EuroV8 Series, tutto pronto per il rush finale

eurov8seriesjpg

Tutto pronto per il quinto e penultimo round della EuroV8 Series sul circuito del Sachsenring, prima delle due trasferte tedesche che concluderanno il campionato. Per l’occasione farà il suo debutto il nuovissimo format di gara, che si vorrebbe rendere standard il prossimo anno, che prevede una gara singola da circa 30 minuti più un giro. Un cambiamento non così banale che se da un lato potrebbe favorire Audi per via del minore consumo delle gomme durante tutto l’arco della gara, dall’altro potrebbe mettere in crisi i freni delle auto più pesanti e creare qualche grattacapo ai motori meno persimoniosi di carburante. I serbatoi sono gli stessi delle gare da 25 minuti ma ovviamente riempiti fino all’orlo, qualcuno sarà costretto ad alzare il piede per finire la gara?

L’attenzione di tutti, comunque, sarà sulla sfida a tre in testa al campionato con il capoclassifica Baldan che avrebbe a disposizione il primo macht point della stagione, ma i 17 punti di vantaggio – 35 ne andranno al vincitore – sono forse ancora troppo pochi per pensare di poter chiudere già questa domenica il discorso per il titolo. La gialla Mercedes RRT del veneto dovrà inoltre portarsi a spasso 30 kg di zavorra su una pista da molti definita come decisamente favorevole alla trazione integrale Audi. Discorso analogo per l’altro contendente al titolo Francesco Sini, secondo in campionato con 17 punti da recuperare e 50 kg di peso aggiuntivo da portare a spasso: “Abbiamo scelto il posto peggiore per avere la zavorra massima!”, ha detto tra il serio e il faceto Ringhio. Il pilota della Camaro potrà però contare sul supporto di Giovanni Berton, vicecampione Superstars 2013, prestato per questa gara dal team Dinamic, che sarà sulla seconda Chevrolet della Solaris Motorsport. Il veneto, reduce dal GP d’Italia di F1 dove ha preso parte alla gara della Porsche Supercup e quest’anno impegnato regolarmente della Porsche Carrera Cup Italia, utilizzerà la Lumina con cui Domenico Schiattarella ha conquistato nella prima parte di stagione 4 podi in 4 gare.

Sia la Mercedes che le Chevrolet sono vetture che traggono maggiori benefici dalla potenza del loro motore e su una pista tortuosa come il Sachs, gravate anche dalla zavorra, potrebbero andare in difficoltà nei confronti delle Audi, favoritissime grazie alla loro capacità di uscire velocemente dalle curve. Tomas Kostka, terzo in campionato ad una manciata di punti di Sini, ha la grande occasione di recuperare lo svariore commesso a Brno, che gli è costato la vittoria e un bel pò di punti. Il ceco, uno dei pochi a conoscere la pista avendoci già corso in F3 e DTM, avrà dalla sua il rookie terribile Emanuele Zonzini, che alla prima presa di contatto a Brno aveva subito fatto segnare il secondo tempo in qualifica ma ha dovuto dare forfait in entrambe le gare per un guasto tecnico. Occhio a questi due! Sulla terza RS5 ci sarà ancora una volta Ermanno Diniosio, pronto a fare sua la classifica Gentleman.

Tre come previsto le BMW Dinamic, confermato Max Mugelli ma con Francesca Linossi ed Emanuele Pindari a sostituire Copetti e Mercatali. Per la bresciana si tratta di un ritorno nella serie V8 dopo una prima parte di stagione passata nella NASCAR Whelen Euro Series tra alti e qualche difficoltà. Sarà bene non sottovalutare le M3, non avranno tanto motore ma le qualità del loro telaio potrebbero aiutarle non poco a districarsi dalla curve che caratterizzano la prima parte del circuito, permettendo così ai migliori driver di inserirsi nella lotta delle posizioni che contano.

Altre due BMW saranno portate in pista dalla famiglia Giacon, per Domiziano e Jonathan, mentre il terzo componente della famiglia da corsa Kevin avrà a disposizione un’Audi RS4, così come il debuttante Silvano Bronzoni.

Sabato alle 18.50 ci saranno le qualifiche, mentre domenica alle 14 è previsto lo start della gara che sarà trasmessa in differita integrale da Italia 2 alle 18 ma sarà possibile vederla in diretta streaming sulla nostra home page.

Massimiliano Palumbo