Figurine da South Melbourne

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

[dropcap]E[/dropcap]cco una sfilza di figurine da South Melbourne, a un tiro di schioppo dal business district della capitale dello Stato australiano di Victoria. Come spesso accade, quando inizia un campionato del mondo, la Formula 1 estrae dal cilindro personaggi, fatti e cose altrimenti a rischio oblio. Nella press conference pre-prove Vettel offre ad Alonso una Red Bull (la lattina): sorrisi generali e stop, consapevoli che forse nemmeno un vitalizio di energy drinks indurrebbe Fernando a emigrare verso Milton Keynes. Hungry Heidi, al secolo la RB9 di Sebastian, verosimilmente non gradirebbe. Il paddock si consola mormorando di un possibile test di Stoner, ex centauro della MotoGP, al volante di Red Bull o Toro Rosso. Tra ipotesi e mezze verità ci pensa Roscoe, il cane bulldog di Hamilton, a rasserenare gli animi, con Lewis che dichiara di volerlo con sé ai Gran Premi. Ecclestone, pare, sarebbe d’accordo. Così, mentre in pista saltano le segnalazioni FIA sui cruscotti e Rolex debutta da cronometrista ufficiale, in McLaren ci si prepara al divorzio di fine anno da Vodafone. Per fortuna “Life is now”, anche a Melbourne.