Nationwide Series – Chase Elliott fa la voce grossa a Chicagoland

Non rispettando assolutamente quelli che sono gli standard per un rookie, Chase Elliott ha vinto ancora, rimanendo in testa per 85 dei 200 previsti che gli hanno permesso di raccogliere la sua terza vittoria stagionale al Chicagoland Speedway nella EnjoyIllinois.com 300.

Elliott, che ha preso la leadership decisiva della corsa alla tornata 177, ha saputo resistere negli ultimi 23 giri con un margine al traguardo di quasi due secondi su un solido Trevor Bayne, giunto secondo. Per Chase Elliott si tratta della terza vitttoria stagionale, tante quante Kyle Busch. Davvero impressionante per un debuttante.

“Abbiamo corso in una maniera incredibile,” ha dichiarato un emozionato Elliott in Victory Lane. “E’ stata una serata fantastica… devo ringraziare in modo particolare i miei meccanici che hanno fatto un lavoro egregio nell’ultimo pit stop, che mi ha permesso di rientrare come leader in corsa.” 

Terzo alla bandiera a scacchi, alle spalle del duo Elliott/Bayne, troviamo un sempre agguerrito Kyle Larson seguito da Kasey Kahne e Ty Dillon. Oltre al vincitore della corsa, Kahne è stato il secondo pilota del JR Motorsports nella top-5. Al pilota della Chevy Camaro #5 è andata piuttosto bene dopo che ha assaggiato pesantemente il muretto del Chicagoland Speedway, danneggiando non poco la sua vettura ma appena integra per tagliare il traguardo senza particolari problemi.

Il polesitter, Brian Scott, ha concluso la sua prova in sesta posizione davanti al debuttante nella serie cadetta della NASCAR, Erik Jones, Chris Buescher, Ryan Blaney ed Elliott Sadler, autore di una gara anonima e senza azioni particolarmente interessanti. Regan Smith, che era al comando della classifica generale prima di questa corsa, ha dovuto problemi con una vettura settata non benissimo e ha dovuto concludere con una deludente 16esima piazza.

Grazie a questa vittoria, Chase Elliott prende ora il comando delle operazioni in Nationwide Series con sette punti di vantaggio su Smith e otto su Elliott Sadler.

La corsa è stata caratterizzata da un finale in regime di fuel-mileage e tutti i team si sono dovuti scontrare contro il consumo di carburante. Numerose soste si sono succedute a circa 40 giri dalla conclusione, con il leader che cambiava praticamente di giro in giro. Chase Elliott è stato il più veloce e più bravo di tutti rientrando in pista come leader a 24 giri dal termine.

Brutta serata, invece, per la Toyota #54 del JGR, guidata da Sam Hornish Jr. per l’occasione, che ha dovuto abbandonare la corsa dopo soli 8 giri per problemi al motore.
La Nationwide Series tornerà in pista sabato prossimo all’Indianapolis Motor Speedway per la Lilly Diabetes 250.
Federico Floccari – @NASCARCountryUS