Brevi Indy: Test Rahal per Hawksworth, novità Winter Series, la Indy Lights a Baltimora e altro…

IZOD INDYCAR SERIES Test con Rahal per Jack Hawksworth: Il 22enne pilota britannico fresco vincitore del GP di Baltimora nella Indy Lights effettuerà un test con il Rahal Letterman Lanigan Racing il 17 Settembre sul circuito di Sebring. Con la vittoria a Baltimora, la terza stagionale, l’inglese si è portato in quarta posizione nella classifica …

Read moreBrevi Indy: Test Rahal per Hawksworth, novità Winter Series, la Indy Lights a Baltimora e altro…

Baltimora si inchina a Pagenaud, primo podio per Newgarden. P5 De Silvestro!

Sullo splendido skyline di Baltimora il francese Simon Pagenaud ha conquistato meritatamente la seconda vittoria stagionale e della carriera in IndyCar Series, affermazione che vale al pilota d’oltralpe la terza posizione in classifica generale, sempre più a ridosso di Dixon, ancora una volta out dopo Sonoma. La chiave di volta per il pilota del Sam …

Read moreBaltimora si inchina a Pagenaud, primo podio per Newgarden. P5 De Silvestro!

ALMS: colpi di scena a ripetizione in quel di Baltimore. Luhr e Graf finalmente campioni

Quando si dice che il motorsport è imprevedibile non si pronuncia una frase fatta e il Grand Prix of Baltimore, settima e quartultima gara della stagione di ALMS, ne è la prova inconfutabile. La cronaca della corsa somiglia ad un’Odissea, a partire dal rocambolesco inizio che vede Chris Dyson anticipare di un’inezia la partenza rispetto …

Read moreALMS: colpi di scena a ripetizione in quel di Baltimore. Luhr e Graf finalmente campioni

A Baltimora Dixon suona la carica, rinascita Power. Filippi quattordicesimo

Sull’inconfondibile e discusso circuito cittadino di Baltimora (c’è ancora la maledetta chicane nel rettifilo di partenza/arrivo) il neozelandese Scott Dixon suona la carica e si aggiudica la pole-position per la gara di domani, che è da vincere se il pilota di Ganassi vuole rimanere in contatto con Castroneves per il discorso campionato. Il team Target …

Read moreA Baltimora Dixon suona la carica, rinascita Power. Filippi quattordicesimo

Due chiacchiere con Luca Filippi: “In IndyCar ho una grande opportunità”

Luca Filippi è l’uomo del momento. Autentica star al debutto nelle GT, dove con la Ferrari 458 del team Villorba sta dominando il GT Open in coppia con Montermini, il forte e veloce pilota di Savigliano, uno dei migliori talenti del panorama italiano, ha la concreta possibilità di essere tra i protagonisti dell’IndyCar. E’ consapevole …

Read moreDue chiacchiere con Luca Filippi: “In IndyCar ho una grande opportunità”

Luca Filippi confermato per Baltimora e Houston. Hildebrand a Sonoma e Fontana

Arrivano notizie più che positive oltreoceano per Luca Filippi e per il motorsport italiano. Infatti il team Barracuda di Bryan Herta ha deciso di affidarsi nuovamente alla bravura del pilota italiano per i delicati appuntamenti di Baltimora e Houston (doppia gara), entrambi cittadini ed essenziali ai fini di una classifica che vede il team americano …

Read moreLuca Filippi confermato per Baltimora e Houston. Hildebrand a Sonoma e Fontana

IndyCar, Motegi qualifiche: Dixon di un soffio.

immagine tratta dal sito www.indycar.com

Scott Dixon beffa Will Power, facendo segnare il miglior tempo nella terza e decisiva sessione di qualifiche a Motegi per soli 28 millesimi e sottraendo, quindi, al pilota australiano non solo la pole in sè,ma anche il punto aggiuntivo che spetta al pole sitter.
Questa è l’unica buona notizia della giornata per Dario Franchitti,il quale dopo un buon lavoro nelle libere (dove nel combinato delle sessioni aveva il quarto tempo proprio davanti al rivale Power) si è un pò perso in qualifica,dove non è riuscito ad entrare nella fast six e si dovrà accontentare della nona posizione in griglia.
Il pilota scozzese stranamente è risultato il più lento della pattuglia Ganassi,alle spalle non solo di Dixon,ma anche dei piloti del team satellite: Rahal col terzo posto si conferma dopo la prima fila di Baltimora e Kimball è settimo.

Read moreIndyCar, Motegi qualifiche: Dixon di un soffio.

IndyCar,Motegi libere: Power dopo la scossa.

immagine tratta dal sito media.indycar.com

La scossa.Leggero spavento per il circus dell’IndyCar per la scossa di terremeto magnitudo 6.2, con epicentro circa 220 km ad est di Tokyo, chiaramente avvertita anche a Motegi ieri pomeriggio alle 17.00 ora locale.
Non si segnalano danni a persone o cose e gli esperti hanno tranquillizato tutti chiarendo che si tratta di una delle numerose scosse di assestamento successive al fortissimo sisma dell’ undici marzo scorso.
Ryan Hunter-Reay ha dichiarato che si trovava nella sua stanza d’albergo e ha visto il televisore “camminare” lungo il tavolo.

Le prime libere. Questa mattina, come da programma, si sono normalmente svolte le prime prove libere, che hanno visto i piloti scendere in pista innanzitutto per prendere confidenza con il nuovo tracciato (come detto nei post precedenti solo Mutoh e De Oliveira lo conoscevano già).
In cima alla lista dei tempi si è subito portato Will Power,giunto qui galvanizzato dalle due vittorie consecutive di Sonoma e Baltimora e desideroso di guadagnare la testa della classifica di campionato,che lo vede per il momento a soli cinque punti da Franchitti.
L’obiettivo dell’australiano è duplice: assicurarsi qui il trofeo Andretti per il maggior punteggio ottenuto sugli stradali e soprattutto mettere in cascina quanti più punti possibile per avvantaggiarsi sul rivale,considerato che a quel punto mancherebbero solo due gare al termine della stagione da disputarsi su ovale, dove,almeno in passato, lo scozzese ha mostrato di essere più efficace.
Come già accaduto ad Edmonton e soprattutto a Sonoma,Power potrebbe contare sull’apporto dei due compagni di squadra: Castroneves ha fatto segnare il secondo tempo, Briscoe è quarto.

Read moreIndyCar,Motegi libere: Power dopo la scossa.

IndyCar, Motegi preview.

Il circuito.L’ Indycar si appresta ad affrontare la trasferta giapponese per la terz’ultima gara di campionato, ultimo appuntamento stradale, mancando poi solo gli ovali del Kentucky e di Las Vegas.
Contrariamente al solito il circuito di proprietà della Honda non vedrà le monoposto impegnate sul tracciato superspeedway,che come abbiamo ricordato già nei post precedenti è stato danneggiato nelle sue strutture dal forte sisma del marzo scorso, ma sul road course.
Quest’ultimo è il tracciato abitualmente utilizzato dalla Moto Gp,nonchè dalla Formula Nippon e dal Super Gt.
La pista,che misura 2.983 miglia, pari a 4.8 km circa, gira in senso orario e conta 14 curve,di cui 8 a destra e 6 a sinistra: la sede stradale ha una larghezza minima di 12 metri e massima di 15 e il rettilineo più lungo,che è quello opposto,compreso tra le curve 10 e 11, misura 762 metri.
La gara si svolgerà sulla distanza di 63 giri,pari a 187.93 miglia (o se preferite 302.4 km circa).
Il Twin Ring di Motegi,come detto,aveva ospitato l’IndyCar (e prima ancora l’IRL e la Cart) sull’ovale,quindi non ci sono precedenti sullo stradale.
A titolo di pura curiosità possiamo ricordare che il l’attuale generazione di Formula Nippon ha girato in 1.35.012 (Joao Paulo De Oliveira su Swift-Toyota, 2011) alla media di circa 181.87 km/h,mentre con la generazione precedente Tsugio Matsuda nel 2008 aveva fermato il cronometro, con la sua Lola-Toyota, in 1.33.167 (185.55 km/h di media).

Read moreIndyCar, Motegi preview.

IndyCar, Penalizzato anche un commissario di pista!

Stagione movimentata quella dell’ IndyCar,non c’è che dire: non solo per l’avvincente lotta Franchitti-Power per la conquista del titolo,ma anche dal punto di vista disciplinare.
Dopo una prima parte di stagione molto permissiva culminata nel “far West” di Toronto,la direzione gara ha adottato un pugno di ferro,talora anche eccessivamente severo.
La notizia di oggi è che sotto la lente di ingrandimento è finito il comportamento non di un pilota,ma (caso credo raro se non unico nel motorport) di un commissario di pista,il quale è stato sanzionato con una sospensione per due gare (peraltro meritatissima).

Read moreIndyCar, Penalizzato anche un commissario di pista!

IndyCar, Baltimora: La sesta sinfonia di Power.

immagine tratta dal sito media.indycar.com

L’analisi. Will Power vince la gara inaugurale del circuito cittadino di Baltimora (sesta affermazione stagionale) e vede ormai ad un passo la vetta della classifica, con Franchitti ora distante solo cinque lunghezze.
L’australiano,proprio come a Sonoma,ha centrato bottino pieno (vittoria più punti bonus per pole e maggior numero di giri condotti in testa),trovando preziosi alleati (Servia e Kanaan) che hanno tenuto il rivale scozzese immediatamente fuori dal podio.
A seguire si è classificato il duo di Ganassi con Franchitti davanti a Dixon.
Grandissimo successo di pubblico per il nuovo tracciato di Baltimora con oltre 70.000 spettatori accorsi,che hanno provato il primo brivido della giornata già nel warm-up quando Kanaan,a causa di un guasto ai freni,ha tamponato violentemente Castroneves travolgendo poi le barriere di pneumatici (trovate il video al termine dell’articolo).
Per fortuna nessuna conseguenza fisica per i due brasiliani,costretti,però,a partire dal fondo dello schieramento dovendo usare il muletto,visti i danni alle vetture titolari.
Al via Graham Rahal,scattato in prima fila,sorprende Power,che però dopo due curve si riprende la posizione e guadagna un margine di sicurezza.
Prima parte di gara con poche emozioni: Bourdais,partito quinto,è costretto al ritiro dalla rottura del cambio,problemi tecnici frenano Conway che perde diverse posizioni.
Dixon,Kanaan,Servia,Andretti,Tagliani,Conway,Patrick,Plowman e Castroneves provano a mischiare le carte ed effettuano una sosta molto anticipata sperando in una bandiera gialla.
Pantano,qualificatosi quindicesimo ma scattato tredicesimo per la retrocessione in griglia di Castroneves e Kanaan,tiene bene la top ten nel primo stint.
A partire dal ventunesimo giro si apre la finestra utile per il primo pit stop programmato in assenza di caution e tutto il resto dello schieramento si ferma per il rifornimento.
A differenza di quanto visto a Sonoma,qui non c’è un grande differenza prestazionale tra gomme morbide e dure,ne consegue che gli pneumatici non rappresentano una scelta chiave.
Power, ripresosi la vetta dopo che tutti hanno rifornito, manca la chicane che spezza il rettilineo del traguardo e viene costretto ad alzare il piede per non incorrere in penalità,ne approfittano Rahal e Franchitti per riavvicinarsi.
Giro 32: prima caution della gara causata da Tomas Scheckter fermo in pista:Scheckter stesso (fatto ripartire dai commissari),Kanaan,Castroneves,Patrick e Andretti approfittano per effettuare la seconda ed ultima sosta ai box.
Al giro 37 si riparte e si consuma il patatrack:Briscoe,con una manovra fin troppo ottimistica (poi giustamente sanzionata),prova,senza riuscirci,il sorpasso su Hunter-Reay:
ne consegue un tamponamento a catena e quindi un ingorgo (traffic jam come dicono gli americani), con pista completamente ostruita e dodici piloti coinvolti.
Kanaan trova un varco interno e riesce a passare molti avversari; Jakes e Pantano sono costretti al ritiro; Servia,Kanaan,Dixon,Tagliani,Sato e Hunter-Reay traggono vantaggio dalla neutralizzazione per rifornire l’ultima volta;Andretti inonda la pista di olio e deve abbandonare la gara,prolungando ulteriormente la fase di caution.
A questo punto solo i primi cinque (Power,Rahal,Franchitti,De Silvestro e Viso) non hanno
effettuato il pit-stop: alla ripartenza avranno una decina di giri circa per spingere al massimo e guadagnare una trentina di secondi circa su Servia,primo pilota tra quelli che non devono più fermarsi.
L’impresa di guadagnare 3 secondi al giro circa sullo spagnolo è veramente ardua e riesce al solo Power che conserva il comando sino al termine; Rahal,la De Silvestro e Viso precipitano nel gruppone (alla fine concluderanno,rispettivamente,decimo,dodicesima e quindicesimo); Franchitti,rallentato alla ripartenza da un contatto con Rahal,rientra quarto e molto vicino al duo Kanaan-Servia, ma non riesce a sopravanzarli anche perchè il circuito poco si presta ai sorpassi.
La top ten è completata da Danica Patrick,sesta,aiutata da una buona stategia e protagonista vincente di un bel duello finale con Tagliani ed Hunter-Reay,nono ha concluso Meira,decimo Rahal.
Ritirati,oltre ai già citati Bourdais,Jakes,Pantano e a Andretti,anche Conway e Hinchcliffe.
Da sottolineare la strepitosa rimonta di Kanaan,partito ventisettesimo e giunto terzo.

Read moreIndyCar, Baltimora: La sesta sinfonia di Power.

IndyCar, Baltimora : preview e news.

immagine tratta dal sito speedtv.com

Il Circuito,l’entry-list,la situazione di campionato.Domenica prossima, 4 settembre, il circus dell’IndyCar sbarca a Baltimora per la quattordicesima prova di campionato,quart’ultima della serie (penultimo appuntamento su stradale).
Baltimora,principale città del Maryland,rappresenta uno dei maggiori centri portuali della costa orientale.
Proprio nelle vicinanze del porto è stato ricavato un tracciato cittadino,che quest’anno ospiterà per la prima volta l’IndyCar,con un contratto firmato sino al 2015.
La pista (la cui planimetria è rappresentata nell’immagine in alto) è lunga 3.218 km e conta 13 curve;il rettilineo principale misura 1 km circa e saranno presenti ben 13 tribune.
La gara si correrà sulla distanza di 75 giri pari a 255 km circa.
Trattandosi dell’evento inaugurale ovviamente non abbiamo precedenti e riferimenti cronometrici.
A livello di pura curiosità possiamo ricordare che negli ultimi anni in IndyCar in due occasioni chi ha vinto la gara inaugurale di una pista ha poi conquistato il titolo a fine anno: Franchitti nel 2007 (Iowa) e Dixon nel 2008 (Edmonton).
Per quel che concerne il parco partenti sono iscritte 28 vetture:rispetto alla gara precedente di Sonoma Simona De Silvestro, risolte le disavventure “doganali”, si riprende il volante da Simon Pagenaud nel team HVM Racing,poi non avremo in pista Ho-pin Tung in compenso il team Dreyer & Reinbold Racing schiererà una terza vettura per Tomas Scheckter.
A meno di novità per Motegi questa dovrebbe essere la seconda ed ultima gara per Pantano in questo 2011, motivo in più per cercare di ottenere un risultato importante:di sicuro giova al pilota padovano che la pista sia nuova e che quindi tutti partano nelle medesime condizioni.
In campionato guida sempre Franchitti,ma il vantaggio su Will Power si è ridotto a sole 26 lunghezze,mentre Dixon è terzo staccato di 75 punti rispetto allo scozzese.
Nella speciale classifica che prende in considerazione solo le gare stradali (e che dopo Motegi assegnerà il trofeo intitolato a Mario Andretti) comanda sempre Franchitti,ma i punti di distacco su Power scendono a 7.
Infine tra i rookie guida JR Hildebrand con sole tre lunghezze di vantaggio su James Hinchcliffe.

Read moreIndyCar, Baltimora : preview e news.

IndyCar, Motorsport Rants intervista Giorgio Pantano.

Come gli appassionati sicuramente sapranno Giorgio Pantano si appresta ad approdare in IndyCar: il pilota padovano debutterà in gara in questo 2011 domenica prossima all’Infineon Raceway di Sonoma al volante della Dallara-Honda numero 22 del team Dreyer & Reinbold Racing. Giorgio,che la scorsa settimana ha svolto un test proprio a Sonoma per prendere confidenza con …

Read moreIndyCar, Motorsport Rants intervista Giorgio Pantano.

Indycar,news: Pantano e Dallara 2012.

Pantano. E’ arrivata l’ufficialità:Giorgio Pantano torna in Indycar a 6 anni dalla precedente esperienza e sostituirà Justin Wilson in seno al team Dreyer & Reinbold Racing nelle rimanenti gare stradali della stagione. La prima sarà il 24 agosto all’Infineon Raceway di Sonoma,la stessa pista dove il pilota padovano esordi’ in IRL nel 2005 e dove …

Read moreIndycar,news: Pantano e Dallara 2012.