Così è Comas, dalla Formula 1 al mondo dei rally: «Stratos e Rallylegend nel mio cuore»

  A cura di Ermanno Frassoni [divider] Stratos HF batte 037. Come è potuto succedere? Ordinaria amministrazione per Rallylegend, la multiforme kermesse sammarinese che dall’8 all’11 ottobre 2015 ha infiammato per il tredicesimo anno consecutivo la piccola ma orgogliosa repubblica del Titano decretando tra le vetture Historic il perentorio successo della Lancia Stratos di Érik Comas, …

Read moreCosì è Comas, dalla Formula 1 al mondo dei rally: «Stratos e Rallylegend nel mio cuore»

F1 Weekly – Pirelli rinnova con più test, Vettel e Hamilton pregustano la sfida e…

Sulle pagine di Motorsport Rants, la Formula 1 diventa un appuntamento «weekly»: news e curiosità dalla categoria regina. [divider] VETTEL E HAMILTON SPERANO IN UNA FERRARI AL PARI DELLA MERCEDES In questi mesi, il tedesco della Rossa e l’inglese della Casa di Stoccarda, vengono paragonati insistentemente, quasi come se fosse d’obbligo trovare similitudini con Niki Lauda (per …

Read moreF1 Weekly – Pirelli rinnova con più test, Vettel e Hamilton pregustano la sfida e…

Dove, cosa, quando: gare ed eventi da non perdere nel 2015

  A cura di Ermanno Frassoni [divider] Vi sarebbe piaciuto assaporare dal vivo le emozioni del Rally di Montecarlo, prima prova del campionato del mondo dei traversi monopolizzata dalla Volkswagen Polo WRC di Ogier-Ingrassia e nobilitata dallo spettacolo offerto dal rientrante (una tantum) Loeb e dal sempre incisivo Kubica? O avreste forse preferito provare l’ebbrezza …

Read moreDove, cosa, quando: gare ed eventi da non perdere nel 2015

COLAZIONE DA SUZUKA

Salviamoli,tenimoceli stretti, adoriamoli. Suzuka con Interlagos,Monza,Montecarlo, Spa e Montreal sono opere d’arte da preservare nell’orgia di modernità imposta ed eccessiva dei giorni nostri in tema di tracciati. Suzuka è li,unico nel suo genere. È nato disegnato ad 8…il terreno costava troppo e Shoikiro Honda non voleva poi comperarne molto. Suzuka è arrivata relativamente tardi nel …

Read moreCOLAZIONE DA SUZUKA

F1: su Silverstone sventola bandiera rossa…e gialla

È la f1 dei controsensi…quella che amiamo e quella che allo stesso tempo ci fa incazzare. Gli esperti e tecnici del settore ci dicono troppa acqua,l’asfalto non drena,le gomme sono limitate,cosi non si puo correre, il fondo piatto fa andare in acquaplaning. Eppure noi tifosi rimaniamo basiti. La memoria corta non è compagna dell’appassionato. Tutti ci ricordiamo gare e qualifiche sotto la pioggia battente …

Read moreF1: su Silverstone sventola bandiera rossa…e gialla

BACK TO THE FUTURE: 1991 SENNA VINCE IN BRASILE SENZA CAMBIO

Da guastare durante queste ferie natalizie…Senna non aveva mai vinto in brasile prima del 1991. La vittoria gli era sfuggita con la Lotus, squalificato nel 1988, aveva perso il primo posto nel 90 per un contatto banale con Nakajima. La pressione era tanta, i rivali, le Williams di Mansell prima e Patrese poi, fortissimi. Ayrton va in testa, resiste con un lungo tira e molla a Mansell. Poi quando Mansell si ritira, invece di godersi la vittoria in arrivo, iniziano i problemi. A meno di dieci giri dalla fine il cambio gli si blocca in sesta! Patrese comincia a recuperargli manciate di secondi. Ayrton lotta contro la sua auto…come faccia ad affrontare alcuni punti lenti di Interlagos in sesta è un mistero che va oltre la tecnica. Ad un paio di giri dalla fine anche uno scroscio di acuqa arriva a complicare il tutto, ma ormai la vittoria è li…Ayrton collassa quasi esausto nella sua auto nel giro di rientro. Troppo il dolore alle braccia provocatogli dal gestire il motore della sua McLaren con il cambio bloccato, troppa tutta la pressione di un’intera nazione su di lui ma che ora sta festeggiando sugli spalti alla follia. Sembra un’altra epoca, quasi un romanzo…ma succedeva solo 20anni fa…eccovi la gara completa.

Read moreBACK TO THE FUTURE: 1991 SENNA VINCE IN BRASILE SENZA CAMBIO

F1, Supremazia politica UK.

Ricordate il famoso slogan pubblicitario che esaltava l’eccellenza tecnologica tedesca?
Bene, parafrasando quel messaggio, potremmo parlare di supremazia politica del Regno Unito, almeno a guardare una curiosa statistica relativa agli ex-piloti chiamati dalla FIA a partecipare al collegio dei commissari sportivi impegnati nei Gp di F1 del 2011.
Finora su 18 gare in ben 10 occasioni (ben il 55.55% delle volte) il pilota designato era originario del Regno Unito (che, come è noto, comprende Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord): 2 volte ciascuno gli inglesi Herbert, Mansell e Warwick e lo scozzese McNish e 1 volta ciascuno l’inglese Blundell e l’irlandese Donnelly.
Nelle 8 occasioni rimanenti in due casi il pilota era comunque di lingua inglese (Jones,Australia, e Daly, Eire), completano il quadro l’italiano Pirro (2 volte), il tedesco Frentzen (2 volte), il brasiliano Fittipaldi e il danese Kristensen.
E’ perlomeno singolare notare che Federazioni di paesi che hanno dato piloti, scuderie, costruttori, tecnici, circuiti che hanno contribuito in maniera fondamentale alla storia di questa sport, come Italia, Germania, Brasile, Francia e Giappone, tutte messe insieme, abbiamo espresso quest’anno un pilota steward solo in 5 occasioni, contro le 7 della sola Inghilterra (addirittura Francia e Giappone mai rappresentate).
A seguire l’elenco completo dei piloti steward del 2011:

Read moreF1, Supremazia politica UK.

Consigli per gli acquisti – Speciale autosport F1 1986

Spesso abbiamo detto che con questo blog non vogliamo solo parlare e commentare dei fatti e degli avvenimenti del motorsport, ma vogliamo anche condividere con voi appassionati link di siti, informazioni interessanti, o qualche consiglio per l’acquisto per quanto riguarda il mondo del motorsport come voglio fare ora. Il giornale autosport di questa settimana, per …

Read moreConsigli per gli acquisti – Speciale autosport F1 1986

IndyCar:Loudon,preview e prime prove libere.

L’Indycar torna in pista a meno di una settimana dall’ultima gara a Mid-Ohio, per il dodicesimo appuntamento di diciassette di questo combattutto 2011.
Dopo 3 gare stradali,si torna agli ovali,per la precisione a Loudon,New Hampshire.

Circuito,entry list e situazione di campionato.Il New Hampshire Motor Speedway di Loudon è un ovale breve,misura infatti poco più di un miglio (per la precisione 1.058, pari a 1.703 km),soprannominato “The Magic Mile” (cioè il miglio magico), può essere anche convertito in un circuito stradale di 2.6 km,che sfrutta buona parte dell’ovale.
Classica tappa del campionato Nascar,Loudon ha ospitato l’ex Cart dal 1992 al 1995 (vittorie di Bobby Rahal, Nigel Mansell, Al Unser Jr,Andrè Ribeiro) e l’IRL tra il 1996 e il 1998 (vittorie di Scott Sharp,Robbie Buhl e Tony Stewart).
C’è da sottolineare una statistica curiosa:in ben 5 occasioni chi ha vinto qui a fine anno si è aggiudicato il campionato.
La gara si articolerà in 225 giri per una distranza complessiva di 383.10 km,il giro record appartiene ad Andrè Ribeiro che nel 1995 con la sua Reynard-Honda fermò il cronometro in 21.466 secondi alla media di 285.6 km/h.
Data la natura del tracciato (short oval) fattore determinante sarà il traffico visto il gran numero di vetture in pista,ben 27.
Per quanto riguarda l’entry list avremo rispetto alla gara precedente 3 novità:Thomas Scheckter sostituirà Simon Pagenaud nel team Dreyer & Reinbold Racing come nuovo rimpiazzo dell’infortunato Justin Wilson,non avremo in questa gara Martin Plowman nel Sam Schmidt Motorsports,in compenso il Rahal Letterman Lanigan Racing schiererà Pippa Mann,portando quindi a 4 le ladies in pista.
Gara dal significato molto speciale per Helio Castroneves che festeggerà le 200 partenze con il team Penske.
In campionato comanda Dario Franchitti con 62 punti di vantaggio su Will Power e 93 sul compagno di squadra Dixon,molto fluida la situazione con piloti di 4 team diversi nella top-five e di 7 squadre differenti nella top-ten,nella speciale classifica dei rookies è in testa lo sfortunato protagonista di Indianapolis Jr Hildebrandt.

Le libere:Franchitti e Ganassi al top.Diversamente dal solito programma,qui a Loudon le prove libere si sono disputate al giovedi permettendo ai piloti di prendere confidenza col tracciato nuovo per tutti.
I primi riscontri cronometrici,per quanto da prendere con il beneficio dell’inventario trattandosi appunto solo di libere,mostrano molto in forma il team Ganassi:Dario Franchitti ha fatto segnare il miglior tempo in entrambe le sessioni,nella seconda abbiamo assistito ad un monologo del team Ganassi che con lo scozzese,Dixon e Graham Rahal (della squadra satellite) ha monopolizzato le prime 3 posizioni,con gli alfieri del team Lotus (Kanaan,Sato e Viso) a seguire e ben 21 piloti in un secondo e 12 in mezzo secondo.
Leggermente in difficoltà è apparso il team Penske con Briscoe più veloce del terzetto in ambedue le sessioni e Will Power solo dodicesimo e diciannovesimo nei 2 turni.
Da segnalare poi 2 errori della new entry Pippa Mann che hanno causato altrettante interruzioni,migliore donna in pista Danica Patrick.
Dopo il salto le classifiche complete.

Read moreIndyCar:Loudon,preview e prime prove libere.

AAA ridateci la vera F1– Astenersi produttori di Videogames

Chiamatemi matusalemme, retrogata, mediovale o come volete voi…ma io dopo 4 gare di questa nuova F1 mi sto già stancando. Da dove nasce tutto questo malumore? In 2 parole, da DRS e gomme Pirelli.Ormai sta diventando tutto scontato e noioso, le gomme che durano 10 giri ed i sorpassi farsa ridicoli a ripetizione.Tronchetti Provera baldanzoso …

Read moreAAA ridateci la vera F1– Astenersi produttori di Videogames