Il cubo di Kubica

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

[dropcap]È[/dropcap]lui la carta in più di Citroën Racing, la divisione motorsport della Casa con sede a Satory, a sud di Versailles, in Francia, dove hanno visto la luce le vetture pluri-iridate di Loeb nel Mondiale Rally. Il cubo di Rubik, anzi di Kubica, costituirà un bel rompicapo per gli uomini del Double Chevron da qui a quando Matton, responsabile del raparto corse, si deciderà a svelare i piani sportivi della Citroën in chiave 2014. Sì, perché l’anno venturo non ci sarà soltanto l’impegno nel Mondiale Rally, territorio di caccia finora accidentato per Hirvonen, ma anche l’approdo nel WTCC FIA con il campione-feticcio Loeb, ormai orientato alla pista. Kubica intanto macina chilometri nei rally internazionali tra Europeo e WRC2, ovviamente su Citroën, senza lasciarsi sfuggire le vittorie in Grecia e Italia dopo avere strabiliato pur sbattendo tanto nelle prime uscite. Per la Formula 1 chissà, di buono ci sono le prove al simulatore Mercedes, ma è probabile che Matton voglia Robert nel Mondiale Turismo. Sarebbe un peccato, però, non vederlo nel WRC per capitalizzare l’esperienza 2013 e correre, così parrebbe, nella sua Polonia. Il cubo di Kubica è un enigma mica da ridere…