Categorie
K&N Pro Series Monster Energy Cup Series Xfinity Series

Week-end denso di appuntamenti per la NASCAR a Richmond: in pista questa notte anche Max Papis!

Il fine settimana della NASCAR a Richmond, Virginia, si preannuncia davvero scoppiettante, con quattro gare che andranno a culminare sabato notte nella Toyota Owners 400, nona prova della Sprint Cup Series.

Si comincia già questa notte, dapprima con la Blue Ox 100, quinta prova della NASCAR K&N Pro Series East, che si disputerà sulla distanza di 75 miglia a partire  dalla 1:00 italiana. Brett Moffitt si presenta al via da capoclassifica, ma senza vittorie nelle precedenti quattro gare. Il 20enne di Grimes, Iowa, può contare su nove punti di vantaggio nei confronti di Dylan Kwasniewski – vittorioso a Bristol – e del giovanissimo Gray Gaulding, secondo nella Battle at the Beach e a Pensacola. Attenzione anche al vincitore del Five Flag Speedway, Ben Kennedy, che è stato il più veloce nelle libere e parte deciso a fare il bis. Sarà sicuramente velocissimo Corey LaJoie, il vice-campione 2012, e potrebbe sorprendere ancora una volta Kenzie Ruston, 21enne dell’Oklahoma attualmente quarta nella generale con due top-5 all’attivo.

La serata a Richmond proseguirà con il Denny Hamlin Short Track Showdown, gara a scopo di beneficenza riservata alle Late Models organizzata dalla Denny Hamlin Foundation per raccogliere fondi a favore dei bambini affetti da fibrosi cistica La corsa, che prenderà il via intorno alle 2:30 italiane, si articolerà su due segmenti, per un totale di 75 giri dell’ovale da 0.75 miglia della Virginia, e al via ci sarà un interessantissimo mix di esperti campioni e giovani promesse delle stock-cars. Accanto a nomi come quelli Kyle Busch, Matt Kenseth e Tony Stewart – per citarne solo tre – compaiono quelli di giovani terribili com Darrell Wallace Jr., Kyle Larson, C.E. Falk e Gray Gaulding per un’evento da non perdere.

Al via ci sarà anche il nostro Max Papis, che si schiererà al volante della Impala Late Model #33 Livestrong/Alpinestars/Diesel del Lee Faulk Racing, squadra che metterà in pista anche le vetture di Ricky Stenhouse Jr. e Kyle Larson. Oltre che per una buona causa, l’italiano correrà anche per allenarsi in vista del ritorno in pista su ovale nella Nationwide Series con il Richard Childress Racing, previsto per l’8 giugno all’Iowa Speedway.

“Si tratta di una gara fantastica perché ci sono tutti i campioni della NASCAR che si sfidano su delle vetture Late Model, che hanno circa 450CV e sono un po’ più leggere di una Nationwide” ci ha spiegato il pilota comasco. “La cosa più bella però è essere qui tutti insieme, in pista, per una causa benefica. Si confrontano grandi campioni, come Kyle Busch e Tony Stewart, con piloti giovani e giovanissime promesse come Gray Gaulding. La competizione sarà accesissima, ma l’ultima volta avevamo un passo da top-5 e vogliamo migliorarci assolutamente.”

BItzjGyCMAAZAt8

Non sarà della partita invece Denny Hamlin, che ha ricevuto un parere negativo dai medici in merito al recupero dall’infortunio subito all’Auto Club Speedway di Fontana, California, in seguito a un contatto con Joey Logano. Il pilota del Joe Gibbs Racing sarà costretto ancora una volta a guardare i colleghi dal muretto, nella speranza di poter almeno essere alla partenza della prossima gara a Talladega.

Per la notte tra venerdì e sabato, con partenza alla 1:30 italiana, è in programma la ToyotaCare 250, settima prova della NASCAR Nationwide Series. Nell’ arco dei 250 giri previsti, per una distanza di 187.5 miglia, Elliott Sadler – pilota di casa, visto che proviene da Emporia, Virginia – proverà in ogni modo a centrare il suo primo successo al Richmond International Raceway. Sam Hornish Jr. proverà a difendere con le unghie e con i denti la prima posizione in classifica dagli assalti di Regan Smith, Austin Dillon, Justin Allgaier e Brian Scott. La gara invece potrebbe essere ancora una volta un discorso ristretto ai piloti della Sprint Cup Series, come Kyle Busch, Kevin Harvick e Brad Keselowski.

Il gran finale arriverà nella notte tra sabato e domenica con la Toyota Owners 400, valida per la NASCAR Sprint Cup Series. Il nono appuntamento stagionale della massima serie partirà alla 1:30 italiana avrà tra i favoriti i piloti Toyota. L’ultima vittoria non-giapponese a Richmond è arrivata addirittura nel 2011, per mano di Kevin Harvick, il quale spera di sfruttare un tracciato “amico” per regalare al team la prima top-5 di una stagione partita decisamente piano.

Kyle Busch sarà il punto di riferimento per tutti e punterà a riprendersi subito dalla pessima giornata del Kansas Speedway, ma non bisognerà sottovalutare nemmeno Clint Bowyer, vincitore dell’ultima gara disputata a Richmond durante la scorsa Chase. L’occasione potrebbe essere ghiotta anche per i diretti inseguitori di Jimmie Johnson in classifica generale, visto che il cinque volte campione si ritrova ad affrontare una pista che non è tra le sue favorite e ha un driver rating di 90.4, contro il 113.9 di Kyle Busch, che però sfigura contro il 117.8 di Denny Hamlin, come detto, purtroppo, assente anche in questa occasione.

Stay Tuned!

[follow id=”gian_138″ size=”large” count=”true” ]

 

 

 

 

Di Gian Luca Guiglia

Classe: 1979
Mito: Jim Clark
Pilota preferito: Juan Pablo Montoya
Piloti nel cuore da corsa: Tony Stewart, Jim Clarck, Stirling Moss,Max Papis, Alessandro Zanardi e mille altri…
Pilota donna preferita: Simona de Silvestro
Circuito Preferito: Nordschleife
Circuiti nel cuore da corsa: Le Mans, Rouen, la vecchia Monza, la vecchia Spa
Auto preferita: Ferrari P4
Auto nel cuore da corsa: Ford GT40, Lotus 79, Tyrrell P34, Lotus 49, Porsche 917
Gare dal vivo: Fia GT, Superstars, WTCC, F.Renault, LMES Monza, NASCAR Phoenix e Las Vegas 2011
Gare da vedere un giorno dal vivo: 24h Lemans, 500miglia Daytona
Livrea Casco Preferito: Alex Zanardi, Carl Fogarty
Livrea auto preferita: Ford gt40 Gulf, Lotus 49 Gold Leaf
Gara preferita: Troppe
Gara nel cuore da corsa: Daytona 500 2008, Darlington 2003, Lemans 67
Riviste preferite: Autosport, Motorsport magazine.