Series

Anche questa volta il piatto forte arriva la domenica, precisamente alle 21 italiane del 23 giugno, quando a prendere il via sarà la Toyota Save Mart 350, sedicesima prova della NASCAR Sprint Cup Series 2013. Il sorvegliato speciale a Sonoma è Marcos Ambrose, il road racer per eccellenza della NASCAR, che è sempre alla caccia del primo successo sulle colline californiane.

Jeff Gordon è tra i pretendenti al successo in virtù delle sue 5 vittorie in carriera, mentre negli ultimi anni si sono imposti, e hanno ottime chance di ripetersi, anche Kurt Busch, Clint Bowyer, Jimmie Johnson, Kasey Kahne, Tony Stewart e Kyle Busch. Sembrerebbe messo bene anche l’altro grande specialista delle curve a destra, Juan Pablo Montoya, che sta vivendo un ottimo momento di forma al volante della Chevrolet SS #42 del team Ganassi e a Sonoma ha vinto nel 2007.

Tra le guest-star ci sarà anche Jacques Villeneuve, al volante della SS #51 del Phoenix Racing. Veloce o meno, ma c’è da puntare sulla prima, il canadese darà spettacolo.

Sarà interessante anche vedere all’opera il nuovo sistema di qualificazione su stampo europeo, con i piloti divisi in gruppi, in pista contemporaneamente e un tempo entro cui stabilire il giro più veloce.  Le prove si disputeranno sabato