Faggioli infila il pokerissimo ad Ecce Homo!

10378304_568473493270926_4377435199141448227_n

E siamo a 5 su 5! Simone Faggioli trionfa anche a Ecce Homo, mettendo sempre più al sicuro il titolo europeo 2014.

Ottimo secondo posto, ancora una volta, per il livignasco Fausto Bormolini, ormai l’unico a impensierire un po’ il pilota toscano, e terzo assoluto il locale Milos Benes, che sfruttando la conoscenza del percorso e della sua FA30/Zytec si è riportato nelle posizioni alte della classifica dopo un inizio di stagione in ombra.

Gara molto simile alle altre, con Simone che stampa subito tempi record fin dalle prove e gli altri costretti ad inseguire per mantenere un distacco abbastanza contenuto. 4° posto per Otakar Kramsky e la sua Reynard K14, e 5° per Federico Liber sulla sua Reynard K02, che scende dal podio dopo le ottime prestazioni in terra iberica.

In divisione I ancora una vittoria, questa volta davanti ai suoi tifosi, per Jaromir Maly (Mitsubishi Lancer Evo 8), che incamera punti pesantissimi per la vittoria dell’Europeo di categoria, davanti all’altro locale Lukas Vojacek (Lancer Evo 9) e all’austriaco Christian Schweiger (Lancer Evo 8), che resta il rivale diretto per Maly.

Gara sempre molto bella quella di Ecce Homo, organizzata e gestita in modo professionale, che richiama sempre un grandissimo numero di iscritti. Percorso molto veloce e tecnico, abbastanza diverso dai classici percorsi dell’Europa centrale o dell’ovest.

Prossima tappa a Limanowa, per l’esordio della salita polacca nel giro delle salite Europee, che si presenta con un percorso velocissimo e scivoloso, completamente diverso da quelli affrontati fin’ora. Tracciato sconosciuto praticamente a tutti i piloti partecipanti al CEM, con la sola esclusione dei  driver locali, Stec su tutti, che proveranno a portarsi nelle posizioni alte della classifica sfruttando proprio la conoscenza del percorso.