F1:è ancora un feudo Red Bull. I + ed i – di Motorsportrants

Alzi la mano chi pesava che il mondiale fosse ancora aperto. C’è qualcuno? Qualche illuso? No, non ne vedo. Dopo le ultime prestazioni della squadra austriaca in molti la davano in declino…ma questi molti, forse alla ricerca di argomenti per tener vivo l’interesse del campionato, ora dopo Spa si dovranno arrendere all’evidenza. Ovvio che la squadra austriaca era leggermente in difficoltà in Germania ed Ungheria, ma diciamoci la verità, che senso aveva tirare da pazzi se non erano in forma con tutto il vantaggio che avevano? Ieri poi sembrava che non digerissero le gomme Pirelli e che avessero dovuto affrontare un calvario “blisteroso”, invece un ottimo Vettel ha reso tutto facile e anche Webber, dopo l’ennesima oscena partenza, ha recuperato alla grande.

Read moreF1:è ancora un feudo Red Bull. I + ed i – di Motorsportrants

F1 – Dopo la pausa il gran finale?

La f1 in agosto ha chiuso i battenti per ferie come una normalissima azienda per dare riposo a meccanici, tecnici e piloti. Lontano è il periodo dell’estate calda quando i team affrontavano senza sosta (dovuto ad un campionato con meno gare) il Paul Ricard, il vecchio Silverstone, il vecchio Hochkeneim, il vecchio Osterreich…nomi che mettono …

Read moreF1 – Dopo la pausa il gran finale?

Il caso Massa.

Entrati nella pausa agostana dopo aver superato il giro di boa del campionato,per la F1 è tempo di primi bilanci.
Tra le questioni aperte in casa Ferrari c’è sicuramente quella riguardante Felipe Massa.
Il brasiliano non è in scadenza essendo contrattualizzato fino al termine del 2012,eppure più volte Montezemolo e Domenicali hanno dovuto rinnovargli pubblicamente fiducia dopo che il nome di più piloti (Button,Webber,Rosberg,perfino Perez e Kobayashi) era stato accostato alla rossa per la prossima stagione.
Voci che,fondate o meno,rivelano comunque un comune denominatore:il giudizio negativo dell’ambiente (media e addetti ai lavori) circa il rendimento di Massa,giudizio inoppugnabile se guardiamo ai freddi numeri e che può essere generalizzato al dopo Ungheria 2009.
Gli inizi in F1. Campione italiano ed europeo di Formula Renault 2 litri nel 2000 e vincitore dell’Euro 3000 nel 2001,Felipe viene ingaggiato dalla Ferrari che gli sottopone un impegno a lungo termine.Il brasiliano fa il suo esordio in Sauber nel 2002 mostrando sprazzi di talento e velocità (in qualifica ,per esempio, rifila al più esperto Nick Heidefeld,suo compagno di squadra, mezzo secondo a Montecarlo e quattro decimi a Spa),ma anche una certa propensione all’errore che portano Peter Sauber a preferirgli il vecchio Frentzen prima per il gp di Indianapolis (dove Massa avrebbe dovuto scontare una penalità di dieci posizioni in griglia per un incidente con De la Rosa a Monza) e poi per il 2003.
Al Paulista non resta che tornare a Maranello in veste di collaudatore affiancando Badoer.E’proprio in questo periodo che si lega a Nicholas Todt,figlio del gran capo Ferrari.
Nel 2004 torna in Sauber disputando un’egregia stagione,ma perdendo globalmente il confronto col nuovo team mate Fisichella (le cui ambizioni da top driver saranno tarpate dal periodo successivo in Renault con Alonso) e dimostrando di essere ancora in fase di maturazione.
L’esplosione e i primi anni in Ferrari A partire dal 2005 inizia il periodo migliore di Massa.Nell’ultima stagione nel team elvetico,infatti,si dimostra nettamente più veloce di Villenevue e viene richiamato in Ferrari per sostituire il partente Barrichello.
Il 2006,stagione di esordio in rosso con al fianco sua maestà Schumacher,è tutto sommato positivo,con un finale di stagione in crescendo dove arrivano 2 vittorie:Turchia e Brasile (13 anni dopo il successo di Senna).
Ritiratosi Schumacher,per il brasiliano c’è un altro osso duro in squadra:Kimi Raikkonen.I due fanno squadra nel triennio 2007-2009.
Il primo anno il finnico è campione del mondo,ma dal confronto Felipe non è schiacchiato,anzi vince 3 gare e contribuisce in maniera preziosa alla vittoria di entrambi i titoli,aiutando e scortando il compagno di squadra nell’ultimo e decisivo gp.
Nel 2008 la prospettiva si inverte:Massa appare più efficace e determinato,conquista i galloni di capitano e perde il titolo solo a due curve dalla fine dell’ultimo gp (sempre in Brasile),scontando qualche sbavatura personale (Malesia),ma soprattutto errori a lui non imputabili (motore rotto a tre giri dalla fine di un gp dominato in Ungheria,pasticcio ai box in un gp di Singapore comunque inficiato nel suo svolgimento dal comportamento della Renault).
Nel 2009 Massa e Raikkonen si giocano la “bella” con una vettura questa volta non in grado di competere per il mondiale.Fino all’incidente dell’Ungheria il confronto è estremamente equilibrato:Felipe marca più punti,Kimi è più spesso davanti in prova e paga più ritiri.

Read moreIl caso Massa.

f1- indycar: da un estremo all’altro.

In medio stat virtus dicevano i latini e probabilmente non avevano tutti i torti. Agli appassionati di monoposto non sarà sfuggito che le due principali categorie, F1 e IndyCar,nell’ultimo periodo si sono caratterizzate per un approccio del tutto opposto nel giudicare contatti ed incidenti in pista. Formula 1. La tendenza generale degli ultimi anni è …

Read moref1- indycar: da un estremo all’altro.

ACCORDO SEGRETO TRA FERRARI E REDBULL PER IL GP DI SILVERSTONE

Dal nostro inviato RT a Silverstone La news è clamorosa. La pubblichiamo tra le pagine del nostro blog convinti che farà molto discutere nei prossimi giorni in un periodo non certo facile per la FIA, la F1 ed i teams. Prima di scrivere queste righe, visto l’argomento delicato, ci abbiamo pensato su ma poi ci …

Read moreACCORDO SEGRETO TRA FERRARI E REDBULL PER IL GP DI SILVERSTONE

IL TIRO AL PICCIONE CONTRO HAMILTON…MA DI ALONSO NON PARLIAMO?

Dico la verità…certi commenti in telecronaca ed articoli contro Lewis hanno un po’ stufato. Ne avevo già parlato dopo il Canada e ritorno a ribadirlo qui oggi dopo Valencia e dopo l’ennesima esaltazione del nuovo eroe rosso Alonso…vero Mazzoni & Co.? Era un po’ che volevo dirlo e scriverlo ma ora metto il mio pensiero …

Read moreIL TIRO AL PICCIONE CONTRO HAMILTON…MA DI ALONSO NON PARLIAMO?

LE MAZZONIADI – LO SPUTTANAMENTO DI HAMILTON. ORA BASTA!

Oggi non vorrei soffermarmi alle solite storielle di Mazzoni & Co. Inutile ricordare le molteplici volte che Mazzoni ci ha detto che l’isola di Montreal è stata fatta con la terra di riporto della metropolitana, del muro dei campioni, di come siano ecologisti i canadesi che arrivano al gp in metropolitana. Inutile ricordare la noia …

Read moreLE MAZZONIADI – LO SPUTTANAMENTO DI HAMILTON. ORA BASTA!

GP F1 del Canada – Button eroe o mostro?

Stamattina accendo la radio e sento dire dai giornalisti italiani di mamma rai che ai piloti McLaren viene concesso di tutto dai commissari e che Button ha deliberatamente buttato fuori Alonso. Ora, oltre a mancare la solita onestà intellettuale e dire che Massa è imbarazzante e che anche Alonso poteva stare più attento, non capisco …

Read moreGP F1 del Canada – Button eroe o mostro?

Alonso e l’ala aperta in zona non consentita – Perchè la FIA non l’ha punito?

Faccio riferiemento a questa foto presa da un fermo immagine della gara in Cina: Alonso che usa il dsr anche nella zona dove non dovrebbe essere aperto! Come mai?Errrore di Fernando? Bug nella centralina? Non dovrebbe essere la Fia a consentire l’uso dell’ala mobile e solo nelle zone indicate? Come mai Alonso non è stato …

Read moreAlonso e l’ala aperta in zona non consentita – Perchè la FIA non l’ha punito?

GP della Malesia F1 – In risposta al direttore di Autosprint

Oggi il direttore di Autosprint Sabbatini dal suo sito ha scritto cose che condivido appieno in relazione ai fatti del gp della malesia. Questo è l’articolo che vi invito a leggere: http://blog.auto.it/autosprint/04/11/hamilton-e-alonso-una-penalita-antisportiva/#comment-1774 E queste sono state le mie due repliche su quello che penso sia la situazione , assurda, attuale in F1:  Non ci sono …

Read moreGP della Malesia F1 – In risposta al direttore di Autosprint