Nationwide Series – Dal caos dell’ultimo giro spunta James Buescher

Credit: Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Seconda gara a Daytona e secondo vincitore che non ti aspetti. A trionfare nella Drive4COPD 300 è stato James Buescher, al volante della Chevrolet Impala #30, uscito indenne per un soffio dal big one dell’ultimo giro.

La gara è stata decisamente vivace, caratterizzata da un mix tra tandem drafting e pack drafting, resi più difficili dal divieto di comunicazioni radio dirette tra le vetture. Il modo più veloce per avanzare in gruppo era sicuramente quello di trovarsi un partner, ma si sono chiaramente viste molte vetture in grado di restare molto vicine ai tandem pur senza viaggiare in coppia.

Il risultato è stato un nuovo record per il maggior numero di cambi di leadership, 38 contro i precedenti 35, così come per il numero di piloti ad alternarsi al comando, 16 contro i precedenti 12.

Read moreNationwide Series – Dal caos dell’ultimo giro spunta James Buescher

Sprint Cup – Daytona Preseason Thunder day 3, ultimo giorno di test in vista della Great American Race

Credit: Jared C. Tilton/Getty Images for NASCAR

Con la terza giornata di test sul Daytona International Speedway, utile a sperimentare ulteriori aggiustamenti regolamentari in vista della 500 miglia del prossimo 26 febbraio, si è concluso il Daytona Preseason Thunder.

Le vetture della Sprint Cup hanno testato in pista alcuni ulteriori aggiustamenti regolamentari imposti dalla NASCAR, per verificare la possibilità di contenere le velocità medie sul giro intorno alle 200 miglia orarie, pur limitando al massimo l’utilità del tandem drafting. I restrictor plates sono tornati ad essere quelli provati giovedì, da 29/32esimi di pollice, è stata ridotta a 21psi la soglia di entrata in funzione della valvola di sfogo del radiatore e la superficie della presa d’aria anteriore è stata ulteriormente ridotta, con evidenti effetti sulla capacità delle auto di rimanere a lungo “incollate”.

Read moreSprint Cup – Daytona Preseason Thunder day 3, ultimo giorno di test in vista della Great American Race

Sprint Cup – Daytona Preseason Testing day 2, si rivede il gruppone e crescono le velocità

Credit: Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

La seconda giornata di test sul Daytona International Speedway è stata caratterizzata da ulteriori aggiustamenti regolamentari e dal primo tentativo di girare in gruppo. I risultati hanno soddisfatto la NASCAR, che sembra convinta di aver ridotto l’efficacia del tandem drafting.

Le novità tecniche della seconda giornata del Daytona Preseason Thunder hanno riguardato restrictor plates e impianto di raffreddamento. I team hanno montato plates con fori maggiorati di 1/32esimo di pollice, portando il diametro complessivo di ciascuna apertura a 15/16 di pollice e “restituendo” ai V8 25 cavalli circa. La valvola di sfogo dell’impianto di raffreddamento è stata tarata per entrare in funzione a 25psi, contro i 30 precedenti, mentre la superficie della presa d’aria anteriore è stata ulteriormente ridotta.

Read moreSprint Cup – Daytona Preseason Testing day 2, si rivede il gruppone e crescono le velocità

Sprint Cup – Todd Gordon è il nuovo crew chief della Dodge #22 per il Penske Racing

Jason Smith/Getty Images

E’ una “promozione interna” a colmare il vuoto per il posto di crew chief della Dodge Charger #22 al Penske Racing, che sta ancora cercando un pilota per sostituire Kurt Busch.

Todd Gordon, che nel 2011 ha ottenuto ottimi risultati al timone del team della Challenger #22 in Nationwide Series, guidando il team alla conquista di 6 vittorie e 6 pole position con Brad Keselowski, Jacques Villeneuve, Sam Hornish Jr, Kurt Busch e Parker Klingerman ad alternarsi al volante, è stato scelto per sostituire Steve Addington, partito alla volta dello Stewart-Haas Racing.

Read moreSprint Cup – Todd Gordon è il nuovo crew chief della Dodge #22 per il Penske Racing

NASCAR – I dieci momenti più entusiasmanti della stagione 2011

Credit: John Harrelson, Getty Images for NASCAR

Quella appena finita è stata senza dubbio una stagione ricca di colpi di scena e di momenti memorabili, anche guardando oltre la splendida vittoria di Tony Stewart, che rappresenta comunque l’apice di un 2011 entusiasmante, in cui ci sono stati qualcosa come 131.989 sorpassi in bandiera verde ed una media di 12,8 piloti ad alternarsi al comando in gara, per una media di 27,1 sorpassi al vertice a gara.

La NASCAR ha voluto sottoporre gli eventi più significativi della stagione al voto dei giornalisti di tutto il mondo,per stilare una classifica in cui per poco la vittoria di Trevor Bayne alla Daytona 500 non ha rubato la scena all’impresa di Stewart.

1 – La vittoria di Stewart a Homestead gli consegna la Sprint Cup

Era il finale che alla NASCAR sognavano da un po’. Dopo 9 tesissime gare della Chase For The Cup, Tony Stewart è riuscito nell’impresa di soffiare il titolo a Carl Edwards, che lo precedeva di 3 punti prima della gara. Stewart è stato autore di un vero capolavoro, rimontando più volte dalle retrovie, compiendo una serie di sorpassi infinita per precedere Edwards di poco più di un secondo sotto la bandiera a scacchi. La classifica ha attribuito a entrambi 2403 punti, ma la Sprint Cup è andata a Stewart in virtù delle cinque vittorie contro una in stagione.

Read moreNASCAR – I dieci momenti più entusiasmanti della stagione 2011

Nationwide Series – La Ford 300 va a Brad Keselowski, davanti a Ricky Stenhouse Jr, che si aggiudica il titolo

Credit: By Tom Pennington, Getty Images for NASCAR

Il campione uscente della Nationwide Series, Brad Keselowski, ha centrato il successo nella Ford 300, ultimo appuntamento del calendario, contenendo in un finale molto tirato il ritorno di Ricky Stenhouse Jr, il quale si è aggiudicato il titolo piloti 2011.

La classifica owners è andata a Jack Roush, grazie al terzo posto di Carl Edwards, al volante della Mustang #60, mentre il Rookie of The Year è Timmy Hill, 18enne di Port Tobacco, Maryland, 21esimo a Homestead al volante della Ford #15 del Rick Ware Racing.

Read moreNationwide Series – La Ford 300 va a Brad Keselowski, davanti a Ricky Stenhouse Jr, che si aggiudica il titolo

Nationwide Series – Trevor Bayne sorprende Carl Edwards in restart e torna a vincere 9 mesi dopo Daytona

Credit: Jonathan Ferrey/Getty Images

A quasi nove mesi di distanza dalla vittoria nella Daytona 500, dopo essere stato un mese lontano dai circuiti per aver contratto la malattia di Lyme, dopo essere ritornato alle corse con risultati altalenanti, Trevor Bayne ha messo la ciliegina sulla torta di un autunno molto positivo, andando a cogliere la vittoria nella O’Reilly Auto Parts Challenge, 32esima prova della Nationwide Series.

Read moreNationwide Series – Trevor Bayne sorprende Carl Edwards in restart e torna a vincere 9 mesi dopo Daytona

Sprint Cup – Tony Stewart piazza la zampata nel finale e si aggiudica la TUMS Fast Relief 500

Credit: John Harrelson/Getty Images for NASCAR

Martinsville non ha tradito le aspettative e ci ha regalato una delle gare più emozionanti della stagione, ricca di colpi di scena e di colpi puri e semplici. A spuntarla è stato Tony Stewart, che ha compiuto un bellissimo sorpasso all’esterno ai danni di Jimmie Johnson in restart, quando mancavano 3 giri alla bandiera a scacchi.

Per Stewart si tratta della terza vittoria della stagione, la terza conquistata in questa Chase, la 42esima in carriera in 462 presenze.

Read moreSprint Cup – Tony Stewart piazza la zampata nel finale e si aggiudica la TUMS Fast Relief 500

Sprint Cup – Clint Bowyer acciuffa la vittoria sul rettilineo finale, Carl Edwards allunga in classifica

Credit: Kevin C. Cox/Getty Images for NASCAR

La Good Sam 500, sesta prova della Chase For The Cup, è andata a Clint Bowyer, autore di un sorpasso all’ultimo giro, ai danni del suo partner di draft e di team Jeff Burton, sul rettilineo principale del Talladega Superspeedway.

Per Bowyer, in partenza il prossimo anno per il Michael Waltrip Racing, quella conquistata in Alabama è la prima vittoria della stagione, la quinta in carriera, dopo quella conquistata, sempre a Talladega, un anno fa. Il 32enne di Emporia, Kansas, ha anche regalato al Richard Childress Racing la 100esima vittoria, 28 anni dopo quella ottenuta da Ricky Rudd il 5 giugno 1983 a Riverside.

Read moreSprint Cup – Clint Bowyer acciuffa la vittoria sul rettilineo finale, Carl Edwards allunga in classifica

Sprint Cup – Ford sugli scudi a Charlotte, Johnson tagliato fuori dalla lotta per il titolo?

Credit: Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Cosa abbiamo visto a Charlotte

Matt Kenseth – Il 39enne del Wisconsin non è un pilota appariscente, ma quanto a consistenza è una vera roccia. E’ una caratteristica che gli ha consentito di aggiudicarsi il titolo del 2003 e che si sta rivelando quanto mai importante in un finale di campionato in cui non ci si possono permettere errori. Dopo il 21esimo posto di Chicago, dove è rimasto a secco mentre era tra i primi, in questa Chase ha ottenuto un sesto, un quinto, un quarto posto e finalmente, nella Bank Of America 500, la terza stagionale dopo quelle conseguite tra aprile e maggio a Forth Worth e Dover. Nel North Carolina Matt è stato semplicemente imprendibile, velocissimo e consapevole di avere a disposizione un mezzo in grado di superare anche l’errore tattico di cambiare quattro gomme mentre metà gruppo ne cambiava solo due. Quest’anno Kenseth ha già accumulato più giri al comando che nelle ultime due stagioni messe insieme e sarà un osso durissimo per Edwards e Harvick nelle ultime gare, ma su di lui aleggia comunque l’assenza di uno sponsor per il 2012, una cosa a dir poco indecente. Molto probabilmente Jack Roush riuscirà a mettere insieme il budget necessario, ma non è possibile che un pilota tra i migliori di questa stagione fatichi a trovare sponsor.

Read moreSprint Cup – Ford sugli scudi a Charlotte, Johnson tagliato fuori dalla lotta per il titolo?

Sprint Cup – Al Charlotte Motor Speedway è di nuovo Johnson contro tutti

IL CIRCUITO

L’ovale da 1,5 miglia di Charlotte, più precisamente Concord, è, insieme a Daytona, il cuore pulsante della NASCAR. Quasi tutti i teams hanno sede nei dintorni della città e utilizzano gli appuntamenti sul circuito per incontrare gli sponsors consolidati e potenziali.

Progettato e costruito nel 1959 da Bruton Smith e Curtis Turner, il “quadriovale” della Carolina del Nord deve il suo successo soprattutto all’azione del noto promoter Howard Augustine Wheeler, detto “Humpy”, che ne ha fatto un punto nevralgico delle corse per stock-cars durante il periodo della sua presidenza, tra il 1976 e il 2008.

Read moreSprint Cup – Al Charlotte Motor Speedway è di nuovo Johnson contro tutti

Nationwide Series – Carl Edwards vince davanti a Kyle Busch dopo la foratura di Brad Keselowski

Credit: Streeter Lecka/Getty Images

La Dollar General 300, 31esima prova del calendario della Nationwide Series, é andata a Crl Edwards, che ha preceduto in una volata di 5 giri Kyle Busch, dopo la foratura di Brad Keselowski, che aveva dominato la gara.

Edwards, che ha recuperato benissimo dopo un contatto con le barriere esterne avuto al giro 32, ha cosí ottenuto l’ottavo vittoria stagionale, la 37esima in carriera su 241 presenze nella categoria, in una gara interrotta da 7 bandiere gialle e caratterizzata da 11 cambi di leadership tra 7 piloti.

Read moreNationwide Series – Carl Edwards vince davanti a Kyle Busch dopo la foratura di Brad Keselowski

Sprint Cup – Jimmie Johnson torna prepotentemente in corsa, Gordon esce di classifica

Credit: John Harrelson/Getty Images for NASCAR

Cosa abbiamo visto al Kansas Speedway

Jimmie Johnson – Ci risiamo. Se la scorsa settimana Jimmie Johnson aveva fatto vedere ottime cose, questa volta ha letteralmente annichilito la concorrenza. Velocissimo in ogni condizione, il pilota della Chevrolet Impala #48 ha scavato solchi impressionanti tra sè e i rivali sia sulla breve che sulla lunga distanza, mostrandosi molto deciso anche in restart, situazione in cui normalmente assume un atteggiamento conservativo. I dodici secondi di vantaggio conquistati su Stewart poco dopo metà gara la dicono lunga su quanto Johnson abbia alzato l’asticella delle prestazioni ed ora, specie considerando le caratteristiche dei prossimi circuiti, è difficile pensare che non sia ancora lui il favorito per la vittoria della Sprint Cup. Altrettanto eloquente è il fatto che l’uomo di El Cajon si sia dimostrato l’unico in grado di essere velocissimo sia con due gomme nuove che con quattro, dapprima reggendo il passo di Matt Kenseth e poi sverniciandolo non appena montati quattro pneumatici freschi. La qualifica resta il punto debole del team #48 e potrebbe creare qualche problema nei prossimi appuntamenti, e poi ci sono sempre le incognite rappresentate da Martinsville, Talladega e dalla rinnovata Phoenix. Lo stesso Johnson ha sottolineato come quest’anno sia difficilissimo adeguare il setup della vettura durante la gara, ma se continua di questo passo, a breve sarà in testa alla classifica e strappargli di mano la sesta coppa sarà decisamente complicato.

Read moreSprint Cup – Jimmie Johnson torna prepotentemente in corsa, Gordon esce di classifica

Sprint Cup – In Kansas Keselowski spera nella doppietta, Johnson nella zampata, Biffle nel rilancio

Todd Warshaw/Getty Images

IL CIRCUITO

Il Kansas Speedway, sede della Hollywood Casino 400, quarta tappa della Chase For The Cup, sorge una quindicina di miglia a ovest di Kansas City, città divisa tra lo stato in cui Wyatt Earp forgiò la sua reputazione e il Missouri.

Costruito a partire dal 1999 ad opera della Turner Construction, su progetto della HNTB (stessa firma del Chicagoland Speedway, molto simile), questo ovale da 1,5 miglia ha la classica forma del “Cookie Cutter”, lo stampino per i biscotti. Le curve hanno un’inclinazione delle curve di 15 gradi. Il rettilineo principale, in pratica una semicurva lunga 2685 piedi, è inclinato di 10,4 gradi, mentre il backstretch, anch’esso leggermente curvo, ha un banking di 5 gradi e una lunghezza di 2207 piedi.

Read moreSprint Cup – In Kansas Keselowski spera nella doppietta, Johnson nella zampata, Biffle nel rilancio

Nationwide Series – Brad Keselowski domina la Kansas Lottery 300

Credit: Tom Pennington/Getty Images

Brad Keselowski è stato semplicemente imbattibile al Kansas Speedway, aggiudicandosi la 30esima prova della Nationwide Series davanti a Carl Edwards ed Elliott Sadler, che recupera due punti su Ricky Stenhouse Jr., portandosi a 20 lunghezze di distacco.

Per Brad Keselowski quella ottenuta a Kansas City è la quarta vittoria stagionale, la 16esima su 164 presenze nella serie, e fa seguito ad un secondo posto a Dover ed un’altra vittoria a Chicago. 

Read moreNationwide Series – Brad Keselowski domina la Kansas Lottery 300

Nationwide Series – Edwards vince ancora, Stenhouse Jr. allunga in vetta alla classifica

Credit: Jason Smith/Getty Images for NASCAR

E’ andata ancora una volta a Carl Edwards la gara della Nationwide Series. La One Main Financial 200, 29esima prova della serie diputatasi sabato, è stata dominata dal pilota della Ford Mustang #60, che ha preceduto sul traguardo Brad Keselowski di quasi 8 decimi di secondo.

Per “Cousin Carl” quella di Dover è la settima vittoria stagionale, la 36esima in Nationwide Series su 239 presenze. Una vittoria ottenuta percorrendo ben 179 giri al comando sui 200 di una gara che ha visto appena 4 bandiere gialle, di cui due per detriti e una “competition yellow”. I piloti ad avvicendarsi al comando sono stati appena quattro piloti per un totale di sette volte.

Read moreNationwide Series – Edwards vince ancora, Stenhouse Jr. allunga in vetta alla classifica

Sprint Cup – A Dover occhi puntati su Edwards e Johnson

Credit: Todd Warshaw/Getty Images for NASCAR

IL CIRCUITO

Il Dover International Speedway, affettuosamente soprannominato “Monster Mile” per la sua durezza nei confronti di piloti e mezzi, è un catino di un miglio preciso costruito nel Delaware, sulla costa centro-orientale degli Stati Uniti. Oltre alla lunghezza, che lo colloca a metà strada tra uno short-track e un superspeedway, la caratteristica principale dell’ovale di Dover è la superficie. Dalla metà degli anni ‘90 infatti, il manto stradale è di cemento, peculiarità condivisa con Bristol e Nashville.

Read moreSprint Cup – A Dover occhi puntati su Edwards e Johnson

Sprint Cup – Clint Bowyer resta a secco a due giri dal termine, Tony Stewart vince per la seconda volta

Credit: Justin Edmonds/Getty Images for NASCAR

In un finale che ha ricordato moltissimo quello del 2010, ma a parti invertite, Tony Stewart si è aggiudicato la Sylvania 300 a Loudon, New  Hampshire, scavalcando a due giri dalla fine Clint Bowyer, rimasto senza benzina come diversi altri piloti e balzando in vetta alla classifica Generale.

Stewart ha vinto la seconda gara consecutiva nella Chase For The Cup, la seconda anche nel 2011, la 41esima in carriera su 456 presenze in Sprint Cup e la terza a New Hampshire. Era dal 2008, quando ci riuscì Greg Biffle, che un pilota non vinceva le due prove iniziali della Chase.

Read moreSprint Cup – Clint Bowyer resta a secco a due giri dal termine, Tony Stewart vince per la seconda volta

Sprint Cup – I 12 partecipanti ai raggi X

La nostra personalissima analisi dei 12 partecipanti alla Chase For The Cup 2011

Cinque stelle *****

Credit: Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Kyle Busch

Vettura: Toyota Camry #18
Team: Joe Gibbs Racing
Punti: 2012
Vittorie: 4 (Bristol, Richmond, Kentucky, Michigan)
Posizione media al traguardo 2011: 10.9
Posizione media in gara 2011: 10.0
Posizione media al traguardo/in gara sulle piste della Chase: 17.4/14.0
Driver rating stagionale: 108.4
Valutazione: Il 2011 potrebbe essere proprio l’anno buono per Kyle Busch, che si presenta alla Chase con una nuova maturità e la capacità di estrarre il massimo risultato dal mezzo, anche quando la serata non è delle migliori. I suoi risultati nella Chase non sono mai stati eccezionali ma quest’anno è tutta un’altra storia e il pilota di Las Vegas si è conquistato di diritto i galloni di principale avversario di Jimmie Johnson

 

 

 

Read moreSprint Cup – I 12 partecipanti ai raggi X

Sprint Cup – Harvick ed Edwards danno segni di risveglio, Vickers e Ambrose finiscono dietro la lavagna

Credit: Jeff Zelevansky/Getty Images

Cosa abbiamo visto a Richmond

Kevin Harvick & Carl Edwards – I due pretendenti al titolo, che si erano un po’ nascosti nelle scorse settimane, soprattutto i sono tornati alla ribalta nell’ultima gara della regular season e hanno collezionato rispettivamente un primo e un secondo posto. Quale miglior viatico per la Chase For The Cup? Al Richmond International Raceway entrambi sono sempre stati tra i primi, con Edwards che addirittura non è mai uscito dalla top-15. Per Harvick si tratta di una vera e propria uscita dal tunnel di scarse prestazioni in cui tutto il team si era infilato da diverse settimane. “Beh, penso che l’hanno scorso, come ha detto Richard (Childress, ndr) siamo partiti un po’ indietro nel conto delle vittorie” ha detto il pilota della Chevrolet Impala #29. “Quindi essere primi alla pari per quanto riguarda i punti bonus e il totale delle vittorie è un buon risultato per noi. Penso che anche l’inerzia sia importante. Ovviamente, come ha detto Gil (Martin, il suo crew chief, ndr), il meeting del team di domenica mattina non è stato bello. Gran parte delle riunioni non sono state belle nell’ultimo mese o giù di lì, ma ci siamo guardati indietro e abbiamo trovato tutta usa serie di cose che abbiamo fatto in modo leggermente diverso. Ci siamo guardati in dietro e abbiamo analizzato le gare in cui siamo stati i più veloci all’inizio dell’anno e abbiamo usato quelle cose ad Atlanta e siamo stati nella top-5 tutto il giorno e siamo venuti qui e abbiamo fatto le cose che facciamo di solito e abbiamo avuto un ottimo weekend fin da quando abbiamo scaricato la macchina dal camion. L’ultimo mese è stato stressante, ma penso che, come avete visto, nelle ultime due settimane ha pagato”. Edwards si è espresso così riguardo ai prossimi appuntamenti: “Sono decisamente fiducioso in merito alle prossime gare. Questo è stata la nostra miglior prestazione su short track da un sacco di tempo, quindi anche per la gara di cui di solito dovrei preoccuparmi di più, Martinsville, sono eccitato. Non mi aspettavo di andare così bene stasera, quindi penso al mio team, stavamo andando leggermente più piano ultimamente, e lo scorso weekend siamo andati molto bene ad Atlanta e questa settimana abbiamo avuto la macchina migliore per tutta la sera, una macchina davvero veloce”.

Read moreSprint Cup – Harvick ed Edwards danno segni di risveglio, Vickers e Ambrose finiscono dietro la lavagna

Sprint Cup – Kevin Harvick esce vincitore da una vera "wild night" e appaia Kyle Busch in vetta alla Chase

Credit: Todd Warshaw/Getty Images for NASCAR

Kevin Harvick ha contenuto fino all’ultimo il rientro di Carl Edwards, precedendolo per 139 millesimi di secondo e imponendosi nella Wonderful Pistachios 400 in quella che è stata un vera e propria “wild night”, che ha chiuso la regular season e definito la classifica di partenza della Chase For The Cup.

Read moreSprint Cup – Kevin Harvick esce vincitore da una vera "wild night" e appaia Kyle Busch in vetta alla Chase

Nationwide Series – Un problema in pit road costa caro a Carl Edwards, a vincere è Kyle Busch

Credit: Todd Warshaw/Getty Images for NASCAR

Kyle “Rowdy” Busch si è aggiudicato la Virginia 529 College Savings 250, 27esimo appuntamento del calendario della Nationwide Series, grazie ad un rendimento ottimo sulla breve distanza e ad un problema patito durante l’ultima sosta ai box dal dominatore della gara, Carl Edwards.

Per Busch si tratta dell’ottavo successo stagionale, la quarta al Richmond International Raceway, che porta a 51 il bottino da record della carriera del pilota di Las Vegas.

Read moreNationwide Series – Un problema in pit road costa caro a Carl Edwards, a vincere è Kyle Busch

Sprint Cup – Jeff Gordon a quota 85 vittorie dopo un duello da cineteca con Johnson

Credit: John Harrelson/Getty Images for NASCAR

Nove titoli in due, Jeff Gordon e Jimmie Johnson hanno dato vita ad un duello memorabile negli ultimi 10 giri della Advocare 500, sul circuito di Atlanta, in cui a spuntarla è stato il pilota della Chevrolet Impala #24.

Gordon ha conquistato la vittoria numero 85 in carriera sulla pista che lo ha visto debuttare nel 1992, nel giorno dell’ultima gara di Richard Petty, un successo che lo issa al terzo posto assoluto della classifica dei pluri-vittoriosi, dietro a Richard Petty e David Paerson e rompe la situazione di pareggio con Bobby Allison e Darrel Waltrip. Per Wonder Boy si tratta anche della terza vittoria stagionale, un dato importante ai fini della Chase e della rincorsa al quinto titolo da parte dell’uomo di Vallejo.

Read moreSprint Cup – Jeff Gordon a quota 85 vittorie dopo un duello da cineteca con Johnson

Nationwide Series – Una penalità non basta a fermare Carl Edwards, che vince davanti a Kyle Busch ad Atlanta

Credit: John Harrelson/Getty Images for NASCAR

Carl Edwards ha potuto festeggiare con un backflip ed un bagno di folla in tribuna la vittoria della Great Clips 300, nonostante una penalità rimediata ai box nelle fasi iniziali di gara, grazie ad un ottimo finale, che gli ha consentito di resistere al rientro di Kyle Busch.

Per “Cousin Carl” si tratta della sesta vittoria stagionale in Nationwide Series, la 35esima su 236 partenze, la seconda sul circuito di Atlanta, ottenuta tra l’altro assomando il maggior numero di giri in testa, 101 su 195.

Read moreNationwide Series – Una penalità non basta a fermare Carl Edwards, che vince davanti a Kyle Busch ad Atlanta