F1 Melbourne…il bicchiere è mezzo pieno?

Melbourne 2012…il bicchiere è mezzo pieno? Mazzoni in telecronaca ha detto di aver capito tutto su come sarà  l’andamento della stagione. Io sinceramente qualche dubbio me lo pongo,anzi se non fosse stato per delle qualifiche movimentate a me sembra che non sia poi cambiato molto. Ferrari. La rossa soffre da morire in qualifica,ma lo faceva …

Read moreF1 Melbourne…il bicchiere è mezzo pieno?

Perchè Coughlan si ed Alonso no?

Qualcuno mi spieghi e mi aiuti a capire. Oggi apro Autosprint, articolo Williams. Antonini, che stimo e leggo da tempo, invece di spiegarmi tempi, novità e caratteristiche tecniche della vettura, ha perso metà articolo a (s)parlare, ennesima volta, di Coughlan e di quando, in McLaren, fotocopiava i disegni Ferrari che gli passava Stepney. Ora, fermo restando che l’atto fu grave, gravissimo, ma mi sembra che i protagonisti di allora abbiano legalmente pagato i danni fatti quella vicenda, addirittura la McLaren perse il costruttori e ricevette una multa astronomica.

Il discorso però è…perché  ancora a parlare delle fotocopie? Basta, la presentazione della vettura di Frank meritava altre parole. Se vogliamo veramente ancora parlare di fotocopie ogni volta che si pronuncia il nome Coughlan, lancio una sfida ad Antonini… Perché ogni volta che scrive di Alonso non ricorda che il buon Fernando, allora anche lui in McLaren, si leggeva i dati della Ferrari, e li testava in pista scambiandosi  le e-mail con l’allora collaudatore Pedro de la Rosa? Perché non ricorda che anche Alonso faceva parte della cricca della Spy story? Oppure ora che Fernando guida per la rossa facciamo finta che quelle cose non furono successe?

Read morePerchè Coughlan si ed Alonso no?

F1, Jerez day 4: Rosso di sera…..

Fernando Alonso si conferma in testa al termine della sessione conservando come miglior tempo l’ 1.18.877 fatto segnare questa mattina.
In effetti la F2012, rientrata ai box intorno alle 11.00, ne è uscita solo dopo 4 ore (impiegate,come spiegato un pò cripticamente via twitter dalla Ferrari, per “apportare alcuni cambiamenti e risolvere alcuni problemi”) per percorrere pochi giri ad andatura costante, utili per effettuare degli aero test: a fine giornata lo spagnolo è il pilota che ha girato meno di tutti (39 tornate per lui).
Vettel,dopo i problemi tecnici accusati questa mattina, è sceso nuovamente in pista solo alle 14.45, perdendo, di fatto, metà sessione, ma mostrando prestazioni molto interessanti sia in termini di passo,che di velocità assoluta.
Lo stesso si può dire di Lewis Hamilton, che ha ottenuto il suo miglior tempo con gomme medie (a differenza di Alonso, che nel suo giro veloce aveva le soft).
Quest’anno,comunque, come confermato da Rosberg (che con la Mercedes 2011 nei giorni precedenti ha portato avanti un programma incentrato sulla valutazione delle nuove Pirelli), il gap prestazionale tra le diverse mescole sarà minore rispetto alla scorsa stagione.
Stakanovisti di giornata Bruno Senna, che ha coperto ben 125 giri con la sua Williams, e Trulli (117 giri), che ha guidato per la prima volta in carriera una monoposto dotata di Kers.
Esclusi Alonso e lo stesso Trulli, gli altri 7 piloti in pista risultano compresi nello spazio di mezzo secondo: dopo il salto la lista dei tempi di questa quarta giornata di test a Jerez.

Read moreF1, Jerez day 4: Rosso di sera…..

F1, Jerez day 4: Risveglio Ferrari?

La prima notizia della giornata è, in realtà, una conferma: come anticipato dal nostro depaillerontyrrellp34, Trulli è al volante della Caterham.
Nei giorni scorsi si erano rincorse insistenti voci di un appiedamento di Jarno in favore di Vitaly Petrov, impegnato a convincere i suoi sponsor a garantirgli il budget sufficiente a “comprare” il sedile nel team di Tony Fernandes. Cosi’ non è stato ed assalto sventato, almeno per il momento. Con buona pace di certa stampa incomprensibilmente intenta a “tirare la volata” al russo.
Tornando ai fatti della pista, la Red Bull ha accusato problemi di natura elettrica che hanno costretto Vettel ad una lunga sosta ai box dopo aver compiuto appena due giri.
Dopo che le prestazioni tutt’altro che esaltanti dei primi tre giorni cominciavano a destare preoccupazioni sulla competitività della F2012 sia tra i tifosi che all’interno della squadra (dove sia Fry che Massa avevano ammesso che il lavoro da fare era molto), sono giunti finalmente i primi,timidi segnali di risveglio da parte della Ferrari, con Alonso che ha abbassato sensibilmente il riscontro personale di ieri.
Pare che da Maranello siano arrivate nottetempo nuove componenti, che a quanto sembra hanno dato risultati positivi, anche se risulta difficile credere che questi pezzi da soli abbiano determinato un miglioramento di oltre un secondo e mezzo.
C’è da sottolineare che lo spagnolo ha fatto segnare il suo miglior crono con gomme Soft, nel primo giro di un run di sei passaggi.
Assente la Mercedes in questa ultima giornata di test a Jerez,mentre Nico Hulkenberg ha potuto finalmente prendere contatto con la nuova Force India, dopo aver dovuto,suo malgrado, saltare la giornata di ieri a causa dell’incidente del terzo pilota Bianchi.
Molto attiva la Williams con Bruno Senna che ha coperto già quasi 100 giri.
Dopo il salto la lista dei tempi aggiornata alle ore 13.00.

Read moreF1, Jerez day 4: Risveglio Ferrari?

F1, Jerez day 3: Si conferma Rosberg.

Nella sessione pomeridiana si sono migliorati solo Vettel (che ha tolto quasi un secondo) e Van der Garde, che ha limato due decimi,ma che è anche incorso in un testacoda che ha determinato una bandiera rossa.
Alonso, dopo aver perso parte della mattinata per il problema idraulico che ha fermato la F2012, nel pomeriggio si è dedicato a dei long run con gomme Hard con un passo regolare e riferimenti vicini al tempo ottenuto prima della pausa pranzo.
La maggior parte dei 67 giri del pilota spagnolo (la cui presenza in pista ha attirato finalmente un buon numero di spettatori sulle tribune) sono stati compiuti ad andatura lenta,con la F2012 munita di sensori per la raccolta dati.
Da segnalare che la Hrt,come da programma, non ha girato e non girerà neanche domani (si attende,infatti,la presentazione della nuova monoposto), mentre il forfait della Force India è stato causato da un’improvvida uscita di pista di Jules Bianchi, che dopo appena due giri ha danneggiato la vettura, che il team, in attesa dell’arrivo dei pezzi di ricambio, non ha potuto riparare in tempo utile per far girare nel pomeriggio il titolare Hulkenberg.
Dopo il salto la lista completa dei tempi.

Read moreF1, Jerez day 3: Si conferma Rosberg.

F1, Jerez day 3: E’ la volta di Rosberg. Problemi di affidabilità per la Ferrari.

La Mercedes continua a girare con la vettura 2011, mentre un problema alla trasmissione ha costretto la Ferrari F2012 (oggi nelle mani di Fernando Alonso) ad una lunga sosta ai box. Sessione mattutina della Force India rovinata da un’uscita di pista di Bianchi, che stà costringendo la squadra a lunghi lavori di riparazione.
Dopo il salto la lista dei tempi di questa terza giornata di test a Jerez,aggiornata alle ore 13.00.

Read moreF1, Jerez day 3: E’ la volta di Rosberg. Problemi di affidabilità per la Ferrari.

F1, Ferrari: Santander rinnova fino al 2017.

Questa mattina, a margine della presentazione della nuova Ferrari F2012, Stefano Domenicali ha annunciato il rinnovo del contratto di sponsorizzazione che lega la scuderia di Maranello all’istituto di credito spagnolo Santander.
Il rapporto, iniziato nel 2010 in concomitanza con l’arrivo in Ferrari di Fernando Alonso, proseguirà fino al 2017.

Read moreF1, Ferrari: Santander rinnova fino al 2017.

….E allora sai che ti dico: W la RAI !

No,caro lettore,questo non è l’ennesimo spot che ti ricorda di pagare il canone…con questo post voglio lanciare una provocazione e proprio in senso provocatorio va intesa l’enfasi del titolo.
I limiti del modo in cui la tv di Stato gestisce la F1 sono sotto gli occhi di tutti, il nostro “depaillerontyrrellp34” non a caso ne ha tratto una fortunata rubrica, le ormai famose “Mazzoniadi”, nella quale più volte ha sottolineato la sconcertante impreparazione di alcuni (vedi le penose interviste di Stella Bruno, incapace non solo di formulare domande “intelligenti”, ma perfino di parlare un inglese decente nonostante ormai occupi quel ruolo da oltre 10 anni), il pressappochismo di altri (vedi lo stesso Mazzoni incapace di distinguere piloti e monoposto o di seguire in maniera attenta e puntuale le fasi di corsa, ma in compenso sempre ferratissimo sul gossip),la scarsa o nulla attenzione verso i piloti italiani come pure l’eccessiva partigianeria ferrarista dei personaggi in questione (per la serie tutto il mondo è paese,comunque, mi è capitato di ascoltare la telecronaca inglese del Gp del Brasile 2007 nella quale Allen e Brundle tifavano apertamente per uno scontro tra Rosberg e Kubica cosicchè Hamilton potesse vincere quel mondiale: non proprio un esempio di atteggiamento sportivo e super partes!).

Read more….E allora sai che ti dico: W la RAI !

IL PIU’ BEL SORPASSO 2011: WEBBER SU ALONSO A SPA SENZA AIUTINI MADE IN FIA

Ci voleva poco decidere quale sorpasso è stato il più bello dell’anno…F1, Webber che supera Alonso all’imbocco dell’Eau Rouge ( lo stesso punto dove il motorsport perse Stefan bellof,uno dei più grandi talenti mai apparsi) è una di quelle manovre da farti alzare dal divano…da dire si cazzo, li ci ha messo le palle senza aiutini esterni by FIA come l’ala mobile che sta togliendo dalle piste l’arte del sorpasso. Onore anche ad Alonso, perchè come detto da Webber, ha lasciato lo spazio per fare una manovra simile altrimenti rischiosissima se fatta con un pilota “no brainer” come direbbero gli ingelsi. Grande mark, la tua stagione sarà anche stat opaca…ma quel sorpasso…godetevelo ancora dla minuto 1:00

Read moreIL PIU’ BEL SORPASSO 2011: WEBBER SU ALONSO A SPA SENZA AIUTINI MADE IN FIA

Cosa resterà (di bello) di questo 2011?

Il 2011 è agli sgoccioli e, parafrasando una famosa canzone di Raf, ci chiediamo cosa resterà di questo 2011 motoristico.
Ecco, dunque, una lista (per forza di cose parziale ed incompleta, per cui suggerimenti, aggiunte e -perchè no- critiche sono ben accette) di quanto di bello, positivo o emozionante ha proposto l’anno che stà per chiudersi e che resterà nei nostri ricordi.

1) Il sorriso di Marco Simoncelli.

2) Il coraggio di Dan Wheldon.

Read moreCosa resterà (di bello) di questo 2011?

Caro Alonso…ma mi faccia il piacere!

Ecco…io dichiarazioni come queste di Alonso nei confronti di Vettel non le capisco proprio…

 “E’ stato molto fortunato ad avere una vettura competitiva così rapidamente , ma la mia auto non la cambierei per nessuna. Sono nella squadra che voglio”. “Fra dieci anni faremo i conti”.

Ma come…cosa ci vuoi dire Fernando… che Vettel è fortunato a guidare la RedBull? Vorrei ricordarti che Vettel nella sua carriera è andato subito a punti in Bmw, ha vinto con la Toro Rosso …si la tua ex Minardi…

Read moreCaro Alonso…ma mi faccia il piacere!

TEAM PER TEAM SOTTO LA LENTE: FERRARI 3° puntata

Voti di Depailler on Tyrrell p34

Alonso voto 7,5: che la  Ferrari sia stata una pessima monoposto io,come già scritto, non ci credo. Perché se la ferrari fosse stata una pessima monoposto come descritta da tutti non avrebbero raggiunto tutti quei podii durante la stagione e nemmeno la vittoria di tappa a Silverstone, anche se ottenuta come ormai sappiamo tutti. Alonso ha dato spesso il meglio di se forse riuscendo anche a levare sangue dalle rape, ma deve cominciare a pretendere di più dai tecnici in rosso perché occasioni come il 2010 non succedono sempre, e vetture come quella del 2011 da Maranello è meglio se non ne fanno più uscire.

Massa voto 4: guida una Ferrari per dio…In questo periodo parlare di Massa è come sparare sulla croce rossa, ma ormai il suo tempo in quel di Maranello sembra essere finito e tira a campare tra un lamento e l’altro. Per quanto ancora la Ferrari può permettersi un pilota così ormai lontano dalle prestazioni del passato?

Analisi statistica di Peppe1981

Ferrari: conferma il terzo posto nella classifica costruttori, ma la stagione è nettamente negativa non solo perché viene fallito ancora una volta l’obiettivo della vittoria, ma perché in termini di rendimento globale c’è addirittura un passo indietro rispetto al 2010: meno punti (375 contro i 396 del 2010: -5.3%), meno vittorie (1 contro le 5 del 2010), meno pole (0 contro le 2 del 2010), meno partenze in prima fila (1 contro le 4 del 2010), meno giri più veloci in gara (3 contro i 4 del 2010), meno podi (10 contro i 15 di un anno prima), inoltre aumenta la forbice non solo rispetto alla Red Bull

Read moreTEAM PER TEAM SOTTO LA LENTE: FERRARI 3° puntata

F1, Brasile: L’analisi dei tempi.

La seconda sessione di prove libere del venerdi del Gp del Brasile, ultimo appuntamento del mondiale di F1 2011, ha visto svettare Lewis Hamilton, che con la sua McLaren-Mercedes ha fermato il cronometro in 1.13.392.
Complice la ridotta lunghezza del tracciato (con i suoi 4309 metri Interlagos è il circuito più breve dopo Montecarlo), i tempi sono molto ravvicinati e i primi otto (Hamilton, Vettel, Webber, Alonso, Schumacher, Massa, Button e Rosberg) sono racchiusi in meno di mezzo secondo.
Per capire qualcosa in più rispetto alla semplice (o per meglio dire semplicistica) lettura della lista dei migliori tempi, proviamo ad analizzare un aspetto particolare:il modo in cui i piloti hanno staccato i loro migliori tempi.

Read moreF1, Brasile: L’analisi dei tempi.

MAZZONIADI DA “ABBU DHABBI” E LA BACHECA DI ALONSO!

Ormai è inutile far notare i soliti errori..i difetti di pronuncia di Kovalainen, Catheram, Abu Dhabi, i partigianismi pro Ferrari che vedono prima anche quando non lo è, gli errori nel riconoscere piloti e vetture non sapendo leggere il monitor dei tempi. Non mi arrabbio neanche stavolta se si continua a parlare di Jules Bianchi …

Read moreMAZZONIADI DA “ABBU DHABBI” E LA BACHECA DI ALONSO!

F1, Abu Dhabi: L’analisi del passo.

immegine tratta dal sito www.motorsport.com

La seconda sessione di prove libere del venerdi del Gp di Abu Dhabi, penultimo appuntamento del mondiale di F1 2011, ha visto primeggiare le McLaren di Hamilton e Button,davanti alle Ferrari di Alonso e Massa e alle Red Bull di Webber e Vettel, con le sei vetture racchiuse in 546 millesimi.
Spesso,però, la lista dei migliori tempi non dice tutto,anzi può essere addirittura fuorviante.
Per avere un’idea del potenziale dei vari concorrenti può essere allora utile analizzare le prestazioni dell’ultimo segmento della seconda sessione di libere, nel quale le squadre simulano un long run con molta benzina a bordo,”calzando” la mescola di gomme che si ritiene costituirà la scelta preponderante per la gara (di solito la più morbida a disposizione: ricordiamo che la Pirelli in questo caso ha portato la media e la morbida, rispettivamente contraddistinte dalla striscia bianca e gialla sulla spalla del pneumatico).
Questa simulazione risulta ancor più probante se consideriamo che si svolge allo stesso orario in cui il giorno dopo si disputerà il Gran Premio e quindi, presumibilmente, nelle stesse condizioni di temperatura e di grip della pista.

Read moreF1, Abu Dhabi: L’analisi del passo.

F1, Alonso giudica Hamilton l’unico pilota in grado di vincere con una macchina inferiore.

Fernando Alonso ha dichiarato che il pilota che seguirà con maggiore interesse nei prossimi test invernali per “spiarne” le prestazioni sarà Lewis Hamilton, perchè, a giudizio dello spagnolo, mentre tutti i top driver sono in grado di vincere con l’auto migliore, l’inglese è l’unico col talento per primeggiare anche con una monoposto inferiore alla concorrenza …

Read moreF1, Alonso giudica Hamilton l’unico pilota in grado di vincere con una macchina inferiore.

F1, Ai piloti piace il “Buddh International Circuit”

E’ solo venerdi, ma due sessioni di libere sembrano esser state sufficienti per il “Buddh International Circuit” (questo il nome ufficiale del nuovissimo tracciato indiano) per farsi apprezzare dai piloti del grande Circus della F1.
La pista sorge a Greater Noida,nelle vicinanza di Dehli, e si sviluppa su una lunghezza complessiva di 5137 metri.
La progettazione è stata affidata come sempre a Tilke (ancora? ma possibile che al mondo esiste solo lui?), che ha concepito un layout che si compone di 16 curve, di cui 9 a destra e 7 a sinistra (come potete vedere nell’immagine in alto).
Il punto più tecnico del circuito sembra essere costituito dalla sequenza di curve 10-11-12, che ha consigliato la Pirelli di portare le gomme Hard come mescola più dura, vista l’elevato stress subito dai pneumatici (paragonabile a quello della famosa curva 8 della Turchia).

Read moreF1, Ai piloti piace il “Buddh International Circuit”

F1, Sondaggio: Chi conquisterà il secondo posto nel mondiale piloti?

La F1 ha aggiudicato già i due titoli mondiali, (stra)vinti meritatamente da Vettel e dalla superba Red Bull di Adrian Newey.
Tra i motivi d’interesse di questo finale di stagione c’è la lotta per un obiettivo platonico si, ma , conoscendo la qualità e la grande voglia di primeggiare dei protagonisti, sicuramente ambito: la piazza d’onore nel mondiale piloti.
A tre gare dal termine (con un massimo di 75 punti in palio) la situazione vede Button precedere Alonso (di 10 punti), Webber (di 13 punti) ed Hamilton (di 26 punti).
In caso di arrivo a pari punti la discriminante è rappresentata come al solito dal maggior numero di vittorie: al momento Button conta tre successi, Alonso uno, Webber zero ed Hamilton due.
Nel sondaggio di oggi vi chiediamo di indicarci chi,secondo voi, la spunterà,invitandovi, se volete, a motivare la vostra scelta nei commenti.

Read moreF1, Sondaggio: Chi conquisterà il secondo posto nel mondiale piloti?

F1, La sparata di Barrichello.

immagine tratta dal sito www.motorsport.com

Se esistesse un ipotetico titolo riservato alla sparata più grossa dell’anno, Rubens Barrichello sarebbe prepotentemente in lizza in virtù della dichiarazione resa nei giorni scorsi.
Interrogato in merito alle voci che vogliono Raikkonen in Williams il prossimo anno, il brasiliano ha commentato: “Non credo che chiunque altro, compreso Kimi, sia in grado di offrire qualcosa più di me.”

Read moreF1, La sparata di Barrichello.

Caro presidente Luca…e il mondiale?

Di domani non c’è certezza…e su questo nulla da dire. C’è una persona che a Gennaio in quel di Maranello dichiarava, illudendo, ai tifosi che la Ferrari era pronta per vincere il titolo mondiale…grande gruppo,grandi tecnici,grande auto,grandi piloti. Cosa che tra l’altro dice ormai da diversi anni nei giorni post Befana. Probabile che il presidentissimo Luca Cordelo di Montezzemolo si stia preparando per entrare in politica nel 2013…e si sa che i politici in campagna elettorale promettono promettono e poi alla fine in carica non mantengono  le promesse fatte…e Luca è sulla buona via. Sinceramente sono stato subito dubbioso sulla ferrari f150esimo italia appena levati i veli (ci sono i miei vecchi tweet a testimoniarlo). L’auto sembrava molto convenzionale, goffa e

Read moreCaro presidente Luca…e il mondiale?

MAZZONIADI GP ITALIA – PER FORTUNA ERO A MONZA

Per fortuna ero a Monza ieri perchè così per una volta non ho sentito Mazzoni e ele sue telecronache da tifoso…e soprattuto non ho sentito questa frase detta ieri dopo la partenza “C’è stata una collisione che ha coinvolto 3 vetture, ma l’importante è che ci sia una Ferrari davanti” Schifo e vergona…non provo altri …

Read moreMAZZONIADI GP ITALIA – PER FORTUNA ERO A MONZA

Monza, Prove libere: L’analisi del passo.

La seconda sessione di prove libere del venerdi di Monza sembra proporre un confronto molto serrato,con ben sette piloti (nell’ordine: Vettel, Hamilton, Schumacher, Massa, Alonso, Webber e Button) e quattro vetture diverse (Red bull, McLaren, Mercedes e Ferrari) in meno di mezzo secondo.
In realtà scorrere la lista dei migliori tempi può, talvolta, non rendere completamente l’idea delle forze in campo,o addirittura dare una visione distorta.
Per un analisi un attimino più approfondita,allora, avvalendoci delle preziose informazioni rintracciabili su sito ufficiale della FIA, proviamo ad esaminare il presumibile passo-gara dei top team.
Nell’ultima fase della seconda sessione di prove libere del venerdi è d’abitudine per le squadre verificare il comportamento della vettura in condizioni-gara,quindi con molta benzina a bordo e con la mescola di gomme che si ritiene possa essere la scelta preponderante per la gara: in genere si tende a provare la mescola più morbida per verificarne la durata o può capitare che, all’interno di un team, un pilota provi le gomme soffici e l’altro le dure.
Queste prove sono ancora più indicative se,come oggi, sono svolte in quelle che, con ottima probabilità,sarannno le medesime condizioni di pista e di temperatura (e quindi di grip) che si incontreranno la domenica in gara.

Read moreMonza, Prove libere: L’analisi del passo.