Cambio scena

GP Austria da incorniciare per Bottas: l’alfiere della Mercedes è alla seconda vittoria in carriera (© Getty Images)

 

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

SPIELBERG BEI KNITTELFELD – Scene di caccia a posizioni invertite per il team Mercedes nel Gran Premio d’Austria del Red Bull Ring che fu Österreichring e A1 Ring prima della recente riabilitazione economico-politica ad opera del boss Red Bull Dietrich Mateschitz: da una parte il poleman e vincitore Bottas in difesa su Vettel, poi secondo al traguardo con merito nonostante la ridicola invettiva su un sospetto «jump start» del finlandese assolutamente inesistente, dall’altra Hamilton appena fuori dalla zona podio complici l’arretramento in griglia causa sostituzione del cambio e una strategia di pneumatici meno efficace del previsto. Il veloce circuito ubicato a ridosso dei rigogliosi boschi della Stiria, quest’anno territorio prediletto del «segugio» Valtteri, al secondo trionfo stagionale e personale dopo quello russo di Sochi, infonde nuove emozioni a un Mondiale di Formula 1 che dopo nove tappe vede il ferrarista Sebastian davanti a tutti in classifica forte delle venti lunghezze di vantaggio sul rivale Lewis. A stappare champagne sul palco d’onore anche Ricciardo, che ormai con la bevuta dalla scarpa, meglio nota come «shoey», semina momenti di cordiale terrore tra i nauseati compagni di festa. Intanto, con Verstappen kappaò e la Ferrari ben dietro alla Stella tra i Costruttori, il Circus iridato già sorvola Silverstone: domenica prossima si corre a casa di Hamilton.

Twitter @Fra55oni