BTCC: primo podio per Giovanardi, tra incidenti spettacolari e lotte ravvicinate

Round 3 of the 2014 British Touring Car Championship.

Si è tenuto nel weekend appena trascorso l’evento di Thruxton, terzo appuntamento del campionato BTCC 2014. Le 3 gare si sono distinte per i 3 vincitori diversi e per gli incidenti spettacolari che hanno portato l’ingresso della safety car ed anche allo stop anticipato di Gara 2.

[divider]
[space height=20]

Qualifiche

Nelle qualifiche del sabato è stato il campione in carica Andrew Jordan ad ottenere la pole, andando tra l’altro ad abbassare il record del tracciato, risalente addirittura al 2002 e siglato da Yvan Muller. Dietro di lui, a siglare una tripletta Honda, le 2 Civic Tourer di Matt Neal e Gordon Shedden, con quest’ultimo che ha diviso la seconda fila con Mat Jackson. In terza fila si sono issati Tom Ingram e Jason Plato, che ha preceduto il compagno di squadra Sam Tordoff e Rob Collard, piazzatisi in quarta fila. A chiudere la Top 10, in quinta fila, Alain Menu e la Mercedes Classe A di Adam Morgan. Poco fuori dalla Top 10, in sesta fila col dodicesimo tempo il nostro Fabrizio Giovanardi.

Classifica completa qualifiche

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara 1

Partito dalla pole, Jordan è andato a conquistare la vittoria nella prima gara della giornata, precedendo le Tourer di Neal e Shedden e la Focus di Jackson. Quinta la BMW di Collard, nonostante i ripetuti tentativi di Plato (sesto) di sopravanzarlo, con Alain Menu settimo. Ottavo è giunto Colin Turkington, autore di una buona rimonta dal tredicesimo posto di partenza, davanti ad Adam Morgan e Sam Tordoff che hanno chiuso la Top 10. Nonostante la partenza fulminea di Jackson, nel corso dell’ottavo giro i 2 piloti Honda Yuasa sono riusciti a sopravanzarlo, andando quindi a ricreare a fine gara lo stesso ordine delle prime 4 posizioni alla partenza, mentre nelle retrovie abbiamo assistito allo scontro tra James Cole e Warren Scott (ritiro per entrambi), il fuoripista di Aron Smith (costretto poi ad un pitstop per rimuovere dell’erba dallo splitter) ed il testacoda di Dave Newsham durante la lotta con Fabrizio Giovanardi (quest’ultimo ha poi concluso all’undicesimo posto).

Classifica completa Gara 1

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara 2

Nella seconda gara della giornata, terminata anzitempo con la bandiera rossa per l’incidente che ha visto coinvolti Rob Austin e Nick Foster (con la BMW di quest’ultimo che, dopo aver impattato con la barriera di gomme, ha saltato oltre il muretto), a vincere è stato Gordon Shedden, al secondo successo quest’anno con la Civic Tourer. Secondo sul traguardo Andrew Jordan, mentre sul terzo gradino del podio si è issato Rob Collard. Quarto Matt Neal, davanti a Mat Jackson, Colin Turkington, Jason Plato, Adam Morgan, Jack Goff ed il nostro Fabrizio Giovanardi a chiudere la Top 10. La vittoria di Shedden è arrivata grazie al sorpasso all’esterno su Jordan all’ultima chicane al giro 11, dopo svariati tentativi nei giri precedenti. Altra lotta durata alcuni giri è stata quella tra Jackson e Neal, in cui alla fine a prevalere è stato quest’ultimo con un’azione che ha visto, per alcune centinaia di metri, la Civic Tourer e la Focus di Jackson viaggiare appaiate.

Classifica completa Gara 2

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara 3

Alcuni minuti prima della partenza, tocca a Fabrizio Giovanardi, in quanto decimo classificato in Gara 2, estrarre il numero che deciderà quante posizioni verranno invertite sulla griglia dell’ultima gara della giornata. Estrazione fortunata, in quanto “Piedone” estrae il 10 e quindi la pole è sua. Alla partenza però nulla possono Giovanardi e Goff (partito in prima fila) per contenere la partenza a razzo di Colin Turkington, che va subito a prendersi la testa della gara per mantenerla fino alla bandiera a scacchi. Con lui sul podio i 2 piloti Airwaves Racing, con Mat Jackson secondo e Fabrizio Giovanardi terzo. L’inglese ha portato l’attacco al compagno di squadra al sedicesimo giro all’ultima chicane, per l’italiano comunque nessuna delusione con il primo podio nella stagione del suo rientro in BTCC, arrivato in un periodo che lui stesso definisce nelle interviste pre e post gara ancora di “apprendistato”. Giovanardi comunque dimostra la propria abilità di guida e la propria esperienza nella lotta con Andrew Jordan, giunto quarto nonostante i ripetuti attacchi portati alla Focus Airwaves per accaparrarsi l’ultimo gradino del podio. Quinto Gordon Shedden davanti a Jack Goff, che non riesce a sfruttare la partenza in prima fila e finisce ben presto risucchiato nel gruppo, Aron Smith, Adam Morgan, Sam Tordoff e Rob Collard a chiudere la Top10. 2 gli interventi della safety car che hanno portato la durata della gara dagli iniziali 16 a 19 giri, entrambi per incidenti alla curva Church (la stessa dove si è verificato l’incidente di Austin e Foster in Gara 2): il primo vede protagonista la Proton di Ollie Jackson al giro 5, mentre il secondo al giro 12 vede la Toyota Avensis di Simon Belcher impattare contro le barriere di gomme per poi saltare oltre il muretto capovolgendosi. Per fortuna in entrambi i casi i piloti escono dalle rispettive vetture sulle proprie gambe.

Classifica completa Gara 3

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Dopo 9 gare, Andrew Jordan comanda la classifica piloti con 144 punti. Al secondo posto Gordon Shedden (133), seguito da Colin Turkington (123), Matt Neal (110) e Jason Plato (106). Chiudono la Top 10 Rob Collard (88), Mat Jackson (79), Sam Tordoff (75), Adam Morgan (49) e Fabrizio Giovanardi (47) in decima posizione.

Classifica piloti
Classifica team
Classifica costruttori

[divider]
[space height=20]

Il BTCC si prende una pausa. Il prossimo appuntamento sarà infatti tra un mese circa, con il weekend di Oulton Park in programma nel fine settimana del 7 ed 8 Giugno.