Xfinity Series – Ci sono solo Rowdy e il JGR in New Hampshire

13697012_10201838584524392_992559632346109491_n

Quando Kyle Busch prende parte ad una gara Xfinity gli ultimi mesi ci hanno insegnato quale sarà il verdetto finale, ne è stato un esempio la Autolotto 200 corsa ieri sera al New Hampshire Motor Speedway. Gara totalmente dominata proprio dallo stesso Busch e dal Joe Gibbs Racing che ha piazzato le sue tre macchine nelle prime quattro posizioni.

Dopo la pole position, 190 giri in testa sui 200 percorsi Kyle Busch ha coronato il tutto con la sua 82° vittoria nella Xfinity, 6° volta su 10 gare nella stagione in corso e 5° volta in 11 gare al Magic Mile di Loudon, New Hampshire.

“Stiamo raggiungendo davvero dei grandi numeri, grandi numeri vogliono dire record e i record sono fatti per essere battuti. Siamo davvero in un periodo di grande forma in tutto il JGR e noi speriamo di continuare così il più a lungo possibile” ha detto Kyle Busch in victory lane.

Dietro al dominatore ci sono stati duelli interessanti accompagnati da qualche polemica, stiamo parlando di Alex Bowman che ha tamponato Ty Dillon mandandolo a muro, contatto giudicato intenzionale da Dillon mentre Bowman sostiene di non averlo fatto di proposito, resta il fatto che dopo molti giri nei garage per le riparazioni Dillon è rientrato in pista e più volte ha cercato di ostacolare la gara di Bowman scatenando ulteriori polemiche nel dopo gara.

Anche l’altro Dillon, Austin ha avuto qualche grattacapo durante la corsa, specialmente al giro 173 si è trovato più interno ad un three-wide con Darrell Wallace jr. e Brennan Poole, un contatto ha girato la Mustang #6 di Wallace Jr. coinvolgendo anche qualche altro pilota nelle retrovie.

Al traguardo dietro Kyle Busch troviamo Erik Jones seguono poi: Brad Keselowski, Daniel Suarez, Austin Dillon, Brennan Poole, Justin Allgaier, Alex Bowman, Brendan Gaughan e Elliott Sadler a chiudere la top 10.

Chase Watch

Immagine

 

Prossimo appuntamento con la NASCAR Xfinity Series il 23 luglio all’Indianapolis Motor Speedway

Marco Russo