DTM: per Audi la prima vittoria 2014 grazie ad Ekstrom

Motorsports / DTM 9. race Zandvoort

Si è tenuto nel weekend appena passato il penultimo appuntamento 2014 per il campionato tedesco DTM. Sul circuito di Zandvoort, piazzato in calendario al posto di quello che doveva essere il ritorno in Cina, si è assistito ad una gara spettacolare ma che ha dimostrato, con i 4 ingressi della Safety Car, che quello che era stato detto all’annuncio del rientro in calendario del circuito olandese era fuffa: il tracciato è identico all’anno scorso, non è cambiato di una virgola e più di un pilota ha dovuto fare i conti con le barriere troppo vicine alla pista.

[divider]
[space height=20]

Qualifiche

Che la tappa olandese sarebbe stata in favore di Audi si era capito già dalle qualifiche, dato che 5 delle 8 vetture che hanno preso parte alla Q3 erano della casa dei 4 anelli. La prima fila se la sono aggiudicata il campione uscente Mike Rockenfeller ed il neo-campione Marco Wittmann, seguiti dalle Audi di Edoardo Mortara (a cui poi verranno annullati i tempi perché, in sede di verifiche post-prove, lo splitter della sua RS5 DTM verrà trovato con un’altezza da terra inferiore al consentito) e Mattias Ekstrom (anch’egli penalizzato, di sole 5 posizioni però, per esser stato ritenuto colpevole di aver ostacolato Gary Paffett in Q1), terza fila (poi diventata seconda) per Jamie Green ed il giovane di casa Audi Nico Muller, autore del miglior tempo nelle seconde prove libere. Chiudono la Top 8 Pascal Wehrlein, che dimostra ancora una volta una marcia in più rispetto agli altri piloti Mercedes, e Martin Tomczyk.

Classifica completa qualifiche

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara

La gara di Zandvoort, come detto in apertura, è stata caratterizzata da ben 4 ingressi della Safety Car. Le neutralizzazioni hanno avuto un ruolo fondamentale nello svolgimento della gara, aiutando e favorendo chi partiva indietro (su tutti il vincitore Ekstrom ed Edoardo Mortara) e penalizzando chi invece si trovava in testa, uno su tutti Mike Rockenfeller che ha visto svanire i suoi sogni di gloria a causa delle neutralizzazioni.

Il primo ingresso della Safety Car al quarto giro, quando Adrien Tambay finisce largo alla curva Masters, nella parte più lontana dal traguardo, finendo contro le barriere. Il secondo ingresso al giro 17, quando Daniel Juncadella (che verrà poi penalizzato) colpisce al posteriore Augusto Farfus spedendolo contro il guard-rail alla Hans Ernst, la chicane prima delle 2 veloci curve finali. Dopo pochi giri, al ventitreesimo, Christian Vietoris manda a muro Nico Muller alla Gerlach, la seconda curva del tracciato, mentre l’ultimo ingresso della Safety Car avviene al trentacinquesimo giro, quando Gary Paffett finisce largo alla curva 9 rimanendo intrappolato nella via di fuga.

La gara quindi si è risolto in uno sprint finale, con l’ultimo restart ad 8 minuti dallo scoccare dei 75 minuti di gara massimi, con Mattias Ekstrom che prende il largo grazie alle gomme soft mentre dietro Wittmann e Tomczyk girano con le dure. Edoardo Mortara, anch’esso con le dure, riesce a contenere gli attacchi di Vietoris, con le più veloci morbide, mentre dietro di loro Maxime Martin agguanta un sesto posto che, insieme al secondo di Wittmann, permette a BMW Team RMG di vincere con una gara di anticipo anche il titolo di campioni tra i team. Chiudono la Top 10 Pascal Wehrlein, Daniel Juncadella (che per il contatto con Farfus verrà penalizzato di 30 secondi, finendo fuori dalla zona punti), Robert Wickens e Timo Scheider.

Classifica completa gara

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Con Marco Wittmann (146) già laureatosi campione, Mattias Ekstrom (81) prende il largo in seconda posizione staccando di 12 punti Christian Vietoris (69), che è subito seguito da Edoardo Mortara (68) in quarta posizione. Quinto, a 14 punti da Mortara, il campione 2013 Mike Rockenfeller (54).

Nella classifica team, come detto BMW Team RMG (193) conquista il titolo, grazie ad un vantaggio ormai incolmabile di 84 punti su Audi Sport Team Abt Sportsline (109), che però a sua volta è tallonato da vicino dal team gemello Audi Sport Team Abt (104). Lotta ancora aperta tra i costruttori, com BMW (362) ancora tallonata da vicino da Audi (341), mentre Mercedes (206) nonostante i buoni risultati delle ultime gare è ormai troppo lontata per lottare per il titolo.

Classifiche complete piloti, team e costruttori

[divider]
[space height=20]

Prossimo appuntamento con il gran finale che si terrà come da consuetudine sullo stesso tracciato della season opener, ad Hockenheim. Appuntamento per il 18 e 19 Ottobre per l’ultima tappa 2014, in cui verrà assegnato l’ultimo titolo ancora in ballo, quello costruttori.