Finestra in Canadà

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

[dropcap]D[/dropcap]a barchetta in Canadà, vedi le precarie condizioni meteo di Montréal tra il venerdì e il sabato con un cielo sempre pronto a scaricare pioggia, al tema della domenica che è diventato quello della finestra in Canadà. Sì, avete capito bene, il riferimento neanche troppo velato riguarda la misteriosa «safety car window» al centro del dialogo via radio tra il ferrarista Alonso e il suo ingegnere di macchina Andrea Stella. Al termine delle 70 tornate previste, che hanno premiato Vettel con il primo trionfo in Canada e lo stesso Fernando con una piazza d’onore maturata in seguito ai sorpassi orditi ai danni dei vari Rosberg, Webber e Hamilton, persino gli inviati della Rai hanno provato a saperne di più senza tuttavia ottenere illuminanti spiegazioni. Secondo alcuni, l’orecchiabile «Casetta in Canadà» di Mario Panzeri e Vittorio Mascheroni, presentata al Festival di Sanremo nel 1957, esortava a non lasciarsi abbattere dalle difficoltà: Alonso ha messo in pratica il suggerimento e, considerate le tiepide premesse del dopo qualifica, affacciandosi alla «safety car window» ha goduto tutto sommato di un gradevole panorama.