Audi ufficialmente Campione Superstars 2013

000421

E’ arrivata finalmente la sentenza sull’appello, rigettato dal Corte del Tribunale FIA, presentato dalla scuderia Ferraris in merito alla squalifica delle proprie Mercedes dalle gare di Donington Park. I fatti risalgono al primo settembre scorso, in occasione della tappa inglese della Superstars. A fine gara, dopo un reclamo presentato da Audi Sport Italia, i commissari giudicarono non conformi alcune parti delle Mercedes di Liuzzi e Biagi, squalificandole dall’intero evento e annullando i risultati conseguiti oltremanica.

Per dimostrare le proprie ragioni, Emilio Radaelli, boss Audi, era perfino andato in una concessionaria Mercedes a prendere un cofano originale per la C63 AMG, dimostrando che quello montato sulle vetture di Ferraris era diverso. L’MSA, appurato il fatto, non potè far altro che squalificare le due vetture, dando una mazzata definitiva alle speranze iridate di Liuzzi e Biagi.

Due settimane dopo, però, in occasione delle gare di Imola, l’ACI tramuta la squalifica in un arretramento di 10 posizioni in griglia. Una decisione che scatenò un putiferio di polemiche e fu appellata sia da Audi che da Mercedes. La casa di Inglostadt la riteneva fin troppo blanda, la non conformità tecnica era sempre stata punita con una squalifica, mentre Stoccarda aveva giudicato la decisione perfino troppo dura. Risulato fu che, stanti così gli appelli, sulla griglia di Imola le Mercedes partirono dalle loro posizioni in casella con in cascina i punti conquistati oltremanica.

Com’è poi finita è sotto gli occhi di tutti, Gianni Morbidelli e Audi Sport Italia hanno fatto incetta di titoli, lasciando in sospeso solo la questione marche. Oggi arriva finalmente la sentenza definitiva, probabilmente un pò in ritardo, che rimette fuori gioco le Mercedes in Inghilterra e, come da regolamento Superstars, aggiunge una decurtazione di 20 punti sia alla classifica Piloti che in quella Team.

Se nella classifica driver nulla cambia nella sostanza con Liuzzi e Biagi che rimangono in terza e quarta posizione, in quella team, con 60 punti in meno (40 conquistati sul campo e 20 di penalizzazione) Audi Sport Italia passa al comando, distanziando i rivali del Romeo Ferraris di appena 13 lunghezze.

Massimiliano Palumbo