F1, Abu Dhabi: L’analisi del passo.

immegine tratta dal sito www.motorsport.com

La seconda sessione di prove libere del venerdi del Gp di Abu Dhabi, penultimo appuntamento del mondiale di F1 2011, ha visto primeggiare le McLaren di Hamilton e Button,davanti alle Ferrari di Alonso e Massa e alle Red Bull di Webber e Vettel, con le sei vetture racchiuse in 546 millesimi.
Spesso,però, la lista dei migliori tempi non dice tutto,anzi può essere addirittura fuorviante.
Per avere un’idea del potenziale dei vari concorrenti può essere allora utile analizzare le prestazioni dell’ultimo segmento della seconda sessione di libere, nel quale le squadre simulano un long run con molta benzina a bordo,”calzando” la mescola di gomme che si ritiene costituirà la scelta preponderante per la gara (di solito la più morbida a disposizione: ricordiamo che la Pirelli in questo caso ha portato la media e la morbida, rispettivamente contraddistinte dalla striscia bianca e gialla sulla spalla del pneumatico).
Questa simulazione risulta ancor più probante se consideriamo che si svolge allo stesso orario in cui il giorno dopo si disputerà il Gran Premio e quindi, presumibilmente, nelle stesse condizioni di temperatura e di grip della pista.

Read moreF1, Abu Dhabi: L’analisi del passo.

I + e – del gp d’India

Davanti e dietro la lavagna dal Buddh grand prix. + TRACCIATO: Lasciamo da parte i falsi moralismi fatti dalla rai che si meraviglia della povertà indiana,come che non si sapesse. Allora bisognerebbe farsi problemi per la pena di morte in Cina,in Korea che mangiano i cani,i problemi mediorentali ecc…giusto discuterne,utilizzare l’avvenimento per poter sottolineare certi …

Read moreI + e – del gp d’India

F1,Il video dell’incidente Massa-Hamilton.

Vi proponiamo il video dell'(ennesimo) incidente tra Massa ed Hamilton,occorso nel corso del giro 24 del GP d’India. Nel rettilineo che precede la curva 5 il pilota inglese si propone all’interno del ferrarista,senza però riuscire ad affiancarlo totalmente. Il brasiliano, che si trova all’esterno percorrendo la traiettoria ideale, è avanti di circa mezza macchina al …

Read moreF1,Il video dell’incidente Massa-Hamilton.

F1, Ai piloti piace il “Buddh International Circuit”

E’ solo venerdi, ma due sessioni di libere sembrano esser state sufficienti per il “Buddh International Circuit” (questo il nome ufficiale del nuovissimo tracciato indiano) per farsi apprezzare dai piloti del grande Circus della F1.
La pista sorge a Greater Noida,nelle vicinanza di Dehli, e si sviluppa su una lunghezza complessiva di 5137 metri.
La progettazione è stata affidata come sempre a Tilke (ancora? ma possibile che al mondo esiste solo lui?), che ha concepito un layout che si compone di 16 curve, di cui 9 a destra e 7 a sinistra (come potete vedere nell’immagine in alto).
Il punto più tecnico del circuito sembra essere costituito dalla sequenza di curve 10-11-12, che ha consigliato la Pirelli di portare le gomme Hard come mescola più dura, vista l’elevato stress subito dai pneumatici (paragonabile a quello della famosa curva 8 della Turchia).

Read moreF1, Ai piloti piace il “Buddh International Circuit”

F1, Ci vuole più uniformità di giudizio.

Premessa. Prima che si possano scatenare fraintendimenti con gli “Hamiltoniani” e quindi conseguenti polemiche, voglio precisare che questo post non vuole criticare,offendere o denigrare l’inglese e che il contatto Hamilton/Massa di domenica scorsa serve soltanto e puramente come spunto per svolgere una considerazione di portata generale sulle valutazioni disciplinari dei commissari sportivi.
Sempre a scanso di equivoci si vuole, inoltre, ribadire quanto già riportato nei precedenti post e commenti dei giorni scorsi: ad opinione di chi scrive quel contatto è stato assolutamente non intenzionale e dovuto al fatto che Lewis,come dichiarato a fine gara, non ha visto Felipe (scusandosi molto sportivamente) e quindi bene hanno fatto i commissari a giudicarlo come semplice contatto di gara senza prendere provvedimenti disciplinari.

Read moreF1, Ci vuole più uniformità di giudizio.

IO STO CON HAMILTON!

Per tutti ora, Massa ed il popolo ferrarista in primis, è il cattivo ragazzo, il bullo della classe da punire, da spedire dietro la lavagna in ginocchio sui ceci e con il cappello da asino in testa. Eppure io sto con Lewis, e non perché sono un suo tifoso. Perché sono un appassionato di motorsport e  la F1 ha bisogno di un pilota genuino,aggressivo e talentuoso come lui. Purtroppo per Hamilton, si trova a correre nell’epoca che ogni toccanica o tentativo di sorpasso viene punito. Fosse stato pilota 20anni fa, le cose si sarebbero risolte tra uomini ai box e no con piagnistei dai commissari o via radio con l’ingegnere di pista che a momenti deve dire ai piloti anche quando soffiarsi il naso. Il gorilla di Monza, il nostro Vittorione Brambilla una volta in Germania ci mise 2 secondi a dare un pugno ad Hunt scesi dalla vettura (aveva il casco) reo di averlo ostacolato malamente in pista…tra i due poi nessun più problema. Lewis indubbiamente è in un anno no…inutile voler dire il contrario. Soffre le gomme di burro della Pirelli, soffre questa McLaren che non lo asseconda e soffre sicuramente un Jenson Button mai così in forma e performante. Non mettendo minimamente in dubbio le sua capacità velocistiche, in questo momento di difficoltà forse a Lewis manca una figura guida come Ron Dennis capace di calmarne i bollenti spiriti e una figura manageriale solida. Mi viene in mente un parallelo con un altro pilota britannico. Damon Hill. La stagione di Damon del 1995,

Read moreIO STO CON HAMILTON!

F1, Suzuka: Video e fotosequenza del contatto Hamilton-Massa.

Per l’ennesima volta quest’anno Hamilton e Massa sono stati protagonisti di un “incontro ravvicinato” in pista, nello specifico un contatto occorso al giro 21 del Gp del Giappone che per fortuna ha comportato danni minimi alle due vetture consentendo ad entambi i piloti di proseguire e portare a termine la gara.
I commissari di gara hanno approfondito l’episodio ritenendo di non prendere provvedimenti.
Se la decisione di non comminare sanzioni ci può stare, ciò che non convince chi scrive è la motivazione alla base della decisione stessa, motivazione che ricaviamo dal documento ufficiale FIA proposto dal nostro depaillerontyrrellp34 nel suo post precedente.
Nel documento leggiamo: “Avendo visto il video di prova relativo all’azione del pilota della vettura n.3 alla curva 16 e dopo aver raffrontato la traiettoria che Lewis Hamilton ha tenuto nel giro precedente e avendo notato che la vettura n.6 di Felipe Massa stava provando a superare sulla sinistra in una curva a destra gli Stewards decidono di non prendere provvedimenti.”
Sinceramente credo di non aver mai sentito tante sciocchezze in una sola frase e trovo estremamente grave che il tutto sia il frutto di una decisione presa (anche) da un pilota- Alan Jones- ex campione del mondo di F1.

Read moreF1, Suzuka: Video e fotosequenza del contatto Hamilton-Massa.

ALAN JONES COMMISSARIO AGGIUNTO A VITA!

Come sappiamo da un paio d’anni i piloti veterani di F1 affiancano i commissari sportivi ogni weekend di gara. Non hanno potere decisionale esecutivo, ma hanno il compito di suggerire e leggere alcuni avvenimenti che avvengono in pista per indirizzare le decisioni dei commissari in carica. Questo fine settimana al gp del Giappone era il turno del grande e mai dimenticato Alan Jones. Campione del mondo 1980 con la Williams.

Oggi, con il duello in partenza tra Vettel e Button, e quello tra Hamilton e Massa, abbiamo assistito a due avvenimenti leggermente fuori dalle righe per gli standar a cui eravamo abituati ultimamente, ma nessuna penalità, è stata data ai piloti in questione. Me lo immagino io Alan seduto davanti allo schermo Tv tra i commissari a ridersela quando ha visto Vettel stringere Button o Hamilton a difendersi alla triangle chicane. Lui che ha corso contro piloti del calibro di Lauda, Watson, Rosberg, Piquet, Arnoux,Laffite,Lauda,Prost ecc…tutta gente che non erano stinchi di santo…Avrà detto ai commissari che erano pazzi a voler penalizzare due manovre al limite si del regolamento, ma che sono state comunque azioni di corsa. Infatti alla fine tutto si è risolto, per fortuna con un nulla di fatto. Perchè se ci mettiamo a penalizzare anche fatti come quelli di oggi meglio chiudere tutto ed andare a vedere le gare di soap box car. Se fosse stato penalizzato Vettel si sarebbe creato un precedente non ammissibile…e poi quanti di quelle manovre succedono dalla terza quarta fila in giù nello schieramento alla partenza e spesso scappano agli occhi dei più e alle telecamere tutte puntate sulle prime file? Cosa doveva fare di diverso Hamilton tranne che difendersi da un attacco comunque troppo ottimistico da parte di Massa?

Grazie Alan, perchè se ci facciamo levare anche questi momenti da brivido che ci fanno alzare dal divano, perchè se con penalità assurde continuano ad addomesticare i piloti in modo da scuola elementare, rischiamo di perdere l’essenza delle corse…la sfida tra uomini con le palle. Forse è per questo che tutti noi continuiamo a guardare e ricordare le gare del passato con grande rimpianto.
Vogliamo ora riportavi i documenti ufficiali Fia con le decisioni dei commissari così da chiarire il tutto:

Read moreALAN JONES COMMISSARIO AGGIUNTO A VITA!

Caro presidente Luca…e il mondiale?

Di domani non c’è certezza…e su questo nulla da dire. C’è una persona che a Gennaio in quel di Maranello dichiarava, illudendo, ai tifosi che la Ferrari era pronta per vincere il titolo mondiale…grande gruppo,grandi tecnici,grande auto,grandi piloti. Cosa che tra l’altro dice ormai da diversi anni nei giorni post Befana. Probabile che il presidentissimo Luca Cordelo di Montezzemolo si stia preparando per entrare in politica nel 2013…e si sa che i politici in campagna elettorale promettono promettono e poi alla fine in carica non mantengono  le promesse fatte…e Luca è sulla buona via. Sinceramente sono stato subito dubbioso sulla ferrari f150esimo italia appena levati i veli (ci sono i miei vecchi tweet a testimoniarlo). L’auto sembrava molto convenzionale, goffa e

Read moreCaro presidente Luca…e il mondiale?

F1, Massa arrabbiato con Hamilton.

Vi mostriamo il video di quanto accuduto al termine del gp di Singapore: Lewis Hamilton è impegnato a rispondere alle domande dei giornalisti davanti alle telecamere delle tv,quando un Massa evidentemente contrariato per il contatto avvenuto in gara (che ha cuasato al brasiliano una foratura e all’inglese la rottura dell’ala anteriore e l’ennesima penalizzazione di …

Read moreF1, Massa arrabbiato con Hamilton.

BRAVO FELIPE! MA DOVEVI URLARLO PRIMA! Crashgate 2008

La frase della settimana va a Felipe Massa: “Ma sì lo sanno tutti che quel Singapore 2008 è stato falsato, non fu un risultato autentico”. Spiegalo anche ai tifosi, Mazzoni e certi giornalisti, che fanno finta di dimenticare che quella gara falsata per far vincere Alonso (che impossibile non sapesse nulla essendo tutto pianificato in …

Read moreBRAVO FELIPE! MA DOVEVI URLARLO PRIMA! Crashgate 2008

Monza, Prove libere: L’analisi del passo.

La seconda sessione di prove libere del venerdi di Monza sembra proporre un confronto molto serrato,con ben sette piloti (nell’ordine: Vettel, Hamilton, Schumacher, Massa, Alonso, Webber e Button) e quattro vetture diverse (Red bull, McLaren, Mercedes e Ferrari) in meno di mezzo secondo.
In realtà scorrere la lista dei migliori tempi può, talvolta, non rendere completamente l’idea delle forze in campo,o addirittura dare una visione distorta.
Per un analisi un attimino più approfondita,allora, avvalendoci delle preziose informazioni rintracciabili su sito ufficiale della FIA, proviamo ad esaminare il presumibile passo-gara dei top team.
Nell’ultima fase della seconda sessione di prove libere del venerdi è d’abitudine per le squadre verificare il comportamento della vettura in condizioni-gara,quindi con molta benzina a bordo e con la mescola di gomme che si ritiene possa essere la scelta preponderante per la gara: in genere si tende a provare la mescola più morbida per verificarne la durata o può capitare che, all’interno di un team, un pilota provi le gomme soffici e l’altro le dure.
Queste prove sono ancora più indicative se,come oggi, sono svolte in quelle che, con ottima probabilità,sarannno le medesime condizioni di pista e di temperatura (e quindi di grip) che si incontreranno la domenica in gara.

Read moreMonza, Prove libere: L’analisi del passo.

F1 e sicurezza – Novità per i caschi

Dopoil gp d’Ungheria 2009 e l’incidente di Massa, i costruttori di caschi si sono mossi per aumentare la sicurezza dei caschi stessi anche in caso di impatto come quello avvenuto allo sfortunato pilota brasiliano. C’è chi come Schubert helmet (la marca di Felipe) ha rinforzato tutti gli elementi di fissaggio della visiera al casco (staccatasi …

Read moreF1 e sicurezza – Novità per i caschi

F1 – Dopo la pausa il gran finale?

La f1 in agosto ha chiuso i battenti per ferie come una normalissima azienda per dare riposo a meccanici, tecnici e piloti. Lontano è il periodo dell’estate calda quando i team affrontavano senza sosta (dovuto ad un campionato con meno gare) il Paul Ricard, il vecchio Silverstone, il vecchio Hochkeneim, il vecchio Osterreich…nomi che mettono …

Read moreF1 – Dopo la pausa il gran finale?

Il caso Massa.

Entrati nella pausa agostana dopo aver superato il giro di boa del campionato,per la F1 è tempo di primi bilanci.
Tra le questioni aperte in casa Ferrari c’è sicuramente quella riguardante Felipe Massa.
Il brasiliano non è in scadenza essendo contrattualizzato fino al termine del 2012,eppure più volte Montezemolo e Domenicali hanno dovuto rinnovargli pubblicamente fiducia dopo che il nome di più piloti (Button,Webber,Rosberg,perfino Perez e Kobayashi) era stato accostato alla rossa per la prossima stagione.
Voci che,fondate o meno,rivelano comunque un comune denominatore:il giudizio negativo dell’ambiente (media e addetti ai lavori) circa il rendimento di Massa,giudizio inoppugnabile se guardiamo ai freddi numeri e che può essere generalizzato al dopo Ungheria 2009.
Gli inizi in F1. Campione italiano ed europeo di Formula Renault 2 litri nel 2000 e vincitore dell’Euro 3000 nel 2001,Felipe viene ingaggiato dalla Ferrari che gli sottopone un impegno a lungo termine.Il brasiliano fa il suo esordio in Sauber nel 2002 mostrando sprazzi di talento e velocità (in qualifica ,per esempio, rifila al più esperto Nick Heidefeld,suo compagno di squadra, mezzo secondo a Montecarlo e quattro decimi a Spa),ma anche una certa propensione all’errore che portano Peter Sauber a preferirgli il vecchio Frentzen prima per il gp di Indianapolis (dove Massa avrebbe dovuto scontare una penalità di dieci posizioni in griglia per un incidente con De la Rosa a Monza) e poi per il 2003.
Al Paulista non resta che tornare a Maranello in veste di collaudatore affiancando Badoer.E’proprio in questo periodo che si lega a Nicholas Todt,figlio del gran capo Ferrari.
Nel 2004 torna in Sauber disputando un’egregia stagione,ma perdendo globalmente il confronto col nuovo team mate Fisichella (le cui ambizioni da top driver saranno tarpate dal periodo successivo in Renault con Alonso) e dimostrando di essere ancora in fase di maturazione.
L’esplosione e i primi anni in Ferrari A partire dal 2005 inizia il periodo migliore di Massa.Nell’ultima stagione nel team elvetico,infatti,si dimostra nettamente più veloce di Villenevue e viene richiamato in Ferrari per sostituire il partente Barrichello.
Il 2006,stagione di esordio in rosso con al fianco sua maestà Schumacher,è tutto sommato positivo,con un finale di stagione in crescendo dove arrivano 2 vittorie:Turchia e Brasile (13 anni dopo il successo di Senna).
Ritiratosi Schumacher,per il brasiliano c’è un altro osso duro in squadra:Kimi Raikkonen.I due fanno squadra nel triennio 2007-2009.
Il primo anno il finnico è campione del mondo,ma dal confronto Felipe non è schiacchiato,anzi vince 3 gare e contribuisce in maniera preziosa alla vittoria di entrambi i titoli,aiutando e scortando il compagno di squadra nell’ultimo e decisivo gp.
Nel 2008 la prospettiva si inverte:Massa appare più efficace e determinato,conquista i galloni di capitano e perde il titolo solo a due curve dalla fine dell’ultimo gp (sempre in Brasile),scontando qualche sbavatura personale (Malesia),ma soprattutto errori a lui non imputabili (motore rotto a tre giri dalla fine di un gp dominato in Ungheria,pasticcio ai box in un gp di Singapore comunque inficiato nel suo svolgimento dal comportamento della Renault).
Nel 2009 Massa e Raikkonen si giocano la “bella” con una vettura questa volta non in grado di competere per il mondiale.Fino all’incidente dell’Ungheria il confronto è estremamente equilibrato:Felipe marca più punti,Kimi è più spesso davanti in prova e paga più ritiri.

Read moreIl caso Massa.

LA FIA STUDIA UN CUPOLINO STILE JET PER LE MONOPOSTO APERTE

Sempre in fermento alla ricerca della sicurezza la Fia, per evitare che si ripetano altri incidenti come quelli di Massa colpito dalla molla in Ungheria o quello del povero Surtees a Brands Hatch, sta studiando un cupolino di forma e materiale come quelli usati nei jet militari per le monoposto aperte…Avrà futuro questa prova? Vedremmo …

Read moreLA FIA STUDIA UN CUPOLINO STILE JET PER LE MONOPOSTO APERTE

ACCORDO SEGRETO TRA FERRARI E REDBULL PER IL GP DI SILVERSTONE

Dal nostro inviato RT a Silverstone La news è clamorosa. La pubblichiamo tra le pagine del nostro blog convinti che farà molto discutere nei prossimi giorni in un periodo non certo facile per la FIA, la F1 ed i teams. Prima di scrivere queste righe, visto l’argomento delicato, ci abbiamo pensato su ma poi ci …

Read moreACCORDO SEGRETO TRA FERRARI E REDBULL PER IL GP DI SILVERSTONE

GP F1 del Canada – Button eroe o mostro?

Stamattina accendo la radio e sento dire dai giornalisti italiani di mamma rai che ai piloti McLaren viene concesso di tutto dai commissari e che Button ha deliberatamente buttato fuori Alonso. Ora, oltre a mancare la solita onestà intellettuale e dire che Massa è imbarazzante e che anche Alonso poteva stare più attento, non capisco …

Read moreGP F1 del Canada – Button eroe o mostro?