LA STORIA DIETRO LE QUINTE: BERNIE,IL TRENO, ED IL GIOVANE PILOTA

8 Agosto 1963. Treno postale da Glasgow a Londra. Contenuto 2.6milioni di sterline (46milioni dei giorni nostri). Un gruppo di 14 criminali capeggiati da Ronald Gibbs, all’altezza di Ledburn assalta il treno fermo sui binari dopo che avevano modificato la segnaletica. Arraffano tutte le banconote che non erano tracciate e resta uno dei furi più clamorosi della storia inglese

Cosa ha a che fare il motorsport? Leggende e verità si susseguono da quella data.

Verità. Tra gli ideatori del furto c’era il giovane pilota britannico Roy James, futuro astro nascente dell’automobilismo. Prese parte al furto perché abile nel fornire e preparare le auto…oltre che nel guidarle. Quell’episodio stronco la carriera a Roy che fin’ in carcere. Tornò alle gare verso fine anni 70 ma  non era più quello di prima.

roy james

Leggenda. Tra i protagonisti della rapina si è sempre vociferato ci fosse Bernie Ecclestone.  Bernie ci ha sempre giocato su questo, mai confermando ne smentendo, specialmente negli anni 60 e 70. Oramai dovrebbe essere chiaro che Bernie non era tra i rapinatori anche perché per sue stesse parole in quel treno “c’erano troppi pochi soldi” per un suo coinvolgimento …dio benedica il buon Bernie.

Alla fine però i due protagonisti si incontrano e le storie si allacciano (riallacciano?).

Roy ad inizio anni 80, grazie all’amicizia con Bernie Ecclestone, diventa produttore dei trofei che vengono dati in giro per il mondo ai piloti di F1 a fine gara…

Chissà, tra leggenda e realtà…

 tumblr_m5e9slU32W1rxobalo1_1280