Dakar 2014 – “From zero to Hero”

Terminata la Dakar 2014, con un po’ di rimpianto ogni appassionato della maratona tra le dune si cala nuovamente nella propria routine quotidiana in attesa della prossima competizione. Celebrati i vincitori, appianati i dissidi, sembra non vi sia più nulla di cui parlare riguardo l’edizione di quest’anno. Ma siete proprio sicuri di non esservi persi …

Read moreDakar 2014 – “From zero to Hero”

D(r)a(k)kar 2014

A cura di Ermanno Frassoni [divider] [space height=”20″] [dropcap type=”circle” color=”#ffffff” background=”#ce2121″]«C[/dropcap]hampagne per un dolce segreto. Per noi un amore proibito. Ormai resta solo un bicchiere ed un ricordo da gettare via». Basta un passaggio della celebre «Champagne», canzone di successo interpretata dalla voce suadente di Peppino di Capri nei primi anni Settanta, per paracadutare …

Read moreD(r)a(k)kar 2014

Brevi NASCAR – Eldora rispetta gli standard di sicurezza della NASCAR e altro….

SPRINT CUP SERIES Robby Gordon probabilmente assente dalla scena nel 2013: Robby Gordon, che ha corso la Daytona 500 l’anno scorso, non ha intenzione di tornare  a correre in NASCAR nel 2013. Il suo portavoce, Alison McCabe, ha detto che non correrà perché totalmente concentrto sulla Robby Gordon’s Stadium Super Trucks Series, campionato composto da 12 …

Read moreBrevi NASCAR – Eldora rispetta gli standard di sicurezza della NASCAR e altro….

Guest Post – Stabilita la data dell’appello per Chad Knaus, Stewart interessato alla gara Grand-Am di Indianapolis e le altre notizie da Sprint Cup e Nationwide Series

Secondo post in tema NASCAR per Federico Floccari, che questa volta ci racconta le ultime notizie da Sprint Cup Series e Nationwide Series

Sprint Cup Series News

Stewart ha intenzione di correre la gara di Indianapolis della serie Grand Am: Il campione uscente della Sprint Cup Tony Stewart potrebbe aggiungere, alla sua già lunga lista di impegni estivi, un’altra serie motoristica. Stewart, ha dichiarato a FoxSports, durante il media day del Texas Motor Speedway, che si è tenuto Martedì, che non pensa di correre la gara Nationwide ad Indianapolis, in programma il 27 luglio perchè, invece, vorrebbe partecipare alla gara Grand-AM,  da quest’anno inserita insieme alla Nationwide Series nello stesso weekend della Brickyard 400. Stewart ha dichiarato: “Se riuscissi a fare qualcosa, mi piacerebbe correre la gara Grand-AM” ma contemporaneamente non nega che cederebbe il suo sedile in Nationwide ad un altro pilota che sogna di correre nel Circuito più famoso del mondo!

Read moreGuest Post – Stabilita la data dell’appello per Chad Knaus, Stewart interessato alla gara Grand-Am di Indianapolis e le altre notizie da Sprint Cup e Nationwide Series

NASCAR – Dodge risponde all’annuncio del Penske Racing e avvia i primi contatti per trovare un nuovo team

Matthew Stockman/Getty Images for NASCAR

Dodge ha reagito all’annuncio del Penske Racing, che ha deciso di schierare vetture Ford nel 2013, per bocca di Ralph Gilles, presidente e CEO del marcho SRT e di Dodge Motorsports.

“Dodge ha avuto una partnership ricca di successi con il Penske racing per 10 anni. E’ un rapporto che ha prodotto risultati in pista e fuori, per entrambe le parti. Roger ha preso la decisione di accettare l’offerta di un altro costruttore. Auguriamo a Roger e al Penske Racing grandi successi nel futuro” ha detto Gilles. “Siamo decisi a lavorare per competere con il Penske Racing al massimo livello in questa stagione, per vincere delle gare e lottare per il campionato”. 

Read moreNASCAR – Dodge risponde all’annuncio del Penske Racing e avvia i primi contatti per trovare un nuovo team

Sprint Cup – Preview: I team sotto la lente di ingrandimento, parte 2

Matthew Stockman/Getty Images for NASCAR

Seconda parte della carrellata sui principali team che prenderanno parte alla Sprint Cup 2012 con programmi completi o parziali. Per chi volesse, qui trovate la prima parte della preview.

NEMCO Motorsports (Toyota) *

#87 Joe Nemechek – AM FM Energy LLC/?
#97 Bill Elliott – ??

Il veterano pilota/owner di Lakeland, Florida, ha disputato tutte e 36 le gare della Sprint Cup 2011 parcheggiando molto rapidamente la sua Toyota per incassare qualche migliaio di dollari da reinvestire nel programma della Nationwide Series, dove ha ottenuto un 14esimo posto nella generale con 1 top-5, e probabilmente farà la stessa cosa anche quest’anno. In occasione della 500 miglia di Daytona il team schiererà anche la vettura #97 per Bill Elliott.

Read moreSprint Cup – Preview: I team sotto la lente di ingrandimento, parte 2

Sprint Cup – Mark Martin partirà dalla pole position a Talladega per la Good Sam Club 500

Jerry Markland/Getty Images for NASCAR

Mark Martin, al volante della Chevrolet Impala #5 dell’Hendrick Motorsports, ha messo a segno la 51esima pole in carriera, la seconda stagionale dopo quella di Daytona a luglio, percorrendo un giro del Talladega Superspeedway in 52.799 secondi, pari ad una media di 181.367 miglia orarie. 

Read moreSprint Cup – Mark Martin partirà dalla pole position a Talladega per la Good Sam Club 500

Sprint Cup – Tony “Smoke” Stewart davanti a tutti per la Bank of America 500

Credit: Photo by Jason Smith/Getty Images for NASCAR

Prima pole stagionale per Tony “Smoke” Stewart al Charlotte Motor Speedway. Il pilota della Chevrolet Impala #14 ha conquistato la pole position per la Bank of America 500, grazie ad un tempo di 28.131 secondi, pari a 191.959 miglia orarie, che gli ha consentito di battere per 6 millesimi di secondo il tempo stabilito da Matt Kenseth in una sessione di qualifica altrimenti dominata dalle Ford.

Read moreSprint Cup – Tony “Smoke” Stewart davanti a tutti per la Bank of America 500

Sprint Cup – Rocket Man dopo la pioggia

Ryan Newman in qualifica a Loudon per la Sylvania 300
Credit: Geoff Burke/Getty Images for NASCAR

Ryan Newman partirà nuovamente davanti a tutti nella Sylvania 300, dopo qualifica che il pilota di south Bend, Indiana ha letteralmente dominato, scendendo in pista per ultimo e stabilendo il miglior crono in 28.213 secondi, pari a 135.002 miglia orarie di media.

Unico del gruppo a oltrepassare la barriera della 135 miglia, Newman ha preceduto Kasey Kahne per 5 centesimi, aggiudicandosi la terza pole stagionale, la sesta sul tracciato del New Hampshire, la 49esima un carriera su 360 presenze, un dato che lo colloca al nono posto di sempre, a pari merito con Bobby Isaac.

Read moreSprint Cup – Rocket Man dopo la pioggia

Sprint Cup – Kasey Kahne supera le 186 miglia sul giro ed è in pole per la Advocare 500

John Harrelson/Getty Images for NASCAR

Kasey Kahne si è aggiudicato la pole position per la Advocare 500, 25esimo appuntamento della Sprint Cup Series, che si svolgerà sul circuito di Atlanta, grazie ad un tempo di 29.775 secondi, pari ad una media di 186.196 miglia orarie.

Per Kahne si tratta della 22esima pole in carriera su 277 presenza, la seconda stagionale dopo quella ottenuta a Darlington nel mese di maggio, la seconda all’Atlanta Motor Speedway.

Read moreSprint Cup – Kasey Kahne supera le 186 miglia sul giro ed è in pole per la Advocare 500

Sprint Cup – finalmente Kurt Busch mette tutti in riga

Visto lo stato di forma, per Kurt Busch era solo una questione di tempo. La prima vittoria per lui nel 2011, la numero 23 in carriera, è arrivata domenica all’Infineon Raceway di Sonoma, California, nel modo migliore, con un dominio totale: 76 giri in testa su 110, una strategia vincente e un passo a gomme …

Read moreSprint Cup – finalmente Kurt Busch mette tutti in riga

Raikkonen assaggia la Sprint Cup in un test in Virgina

Kimi Raikkonen è sceso in pista ieri al Virginia International Raceway, per la prima volta, con una Dodge di Sprint Cup fornita dal Robby Gordon Motorsports. Il test è servito per far prendere confidenza al finlandese con le auto della massima serie sanzionata dalla NASCAR. La collocazione del test su un tracciato che di solito …

Read moreRaikkonen assaggia la Sprint Cup in un test in Virgina

Bristol – Kyle Busch è ufficialmente Bristol-man

kyle busch, fonte Nascarmedia.com

Kyle Busch è inarrestabile sul mezzo miglio del Tennessee. Tre vittorie nelle tre categorie nel 2010, due vittorie in Nationwide e Sprint Cup nel 2011.
Il bad-boy di Las Vegas è un concentrato delle caratteristiche necessarie per imporsi sugli short-track: velocissimo sulla breve distanza (il migliore in assoluto secondo la statistica dedicata della nascar, che si chiama Fastest Drivers Early In a Run), determinato, a volte anche troppo, nei duelli, fortissimo in restart e assistito da una pit-crew in grado di bruciare sul tempo i migliori concorrenti. Quest’anno sembra aver definitivamente messo da parte le sue intemperanze e a Bristol, in special modo, nessuno è stato in grado di opporsi alla Toyota #18 del Joe Gibbs Racing. Il più giovane dei fratelli Busch ha incassato la ventesima vittoria in carriera nella massima divisione a soli 25 anni e si é proiettato al sesto posto in classifica generale.
Di fronte a circa 120.000 spettatori, pochi rispetto al consueto sell-out che si registra costantemente in Tennessee, il primo dei due appuntamenti annuali a Bristol é partito con Carl Edwards, autore dell’unico giro sotto i 15 secondi delle qualifiche, in pole position. La prima fase di gara ha vissuto intorno alla parziale incertezza riguardo alle gomme Goodyear, afflitte da cedimenti durante le prove e oggetto di un cambio di mescola subito dopo le qualifiche. Le squadre avevano già utilizzato la nuova mescola su due piste, nel 2010, e il fornitore di pneumatici é così riuscito ad arginare un potenziale disastro. Tre soli gli inconvenienti originati dalle coperture, per Truex, Keselowski e un infuriato Robby Gordon. Problemi anche per Denny Hamlin, sdoppiatosi durante la competition yellow del giro 52, dopo che era rimasto coinvolto nell’incidente del giro 29 con, tra gli altri, Vickers, McMurray e Allmendinger. Il pilota della Toyota #11 ha poi chiuso al trentatreesimo posto, assestandosi sul diciassettesimo gradino della classifica ica.
In seguito la gara si é dipanata sul filo di lunghi run in bandiera verde, con Johnson e Kyle Busch in evidenza come i più veloci in assoluto. Come lo stesso Johnson ha fatto notare a gara terminata, girare con aria “pulita” si é rivelato fondamentale: i migliori avevano un passo molto simile e chi si trovava davanti riusciva ad acquisire un certo vantaggio, mentre gli altri si rallentavano a vicenda.
Tutto si é deciso all’ultima sosta, ad una settantina di giri dal traguardo, quando Johnson é rientrato primo ed é uscito dai box al quarto posto, scavalcato da Busch, Edwards, e Harvick. Lo spettro dei problemi avuti nel 2010 dalla pit-crew della #48 si é materializzato nuovamente davanti al californiano di El Cajon, che si dice comunque fiducioso nelle capacità di miglioramento dei suoi nuovi meccanici, comportatisi molto bene durante tutto il resto della Jeff Byrd 500. A quel punto tutti avevano benzina e gomme per arrivare alla fine e non si sono più fermati.

i tre che si sono giocati la gara nel finale, fonte Nascarmedia.com

La gara si é risolta in uno scontro a tre sul filo dei decimi tra Busch, Edwards e Johnson, durato diversi giri e intervallato da alcune bandiere gialle, ma conclusosi a favore del pilota del Nevada, perfetto nei restart, che ha preso margine nel finale, tagliando il traguardo davanti alla Ford #99, alla Chevy #48, autrice del maggior numero di giri in testa, alle Ford di Kenseth e del sorprendente Menard, con Harvick, Busch, Biffle, Kahne, Newman, Earnhardt e Martin a chiudere la top twelve.

Read moreBristol – Kyle Busch è ufficialmente Bristol-man