Testa a testa

Hamilton davanti a Vettel nel GP Cina: per l’alfiere della Mercedes primo centro stagionale (© Ansa)

 

A cura di Ermanno Frassoni

[divider]

SHANGHAI – Quarantatré punti nella classifica Piloti per Vettel e Hamilton, sessantasei lunghezze per la Mercedes e sessantacinque per la Ferrari nella graduatoria riservata ai Costruttori. Sistemato in archivio il Gran Premio della Cina, secondo round del Mondiale di Formula 1 edizione 2017 disputato in condizioni di aderenza precaria complice la pioggia caduta in mattinata sullo Shanghai International Circuit, l’impressione è che al di là delle dichiarazioni di circostanza la sfida tra Sebastian e Lewis sia ormai sul punto di deflagrare. Le frecce (argentate?) in stile Cupido lanciate nel dopo gara dal britannico all’indirizzo del ferrarista lasciano infatti il tempo che trovano e sembrano pronte a sfaldarsi alla prima vera scaramuccia in pista tra i due contendenti ospitati da monoposto extralarge. Superate le polemiche del venerdì con l’elisoccorso impossibilitato ad atterrare causa meteo avverso, in quello che fu il Celeste Impero a spuntarla è Hamilton, poleman superbo e dominatore assoluto, mentre Vettel chiude ottimo secondo davanti a Verstappen, partito dalle retrovie, e Ricciardo. Punti di consolazione per Raikkonen, quinto, e sfoggio di personalità per Sainz, settimo, e Magnussen, ottavo di sostanza. Testa a testa e pedalare: a Pasqua si corre in Bahrain, ergo la situazione di perfetta parità al vertice potrebbe durare un battito di ciglia.

Twitter @Fra55oni