La Giovi(ne) Inghilterra

Per il nostro Antonio Giovinazzi esordio sulla Haas nelle prime prove libere del GP Gran Bretagna (© LAT Images)

 

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

SILVERSTONE – Entra nel vivo l’estate rovente della Formula 1. Nel Gran Premio di Gran Bretagna, giro di boa del Mondiale 2017, Hamilton sa farsi perdonare la mini-vacanza greca di Mykonos assaporata alla vigilia al posto dello show di Londra promosso da Liberty Media grazie a una vittoria, la quarta della stagione e la quinta in carriera sul mitico circuito di casa, imbastita già il sabato e mai in discussione nonostante l’ottimo Raikkonen, a lungo secondo e poi terzo all’arrivo causa il cedimento di uno pneumatico, e il rimontante Bottas, alle spalle dell’inglese a completare una sontuosa doppietta Mercedes. Sì, ma Vettel? Azzoppato negli ultimi chilometri complice una beffarda foratura sulla SF70H che l’ha costretto a una sosta extra ai box tanto da tagliare il traguardo in settima piazza. Risultato: Sebastian leader in classifica con un solo punto di vantaggio su Lewis. Buon bottino Red Bull, vedi Verstappen quarto e Ricciardo quinto con l’australiano abile a danzare tra i curvoni di Silverstone. Intanto, prima dell’harakiri Toro Rosso e dell’abbraccio di Lewis al diciottenne pilota Billy Monger, vittima di un devastante incidente in Formula 4, c’è stato anche spazio per l’italiano Antonio Giovinazzi al volante della Haas nelle prime prove libere in terra d’Albione. La sempre Giovi(ne) Inghilterra che dà la scossa forse più potente a un Mondiale genuinamente teso e combattuto.

Twitter @Fra55oni