Xfinity series – Joey Logano vince a Watkins Glen

13879311_1216143298450599_6862392258599035563_n

Joey Logano si aggiudica la Zippo 200 corsa ieri sull’affascinante stradale, fresco di asfaltatura, del Watkins Glen International, una prova dominante per il pilota della Mustang #12 del Team Penske che ha condotto in testa 67 giri degli 82 percorsi, dietro di lui per tutta la gara è rimasto Brad Keselowski, ma a 6 giri dal termine ha preso con troppa violenza un cordolo che ha danneggiato la track bar posteriore costringendolo così ad una sosta fuori programma, vanificando una doppietta sicura targata Penske chiudendo con la sua Mustang #22 in 24esima posizione, il problema di Keselowski ha permesso a Logano di respirare e conservare carburante per i giri finali anche se Paul Menard ha sfruttato l’occasione per avvicinarsi al leader della corsa.

“Brad me l’ha fatta veramente sudare questa vittoria, avevamo entrambi delle macchine velocissime forse lui più della mia e non ho mai fatto così tanti giri da qualifica per tenerlo dietro tant’è che ho iniziato a pensare che la macchina non avrebbe retto fino alla fine ma ce l’abbiamo fatta, è davvero bello tornare in victory lane qua al Glen e sono contento per tutto il team Penske Xfinity” ha detto Logano in vitory lane, per lui si tratta della terza vittoria consecutiva a Watkins Glen dato che lo scorso anno è riuscito nello “sweep” vincendo sia in Xfinity che in Sprint Cup.

Molta sfortuna per il team protagonista delle ultime gare, il Joe Gibbs Racing che al 18° giro ha perso Kyle Busch rimasto coinvolto il un big-one assieme ad altre 7 vetture dove è stata necessaria una red flag di quasi un quarto d’ora per ripulire la pista; verso metà gara Erik Jones rimane a secco di carburante per un errore di valutazione della squadra e dopo esser stato trainato ai box ha rimontato riuscendo ad ottenere un’ottimo 12° posto; l’unico superstite è Daniel Suarez che chiude quarto.

Delle 6 caution sventolate quella più strana e sorprendente è arrivata al giro 58, quando la Camaro #70 di Derrike Cope rallenta sul rettilineo fino a fermarsi all’interno della curva del “bus stop” e appena fermata, un esplosione ancora di origine sconosciuta, devasta tutta la parte anteriore della macchina che è stata confiscata dalla NASCAR per indagare sull’accaduto, per fortuna nessun ferito, solo un grande spavento per il pilota.

Al termine della gara dopo il  podio composto da Joey Logano, Paul Menard e Kyle Larson troviamo Daniel Suarez, seguono poi: Trevor Bayne, Elliott Sadler, Justin Allgaier, Brendan Gaughan, Ryan Reed e Brennan Poole a chiudere la top 10.

 

Chase Watch

Erik Jones (Bristol, Dover, Iowa)

Elliott Sadler (Talladega)

Daniel Suarez (Michigan)

(1) E. Sadler 668;

(2) D. Suarez 657;

(3) T. Dillon 629;

(4) E. Jones # 613;

(5) J. Allgaier 610;

(6) B. Gaughan 598;

(7) B. Poole # 587;

(8) B. Jones # 573;

(9) D.Wallace Jr 512;

(10) R. Reed 496.

Prossimo appuntamento con la NASCAR Xfinity Series il 13 agosto a Mid-Ohio.

Marco Russo