Penalità anche per i team di Nelson Piquet Jr. e Brian Scott dopo le vicende di Richmond

La NASCAR ha deciso di sanzionare team e piloti coinvolti nell’alterco avvenuto dopo la gara della Nationwide Series, che è poi scaturito in due arresti.

Dopo la bandiera a scacchi della Toyota Care 250, Brian Scott si era avvicinato in pit road a Nelson Piquet Jr., reo di averlo colpito nelle fasi finali della corsa mentre lottavano per una posizione abbondantemente al di fuori della top-10. Scott si è beccato una spinta e  calcio a una gamba dal brasiliano, che ha poi chiesto scusa per la mosso “sotto la cintura”, sostenendo che non era nelle sue intenzioni.

Placati apparentemente gli animi in pit road, la faccenda è ripresa nella zona dei motorhome, dove un gruppo di meccanici del Richard Childress Racing, il team di Scott, ha cercato il confronto con un Piquet e le persone che erano con lui in quel momento. Ne è scaturita una rissa che ha portato all’arresto di due meccanici del team RCR: Michael Searce e Thomas Costello, che sono stati poi rilasciati e sanzionati oggi dalla NASCAR con una multa da 15.000$, una squalifica da 4 gare e una probation estesa fino al 31 dicembre.

La NASCAR aveva anche anticipato di non avere in previsione penalizzazioni per quanto accaduto in pit road, ma ha comunque messo sia Piquet che Scott in probation fino al 26 giugno, stessa misura adottata per i crew chief Chris Carrier e Phil Gould.

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]