Sam Hornish Jr. part time al Joe Gibbs Racing in Nationwide Series

Non sarà esattamente quello che sperava, ma almeno una parte della stagione 2014 di Sam Hornish Jr. ha trovato una collocazione, tra l’altro su una vettura di primissimo piano come la Toyota Camry #54 del Joe Gibbs Racing in Nationwide Series.

Hornish andrà a completare quello che sarà il calendario di Kyle Busch. Il pilota di Las Vegas dovrebbe gareggiare nuovamente 26 volte e lasciare il volante a Sam nelle restanti sette, con l’obiettivo implicito di sfruttare la sua esperienza per non ripetere la debacle del 2013, quando Gibbs perse il titolo Owners per un punto, nonostante le 12 vittorie di Busch. Il vincitore della Indy 500 del 2006 disputerà le prove non concomitanti con la Sprint Cup Series, ovvero le due dell’Iowa Speedway, Road America, Chicagoland, Mid-Ohio and Kentucky, più quella di Talladega del 3 maggio, che segnerà anche il suo debutto sulla Camry #54.

“Quest’anno sarà divertente con me e Sam al volante della Camry Monster Energy,” ha detto Kyle Busch. “Abbiamo perso il campionato Owners per un margine piccolissimo e penso che la lotta sarà di nuovo serrata. Avere un pilota esperto stabilmente con noi quando non posso guidare io, darà ad Adam (Stevens, il crew chief. ndr) l’opportunità di avere grande consistenza. Sam è stato un avversario molto forte lo scorso anno e non vedo l’ora di averlo dalla nostra parte in questa stagione.”

Sebbene abbia concluso il campionato 2013 al secondo posto in classifica generale alle spalle di Dillon, Roger Penske ha lasciato Sam libero di cercarsi un nuovo volante, in parte a causa della mancanza di sponsor disposti a supportare il pilota di Defiance, Ohio e in parte per l’impossibilità di garantirgli un posto in Sprint Cup, visto che il team schiererà la Fusion #12 solo in alcune occasioni per Ryan Blaney.

L’accordo con Gibbs lascia il tre volte campione IRL in una specie di limbo, non appetibile per una nuova rincorsa al titolo NNS e nemmeno per un sedile full-time in NSCS, ma rappresenta comunque la scelta più logica, perché al Penske Racing non avrebbe potuto puntare stabilmente alla Sprint Cup a breve termine, scavalcato nelle gerarchie interne del team dal giovane Blaney. Correre per il Joe Gibbs Racing lo metterà comunque in condizione di lottare per la vittoria in più di un’occasione, lo porrà in relazione con uno sponsor munifico come Monster Energy e non è escluso che Hornish riesca a trovare spazio per qualche apparizione in Sprint Cup Series.

“Sono entusiasta di guidare la Camry #54 Monster Energy quest’anno. E’ una grande opportunità per me,” ha detto Hornish. “E’ la miglior soluzione possibile per me per avere una vettura vincente e l’opportunità di vincere. Dopo aver lavorato per 10 anni con Penske e avendo ora la possibilità di correre per il Joe Gibbs Racing, non avrei potuto chiedere di più.”

Stay Tuned!

Gian Luca Guiglia