FG Group chiude la SWR, ma la Superstars sopravvive. O dovrebbe.

000514

Sta facendo molto scalpore nelle ultime ore la notizia della liquidazione della società SWR, appartenente a FG Group. A molti il nome potrebbe non dire nulla, ma i ben informati sanno che dietro questa sigla si nascondono coloro che hanno inventato, dato vita e reso celebre la Superbike e che, 10 anni fa, hanno dato il là alla Superstars.

Con la SBK “venduta” alla Dorna, nelle mani della FG Group rimaneva la Superstars, per la quale, giusto qualche settimana fa, era stato prospettato un futuro radioso con una lega di 8\10 squadre supportate al 60\80% dall’organizzatore. La chiusura di SWR, però, mette in discussione tutto ciò. Almeno in teoria.

Perchè se la chiusura da parte della storica società di Flammini vuol dire la fine della Superstars così come la conosciamo, nulla vieta che si possa riaprire una nuova società senza debiti e con residenza in un paese dove la fiscalità è meno oppressiva rispetto all’Italia.

Insomma, potrebbe, dovrebbe, trattarsi di un polverone sul nulla. La chiusura di una “bad company” per una “new company” vergine, magari con nuovi padroni e senza la zavorra di debiti pregressi con cui organizzare il campionato Superstars 2014.

Sono certo che l’eredità di un Campionato come la Superstars sia tale da consentirgli di rinascere presto. Sono pronto a collaborare con investitori che abbiano interesse a partecipare ad un’iniziativa di alto profilo“, sono le parole del comunicato di Maurizio Flammini a cui si aggrappano gli appassionati. A meno che le roboanti interviste di qualche giorno fa siano state tutte un bluff.

Ma, per quanto ne sappiamo, i lavori per il campionato 2014 sono ancora in corso…

Stay tuned!

Massimiliano Palumbo