IndyCar – A St.Petersburg trionfo di Montoya, KO di Power fermato da un trauma cranico. Filippi sulla buona strada

Gli anni sul groppone sono 41, i capelli bianchi ormai ci sono e pure qualche kilo in più rispetto al peso-forma ideale per padroneggiare un bolide da 750 cavalli, ma Juan Pablo Montoya ci stupisce un altra volta – ammesso che abbia mai smesso di farlo – e dopo aver sfiorato il titolo lo scorso …

Read moreIndyCar – A St.Petersburg trionfo di Montoya, KO di Power fermato da un trauma cranico. Filippi sulla buona strada

Donne con le gomme, l’ex pilota Desiré Wilson: «Una lady ha tutto per fare bene in Formula 1»

  A cura di Ermanno Frassoni [divider] Da Brakpan, cittadina a maggioranza bianca del Sudafrica incastonata in una delle regioni più ricche del Continente Nero, il Gauteng, a Salt Lake City, nello Utah che alterna deserti inospitali a foreste di pini, Desiré Wilson nata Randall il 23 novembre 1953 non ha mai temuto le grandi …

Read moreDonne con le gomme, l’ex pilota Desiré Wilson: «Una lady ha tutto per fare bene in Formula 1»

IndyCar – Pocono, Pole di Castroneves, Montoya diciannovesimo

Tenendo fede al suo nomignolo di ‘Tricky Triangle’, il Pocono Raceway di Long Pond è stato davvero complicato da decifrare per il leader in classifica Juan Pablo Montoya, che nella run di qualificazione non è riuscito ad andare oltre il diciannovesimo tempo a causa di problemi di setup, lasciando un vantaggio insperato a Graham Rahal, …

Read moreIndyCar – Pocono, Pole di Castroneves, Montoya diciannovesimo

IndyCar, Fontana: Rahal a sorpresa nella gara del ritorno al pack racing

Sull’ovale da due miglia dell’Auto Club Speedway, svelatosi per la prima volta in diurna nella nuova collocazione in calendario, è andata in scena una spettacolare battaglia all’ultimo respiro di oltre tre ore: in una vera e propria gara “pack” come (per questioni di sicurezza) non se ne vedevano da lungo tempo, un nutrito gruppo di …

Read moreIndyCar, Fontana: Rahal a sorpresa nella gara del ritorno al pack racing

Indy500 – Montoya bissa il successo quindici anni dopo

Sono passati quindici anni, sei campionati di F1 con le monoposto di Sir Williams e la McLaren , una poco fortunata esperienza in NASCAR con Ganassi e varie vittorie alla 24 ore di Daytona, ed ecco all’improvviso balenare un lampo bianco e rosso di nome Juan Pablo Montoya che davanti a tutti e vicino alla …

Read moreIndy500 – Montoya bissa il successo quindici anni dopo

IndyCar – Sweet home Alabama per Josef Newgarden, Honda risorge con Rahal

Sweet Home Alabama e non poteva essere altrimenti per il quasi pilota di casa – 3 ore di auto – Josef Newgarden, alla prima vittoria nella Verizon IndyCar Series dal suo debutto nel 2012 con il team fondato da Sarah Fisher, da sempre sostenitrice del talento di Hendersonville, Tenneessee. L’idolo locale ha avuto un avvio di …

Read moreIndyCar – Sweet home Alabama per Josef Newgarden, Honda risorge con Rahal

Indy Lights 2015 Re-Vamped: arriva il pieno di iscrizioni

La nuova e bellissima – concedeteci un attimo la romantica digressione – Dallara IL-15 motorizzata AER sta portando una nuova e fresca ventata di interesse che pian piano sta avvolgendo la Indy Lights, tanto che iniziano già ad arrivare le prime adesioni o voci di vari team pronti ad impegnarsi nella categoria ri-lanciata dalla Andersen …

Read moreIndy Lights 2015 Re-Vamped: arriva il pieno di iscrizioni

IndyCar: Hunter-Reay fulmina i Ganassi boys

Una strategia pit ai limiti della perfezione da parte del muretto Andretti Autosport ha regalato una improbabile vittoria a Ryan Hunter-Reay nella Iowa Corn Indy 300, fulminando negli ultimi due giri i piloti del team Ganassi, dominatori fino a quel momento sullo short-track di Newton, Iowa. Hunter-Reay è stato uno dei pochi piloti ad approfittare dell’ultima …

Read moreIndyCar: Hunter-Reay fulmina i Ganassi boys

IndyCar – Triplete colombiano a Houston, vince Huertas!

La pioggia caduta copiosa nel pre-gara prometteva spettacolo e gara incerta, ma nessuno si sarebbe mai e poi mai aspettato una vittoria bella e convincente di Carlos Huertas, colombiano finito in IndyCar quasi per caso. Bella e convincente perché il sudamericano del team Coyne non solo ha sfruttato l’ottima strategia messa a punto dal suo …

Read moreIndyCar – Triplete colombiano a Houston, vince Huertas!

Luca Filippi torna in IndyCar con Rahal!

I rumors dei giorni scorsi trovano finalmente l’ufficialità: Luca Filippi piloterà la Dallara #16 del team Rahal Letterman Lanigan Racing nelle due tappe di Houston e Toronto. Per il pilota italiano si tratta di un ritorno nella serie per monoposto USA dopo i convincenti risultati ottenuti lo scorso anno con la formazione di Bryan Herta …

Read moreLuca Filippi torna in IndyCar con Rahal!

Brevi Indy: Test Rahal per Hawksworth, novità Winter Series, la Indy Lights a Baltimora e altro…

IZOD INDYCAR SERIES Test con Rahal per Jack Hawksworth: Il 22enne pilota britannico fresco vincitore del GP di Baltimora nella Indy Lights effettuerà un test con il Rahal Letterman Lanigan Racing il 17 Settembre sul circuito di Sebring. Con la vittoria a Baltimora, la terza stagionale, l’inglese si è portato in quarta posizione nella classifica …

Read moreBrevi Indy: Test Rahal per Hawksworth, novità Winter Series, la Indy Lights a Baltimora e altro…

La voglia matta di Kurt Busch per le ruote scoperte: test IndyCar con Andretti

Kurt Busch fatica a lasciare l’Indianapolis Motor Speedway e di certo non contro la sua volontà… Dopo la recente due giorni di test con le stock car della NASCAR Sprint Cup il pilota del Furniture Row sarà di nuovo in pista sul mitico catino dell’Indiana, ma con una Dallara/Chevy della IndyCar… Il campione NASCAR del 2004 …

Read moreLa voglia matta di Kurt Busch per le ruote scoperte: test IndyCar con Andretti

Brevi da Indy: Jourdain Jr. alla 500 con Rahal, la Lights a Long Beach e altro…

IZOD INDYCAR SERIES  Team Rahal in salsa messicana: Con l’appoggio della Office Depot Mexico il non più giovane Michel Jourdain Jr. prenderà il via alla sua terza Indy500 in carriera, la seconda consecutiva, con il team Rahal, con cui tornò alle corse proprio lo scorso Maggio. Il pilota di Mexico City salirà a bordo della …

Read moreBrevi da Indy: Jourdain Jr. alla 500 con Rahal, la Lights a Long Beach e altro…

Brevi IndyCar – L’interesse di Rahal verso la NASCAR, le nuove gomme Firestone e altro…

IZOD INDYCAR SERIES Graham Rahal prossimo al debutto in NASCAR? Il suo obiettivo è quello di debuttare in Nationwide Series nel round casalingo di Mid-Ohio, a pochi chilometri da casa. “Lo voglio assolutamente fare” ha detto Graham. “Vorrei farne altre perché penso sia davvero divertente, ma per ora Mid-Ohio è quella che voglio fare a …

Read moreBrevi IndyCar – L’interesse di Rahal verso la NASCAR, le nuove gomme Firestone e altro…

IndyCar – Test Barber, Day 2: Power si migliora, bene Hinchcliffe e Wilson. Distacchi contenuti e molte sorprese

La prima constatazione lampante che viene fuori dai test che si sono appena conclusi al Barber Motorsports Park è indubbiamente la qualità del parco partenti, mai così alta nell’ultimo decennio, almeno per il campionato derivante dalla Indy Racing League. Il distacco tra il leader Will Power e Stefan Wilson, ventottesimo ed ultimo, è poco al …

Read moreIndyCar – Test Barber, Day 2: Power si migliora, bene Hinchcliffe e Wilson. Distacchi contenuti e molte sorprese

IndyCar, San Paolo: Triplete di Power.

Will Power completa a San Paolo il suo personalissimo triplete: vince per il terzo anno consecutivo in Brasile,si aggiudica l’hat trick del punteggio (pole,vittoria e maggior numero di giri in testa) e porta a casa il terzo successo di fila di questo 2012 che gli permette di consolidare la leadership in campionato (+45 sul team mate Castroneves) e di prolungare la striscia vincente di Penske e Chevrolet (4 vittorie su 4 in questa stagione).

Read moreIndyCar, San Paolo: Triplete di Power.

IndyCar, San Paolo qualifica: Pole di Power.

Will Power ha conquistato la pole della São Paulo Indy 300, quarto appuntamento stagionale del campionato IndyCar. Continua dunque il dominio del team Penske e dei motori Chevrolet, che finora hanno conquistato 4 pole su 4 e 3 vittorie su 3.
Vedremo se qualcuno sarà in grado di spezzare questo monopolio, a partire magari dal duo del team Ganassi Franchitti-Dixon, che si sono piazzati alle spalle di Power (Dario,in particolare, è sembrato rivitalizzato chiudendo a soli 4 centesimi dal poleman). Completano la fast six Hinchcliffe (sempre presente tra i primi sei in qualifica quest’anno), Hunter-Reay e Justin Wilson.

Read moreIndyCar, San Paolo qualifica: Pole di Power.

IndyCar, Long Beach gara: Power di un soffio!

Per un pelo! Will Power trionfa a Long Beach portando a casa la seconda vittoria consecutiva, che lo proietta in testa al campionato.
Un successo maturato in un finale thrilling nel quale l’australiano, costretto a risparmiare carburante per arrivare fino in fondo senza effettuare ulteriori soste, è riuscito a precedere di un soffio un Simon Pagenaud in fortissima rimonta.
Il francese, autore di una diversa strategia, viaggiando con gomme nuove e soprattutto potendo spingere a tutta non avendo problemi di consumo, negli ultimi giri aveva recuperato un distacco superiore ai 14 secondi ed era giunto ormai in scia al leader della gara. Un solo giro in più e lo avrebbe sicuramente superato, sia perchè la differenza di passo era notevole, sia perchè ormai Power era veramente al limite con il carburante.
Non si tratta però di una questione (solo) di buona sorte: Power ha guidato benissimo, rimontando dalla dodicesima posizione in griglia (dovuta alla penalizzazione che ha riguardato tutti i motorizzati Chevrolet),ha compiuto ottimi sorpassi e ha tenuto un ritmo importante anche nelle fasi in cui era in modalità “save fuel”, riuscendo a gestire il carburante meglio di piloti che avevano rifornito dopo di lui.
In questo và dato merito anche al motore Chevrolet, che in gara si è presa una bella rivincita dopo il brutto colpo dei problemi di affidabilità che avevano comportato la sostituzione di tutti i propulsori con conseguente arretramento in griglia.
Chevrolet in tre gare ha ottenuto tre pole, tre vittorie e tre giri più veloci : in questa statistica a farla da padrone è il team Penske, che finora ha monopolizzato le pole e le vittorie.
Smacco per la Honda: non è riuscita a vincere neanche qui. Eppure i suoi piloti occupavano le prime 9 posizioni in griglia per effetto delle penalizzazioni.

Read moreIndyCar, Long Beach gara: Power di un soffio!

IndyCar, Barber: La rinvincita di Power.

Power si riscatta. A St. Petersburg aveva ottenuto la pole e dominato la prima parte della gara, poi un piccolo errore e una strategia non particolarmente azzeccata lo avevano relegato al settimo posto finale.
In Alabama aveva iniziato forte il week end dominando la prima sessione di libere (l’unica sull’asciutto), poi gli era stato cancellato il miglior tempo nel secondo segmento delle qualifiche (perchè ottenuto in regime di bandiere gialle) col risultato di essere costretto a partire nono.
Insomma non proprio un inizio fortunato di stagione. E invece Power ha reagito alla grande in gara, cogliendo il suo secondo successo consecutivo a Barber con un mix di strategia (legata all’uso delle gomme), di velocità e di opportunismo (leggi capacità di approfittare dei problemi altrui nei rispettivi pit stop).

Read moreIndyCar, Barber: La rinvincita di Power.

IndyCar, Barber libere 1: Power traccia la rotta.

La nazionalità australiana non è l’unica cosa che li lega. Casey Stoner e Will Power hanno (almeno) un’altra caratteristica in comune: l’uno in MotoGp, l’altro in IndyCar (quando non si corre sugli ovali) sono i piloti più dotati dal punto di vista della velocità pura, ossia la capacità di andare subito forte, più forte degli altri non appena scendono in pista, o meglio ancora l’abilità di trovare immediatamente il limite. Poi magari nel corso del week end o in gara gli altri riescono piano piano ad avvicinarsi o anche a fare meglio, lavorando sull’assetto, sul passo oppure attraverso la strategia o una migliore gestione delle gomme, ma questa loro attitudine li rende a modo loro speciali.
La prima sessione di libere di Barber ha confermato questo schema ormai consolidato, infatti in vetta alla classifica troviamo proprio Power, che precede il compagno di squadra (e vincitore di St. Petersburg) Castroneves di 2 decimi, un distacco che può sembrare ridotto, ma che assume un’altra portata se pensiamo che la pista è lunga meno di 4 Km, che il giro si percorre in poco più di 70 secondi e che,escluso Power, abbiamo 17 piloti racchiusi in un secondo.

Read moreIndyCar, Barber libere 1: Power traccia la rotta.

IndyCar, St Petersburg gara : Redivivo Castroneves.

Il ritorno di Spider Man. Helio Castroneves torna al successo e mette la sua firma in calce alla gara d’apertura della stagione 2012, quella dell’anno zero, del nuovo inizio dell’IndyCar con l’esordio del nuovo telaio Dallara DW12 e della rinnovata competizione tra motoristi con le nuove unità turbo.
Il pilota brasiliano, 36 anni, si riscatta dopo aver vissuto un 2011 difficile, concluso senza vittorie (non gli accadeva addirittura dal 1999) e con una deludente undicesima posizione in campionato, lontano dai team mate Power e Briscoe, proprio nell’anno in cui era in scadenza di contratto.
Ma Roger Penske gli ha dato ancora fiducia rinnovando un sodalizio che dura ormai dal 2000 e Castroneves lo ha ripagato con questa bella vittoria,festeggiata alla sua maniera ovvero arrampicandosi su per le reti di protezione.
La scena è stata particolarmente emozionante perchè la rete scelta da Castroneves (immagine in alto) era proprio quella della strada intitolata a Dan Wheldon, vincitore qui nel 2005 e al centro del pensiero di tutti (la bandiera verde è stata sventolata dalla sorella dello sfortunato pilota inglese): Helio ha più volte toccato l’indicazione “Dan Wheldon Way” come a dedicare la vittoria all’amico e collega scomparso.

Read moreIndyCar, St Petersburg gara : Redivivo Castroneves.