Sprint Cup – La stagione 2012 al via con il Budweiser Shootout e le qualifiche per la Daytona 500

Scattano ufficialmente le Speedweeks al Daytona International Speedway, e con esse prende il via la stagione della Sprint Cup, aperta come da tradizione dal Budweiser Shootout, gara fuori campionato sulla distanza di 75 giri, pari a 187,5 miglia.

Al via dello Shootout saranno ammessi i migliori 25 piloti della classifica 2011, con l’aggiunta di coloro che hanno vinto almeno una gara a Daytona, tra 500 miglia, Coke Zero 400 e precedenti Shootout.

Read moreSprint Cup – La stagione 2012 al via con il Budweiser Shootout e le qualifiche per la Daytona 500

Sprint Cup – Elliott Sadler e Brendan Gaughan si divideranno la Chevy #33 del Richard Childress Racing nelle prime 5 gare del 2012

Jared C. Tilton/Getty Images for NASCAR

Il Richard Childress Racing ha trovato fondi sufficienti per approfittare del posto in griglia garantito per la Chevrolet Impala #33 nelle prime 5 gare della stagione 2012. A dividersi il sedile saranno Elliott Sadler, che prenderà parte alla 500 miglia di Daytona, e Brendan Gaughan, che sarà al via delle successive quattro prove.

La mossa di Childress è perfettamente in linea con quanto proposto dal Roush Fenway Racing, che schiererà Ricky Stenhouse Jr. a Daytona sulla Ford Fusion #6 lasciata libera da David Ragan e dallo sponsor UPS. L’intento di entrambi i team è quello di trovare, magari grazie ad un buon risultato sul superspeedway della Florida, altri sponsor che consentano di proseguire la stagione. Inoltre Sadler e Stenhouse potranno fornire un’importante aiuto ai compagni di team quando sarà necessario ricorrere al tandem drafting.

Read moreSprint Cup – Elliott Sadler e Brendan Gaughan si divideranno la Chevy #33 del Richard Childress Racing nelle prime 5 gare del 2012

Sprint Cup – La NASCAR ha definito il pacchetto tecnico con cui i team cominceranno le Speedweeks di Daytona

Credit: Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

Quando mancano 34 giorni alla 500 miglia di Daytona, la NASCAR ha reso note le caratteristiche tecniche con cui le vetture dovranno scendere in pista per le Speedweeks, che inizieranno venerdì 17 febbraio con le prove libere per il Budweiser Shootout. Il pacchetto di regole è derivato dai dati raccolti durante i test del Preseason Thunder e sarà ovviamente suscettibile di cambiamenti durante le giornate precederanno la Great American Race.

Secondo quanto riportato da Bob Pockrass per Scenedaily.com, la configurazione iniziale prevede restrictor plates da 29/32esimi di pollice e una valvola di sfogo del radiatore impostata a 25psi, esattamente come durante l’ultimo giorno di test di gennaio. E’ confermato anche lo spoiler “basso” visto durante il Preseason Thunder, mentre sarà differente la dimensione della presa d’aria anteriore, fissata a 50 pollici quadrati contro i 40 provati in precedenza.

Read moreSprint Cup – La NASCAR ha definito il pacchetto tecnico con cui i team cominceranno le Speedweeks di Daytona

Sprint Cup – Jimmie Johnson: “So di essere più forte di quando ho lasciato Homestead a novembre e non vedo l’ora che inizi il campionato!”

Credit: Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

Sarà un inizio di stagione particolare per Jimmie Johnson, così come particolare è stato il finale dello scorso anno. Per la prima volta dal 2006 anni a questa parte, il pilota di El Cajon non partirà con i gradi di campione in carica, ma sono in molti a guardare comunque a lui come il punto di riferimento per costanza di risultati e prestazioni in pista.

Read moreSprint Cup – Jimmie Johnson: “So di essere più forte di quando ho lasciato Homestead a novembre e non vedo l’ora che inizi il campionato!”

Sprint Cup – Daytona Preseason Testing day 2, si rivede il gruppone e crescono le velocità

Credit: Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

La seconda giornata di test sul Daytona International Speedway è stata caratterizzata da ulteriori aggiustamenti regolamentari e dal primo tentativo di girare in gruppo. I risultati hanno soddisfatto la NASCAR, che sembra convinta di aver ridotto l’efficacia del tandem drafting.

Le novità tecniche della seconda giornata del Daytona Preseason Thunder hanno riguardato restrictor plates e impianto di raffreddamento. I team hanno montato plates con fori maggiorati di 1/32esimo di pollice, portando il diametro complessivo di ciascuna apertura a 15/16 di pollice e “restituendo” ai V8 25 cavalli circa. La valvola di sfogo dell’impianto di raffreddamento è stata tarata per entrare in funzione a 25psi, contro i 30 precedenti, mentre la superficie della presa d’aria anteriore è stata ulteriormente ridotta.

Read moreSprint Cup – Daytona Preseason Testing day 2, si rivede il gruppone e crescono le velocità

Sprint Cup – Tony Stewart e Danica Patrick sono fiduciosi in vista del debutto in Sprint Cup della 29enne di Beloit

Credit: Jared C. Tilton/Getty Images for NASCAR

La prossima 500 miglia di Daytona, in programma per il 26 febbraio, segnerà il debutto di Danica Patrick in Sprint Cup e la 29enne del Wisconsin è impegnata nel Daytona Preseason Thunder per prendere confidenza con la vettura in vista della Great American Race.

L’equipaggiamento, la Chevrolet Impala #10 dello Stewart-Haas Racing, è sicuramente di prim’ordine, così come il crew-chief è una garanzia sotto tutti i punti di vista. Greg Zipadelli, appena arrivato dal Joe Gibbs Racing, è tornato a lavorare con Tony Stewart in veste di Competition Director e affiancherà la Patrick in attesa di individuare un crew chief a cui assegnare il resto del programma della Chevy #10.

Read moreSprint Cup – Tony Stewart e Danica Patrick sono fiduciosi in vista del debutto in Sprint Cup della 29enne di Beloit

Sprint Cup – Tutti pronti per il Daytona Preseason Thunder

fonte immagine: profilo twitter del Richard Petty Motorsports

Mancano 47 giorni alla Great American Race e per la NASCAR è in arrivo il classico test pre-stagionale sul Daytona International Speedway. I piloti della Sprint Cup scenderanno in pista giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 gennaio e le prove di quest’anno avranno un’importanza particolare, perché serviranno agli organizzatori per capire se le modifiche apportate al regolamento durante l’inverno potranno davvero limitare il ricorso al tandem drafting.

Read moreSprint Cup – Tutti pronti per il Daytona Preseason Thunder

Trevor Bayne confermato al Wood Brothers Racing, ma il suo programma è ancora da definire

Chris Graythen/Getty Images for NASCAR

Trevor Bayne, vincitore a sorpresa della Daytona 500 2011, sarà nuovamente impegnato in Sprint Cup con il Wood Brothers Racing, anche se non è ancora chiaro quante gare affronterà ed è probabile che si tratti di un programma parziale.

L’annuncio del team WBR si inserisce in un quadro, quello dei piloti in orbita Roush Fenway Racing, che dovrà necessariamente andare incontro ad altri chiarimenti, soprattuto per quanto riguarda la posizione di Ricky Stenhouse Jr, che vede a questo punto chiudersi la porta della Sprint Cup e rischia di non essere impiegato a tempo pieno nemmeno in Nationwide Series, nonostante il titolo conquistato nella scorsa stagione.

Read moreTrevor Bayne confermato al Wood Brothers Racing, ma il suo programma è ancora da definire

BACK TO THE FUTURE: L’unica Daytona 500 di Dale Earnhardt

ISC Archives/Getty Images

Quando mancano appena 68 giorni all’inizio della stagione 2012 della NASCAR, vi proponiamo una delle Daytona 500 più memorabili di sempre: quella del 1998.

Ci sono voluti vent’anni di tentativi, a Dale Earnhardt, per aggiudicarsi la 500 miglia di Daytona. Vent’anni di tentativi e delusioni per un pilota che non voleva sentir parlare di arrendersi e che in Florida aveva già vinto molte volte, ma mai nel giorno giusto, mai nella Great American Race.

Nel 1998 “The Intimidator” è riuscito a coronare il suo sogno in occasione del cinquantesimo anniversario della NASCAR, in una gara velocissima (la terza più veloce di sempre), interrotta da appena tre bandiere gialle. Il successo è arrivato in classico stile Earnhardt, correndo sempre davanti, sempre all’attacco: Dale ha condotto le danze per 107 dei 200 giri di gara e si è fatto trovare pronto quando una bandiera gialla, sventolata per un contatto tra Lake Speed e John Andretti al giro 198, ha segnato la fine anticipata dell’evento, mentre Mike Joy, voce della CBS, commentava:

“ Earnhardt usa la macchina del doppiato Rick Mast per avvantaggiarsi… 20 anni di tentivi, 20 anni di frustrazione, Dale Earnhardt passerà sotto la bandiera gialla per vincere la Daytona 500… finalmente!!”

fonte immagine: nascarulz.tripod.com

Earnhardt ha tagliato il traguardo davanti a Bobby Labonte e Jeremy Mayfield, ricevendo poi in pit road i complimenti di compagni e avversari, disposti su una lunghissima fila per salutare uno ad uno il vincitore.

Dopo il salto troverete il filmato integrale della gara

Read moreBACK TO THE FUTURE: L’unica Daytona 500 di Dale Earnhardt

BACK TO THE FUTURE: La madre di tutte le risse

Donnie Allison e Cale Yarborough daytona 1979
fonte immagine: http://forums.vwvortex.com/

Daytona, 1979. La prima 500 miglia NASCAR trasmessa interamente in diretta su suolo americano si trasforma in un evento epocale. Una quantità di neve esagerata tiene mezza America in casa, incollata alla televisione da quei matti che girano in tondo in Florida e cosa ti succede all’ultimo giro? Donnie Allison e Cale Yarborough, in testa con considerevole vantaggio, si toccano e finiscono per prati in curva 3, lanciandosi in una rissa da saloon che vede coinvolto anche Bobby, fratello di Donnie, mentre Richard “The King” Petty va a vincere di misura su Darrell Waltrip. Risultato: milioni di americani folgorati!

Per dirla con Dick Berggren: “Nessuno se ne è reso conto allora, ma quella è stata la gara che ha messo in moto tutto quanto. E’ stata la prima gara da “distributore dell’acqua”, la prima volta che la gente al lunedì si è fermata davanti ai distributori d’acqua a parlare della gara vista in TV il giorno prima. Ci è voluto parecchio, anni forse, per capire quanto importante sia stata”.

Eccovi il filmato integrale della Daytona 500 del 1979, grazie all’utente OldShoolNascar:

Read moreBACK TO THE FUTURE: La madre di tutte le risse