DTM: Wittmann pigliatutto all’Hungaroring

10370984_10152472942861151_51551323465447233_n

Questo weekend è tornato in pista il DTM per il terzo appuntamento stagionale: Hungaroring. Il principale campionato turismo tedesco è tornato quindi sul circuito alle porte di Budapest a distanza di 26 anni dalla sua ultima visita, datata 1988. Autentico dominatore del weekend è stato Marco Wittmann, già vincitore nella gara inaugurale della stagione ad Hockenheim, che ha fatto sue sia la pole position che la vittoria della gara. Vediamo nel dettaglio cosa è successo questo fine settimana in terra ungherese.

[divider]
[space height=20]

Qualifiche

Come detto, a conquistare la pole è stato Marco Wittmann, autentico dominatore che ha chiuso tutte le 3 sezioni delle qualifiche in testa. A marcare una prima fila completamente BMW ci ha pensato Timo Glock, uno dei pochi ad avere esperienza su questo tracciato avendoci corso in GP2 e Formula1, che ha portato la sua M4 DTM davanti all’Audi di Miguel Molina, finalmente esente da penalizzazioni post-qualifica, con quest’ultimo che ha preceduto i 2 giovani debuttanti di casa BMW, il belga Maxime Martin ed il portoghese Antonio Felix da Costa. Altra BMW in sesta posizione quella di Augusto Farfus, che precede le 2 Audi di Adrien Tambay e Nico Muller a chiudere la Top8. Solamente dodicesimo l’italiano Edoardo Mortara, per la prima volta in questa stagione escluso dalla Q3, mentre in casa Mercedes è ancora crisi profonda. Solo i ripetuti annullamenti dei tempi a Martin Tomczyk (per aver marcato tempi veloci oltrepassando i limiti del tracciato), hanno impedito alla stella a 3 punte una bruttissima figura con le proprie 7 vetture agli ultimi 7 posti. Infatti, al termine delle qualifiche troviamo Pascal Wehrlein (per 3 volte su 3 migliore dei Mercedes in qualifica) sedicesimo, Robert Wickens diciassettesimo ed addirittura gli altri 5 piloti esclusi dalla Q2 e quindi classificatisi tra la diciannovesima e la ventitreesima posizione, con nell’ordine Paul di Resta, Daniel Juncadella, Gary Paffett, Vitaly Petrov ed il vincitore di Oschersleben Christian Vietoris ultimo.

Classifica completa qualifiche

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Gara

Inusualmente per gli standard offerti solitamente dall’Hungaroring, la gara è stata molto movimentata. Anche se la vittoria di Marco Wittmann non è mai stata messa in discussione, così come il secondo posto finale di Miguel Molina, dalla terza posizione in poi si è vista una gara avvincente, con sorpassi (non solo alla fine del rettilineo principale, altra cosa a cui eravamo solitamente abituati all’Hungaroring), contatti ed anche qualche ritiro. Sul terzo gradino del podio si è issato Bruno Spengler, che ha adottato una strategia inversa rispetto a quasi tutti gli altri partendo su gomme dure per poi affrontare la seconda parte di gara con le morbide. Sprofondato nelle retrovie nella prima metà di gara, è riuscito però a far valere la maggior velocità garantita dalle gomme morbide (che garantivano tempi sul giro inferiori rispetto alle gomme dure di circa 2 secondi) per risalire da metà gruppo fino al terzo posto finale. Dietro Spengler, arrivo in volata con Edoardo Mortara che riesce a tenere il quarto posto, precedendo sul traguardo Adrien Tambay e Maxime Martin. Dietro di loro, altro arrivo in volata con Jamie Green che precede Antonio Felix da Costa e Mattias Ekstrom, con il campione Mike Rockenfeller che chiude decimo davanti al migliore dei piloti Mercedes, il canadese Robert Wickens che chiude undicesimo. Quattro i ritiri di giornata, con Gary Paffett fuori già dopo pochi metri a causa di un contatto con Joey Hand, Timo Scheider fuori dopo 10 giri, Augusto Farfus (a cui era già stata compromessa la gara quando, al momento del pit-stop, i propri meccanici si erano fatti trovare senza le gomme) out a 10 giri dal termine e Christian Vietoris ritirato a 5 giri dalla conclusione. Nonostante questi ultimi 2 siano stati comunque classificati, ultimo al traguardo Timo Glock che è stato buttato fuori dal rookie Nico Muller all’ultimo giro ed è giunto sul traguardo diciannovesimo con una gomma forata.

Classifica completa gara

[divider scroll_text=”Torna in alto”]
[space height=20]

Dopo 3 delle 10 gare previste, Marco Wittman torna in testa alla classifica piloti con 50 punti, davanti a Mike Rockenfeller (31), Edoardo Mortara (27), Miguel Molina ed Adrien Tambay (26) e Christian Vietoris (25) . Tra i team, primo posto per BMW Team RMG con 58 punti, davanti ad Audi Sport Team Abt (53) ed Audi Sport Team Abt Sportsline (46). Tra i costruttori infine, BMW mantiene la leadeship con 144 punti, davanti ad Audi con 118 e Mercedes con 41.

Classifiche complete piloti, team e costruttori

[divider]
[space height=20]

Prossimo appuntamento tra 4 settimane, con il weekend dal 27 al 29 Maggio al Norisring.