EuroV8: Francesco Sini fa sua gara 2 a Brno, Baldan allunga in campionato VIDEO

10436687_743267199048453_1718699751380637044_n

E’ stata una gara decisamente movimentata quella andata in scena nel pomeriggio sul tracciato di Brno con protagoniste le vetture dell’EuroV8 Series! La bandiera a scacchi ha sancito vincitore Francesco Sini, partito sesto in griglia e autore di un gara accorta ma di rimonta, davanti a Nicola Baldan, che ha intelligentemente gestito il suo vantaggio in campionato, e Max Mugelli, risultato vincitore della…coppa BMW Dinamic.

Al via Ermanno Dionisio è in pole con l’Audi e al fianco la Mercedes di Diego Romanini, dietro le tre BMW Dinamic e il podio di gara 1 con la Camaro di Sini, la C63 Coupè di Baldan e la Rs5 di Kostka in quest’ordine. Allo scattare del verde Romanini, Baldan e Sini fanno valere la potenza dei loro motori: le due Mercedes si portano in testa alla gara, con il pilota CAAL davanti al leader di campionato e Sini che si infila tra le BMW. Dionisio viene risucchiato dal gruppo ma la sua gara dura poco, alla seconda staccata un fin troppo ottimista Kostka lo centra in pieno, ponendo di fatto fine alla gara del bresciano e compromettendo la sua cavalcata al titolo.

In testa Romanini si fa il diavolo a quattro e si difende con forza dagli attacchi di Baldan mentre Sini, giro dopo giro, si libera di tutte le BMW. Alla seconda tornata, dopo un primo attacco finito con un accompagnamento fuori pista, Baldan riesce ad avere la meglio su Romanini, che deve arrendersi anche all’attacco di Sini con la Camaro. Intanto Kostka risale fino al terzo posto, insidiano la Chevrolet della Solaris Motorsport, ma al quinto giro un drive through per l’incidente con Dionisio lo costringe ad un passaggio obbligato ai box e addio sogni di gloria.

Al sesto passaggio, dopo essersi libero di Kostka e con due tornate di studio, Sini rompe gli indugi e attacca Baldan per la prima posizione. Il veneto prova a resistere ma si passa una mano sul cuore e l’altra sul campionato ed alza il piede, un secondo posto, con Kostka e Mercatali attardati, sono oro in ottica campionato. La bandiera a scacchi sancisce così la splendida vittoria di Francesco Sini e della sua “Principessa”, quella Chevrolet Camaro che i tecnici Solaris hanno ultimato di ricostruire solo martedi mattina, gusto in tempo per caricarla sul bilico che l’ha portata a Brno. Un successo dedicato a tutti i tecnici del team che hanno reso possibile questo miracolo dopo il crash del Mugello, che ha rischiato di non veder al via di Brno la muscle car della scuderia abruzzese. Ottimo secondo posto in ottica campionato per Nicola Baldan, che a 2 gare dal termine (le due prove in Germania si correranno su gara singola più lunga in luogo delle classiche due manche da 25 minuti), si trova a poter amministrare un vantaggio di 17 punti proprio su Ringhio Sini, balzato al secondo posto in classifica.

Terzo ha concluso Mugelli con la M3 del team Dinamic, uscito vincente dalla lotta in famiglia con Mercatali, quarto, e Copetti, quinto. Questi due, tra l’altro, hanno regalato manciate di spettacolo nei giri finali, combattendo paraurti contro paraurti tra un traverso e una staccata a ruote fumanti per la quinta posizione.

Partito secondo, Diego Romanini conclude la sua gara al sesto posto dopo aver via via perso posizioni a causa forse di una condotta di gara troppo irruenta che non ha pagato in termini di tempo sul giro. Settimo Giovanni Lavaggi, nuovamente giunto al traguardo con la sua Lexus IS-F, davanti a Ermanno Dionisio ottavo, che salva il bilancio di Audi Sport Italia dopo il ritiro di Kostka e la non partenza per cause tecniche di Zonzini.

Come detto, a due gare (da 35 minuti l’una) dal termine, il campionato piloti vede Nicola Baldan in testa con 17 punti di vantaggio su Francesco Sini e 20 su Tomas Kostka. Nicolò Mercatali, giunto in Repubblica Ceca al secondo posto, scivola al quarto a -25. Il prossimo appuntamento dell’EuroV8 è previsto per il 21 settembre sul tracciato tedesco del Sachsenring.

Massimiliano Palumbo

Immagine